Adelaide - Una luce nell'oscurità

Post n°1861 pubblicato il 01 Giugno 2024 da ormalibera

Il mio ultimo racconto. Ho vissuto gli anni sessanta, ero una adolescente. Vedevo quel mondo come non scalfibile. E intanto vedevo ciò che mi appariva ingiusto, che non approvavo.
In questo mio ultimo racconto ho riportato, immerso nel fantastico viaggio di Adelaide, in una misteriosa città sotterranea, la vita di quelle donne sottomesse ai maschi.

Oggi la società è molto cambiata, ma è come se fosse cambiato ben poco. Ancora i femminicidi spaventosi ci ricordano che non c'è stata una vera crescita dell'uomo.

Non ho velleità di scrittrice, ma solo il desiderio di comunicare il mio pensiero, e l'esperienza di una vita intera.
Al desiderio di quiete la vita mi ha risposto con una ricchezza di esperienze che adesso riesco a osservare senza pregiudizio alcuno. Ne vedo la ricchezza, e posso sorridere, posso comprendere il percorso irto di ostacoli che ho attraversato

Una vita che mi ha dato tante rose insieme a un cespuglio pieno di spine.

ADELAIDE: Una luce nell'oscurità



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

tecnologia

Post n°1860 pubblicato il 31 Maggio 2024 da ormalibera
 

Su facebook, vedo che mi si ricorda che oggi è il compleanno di mia cugina. Morta diversi anni fa.
Internet ci rende immortali?
Mi si è stretto il cuore. Anche a mia dipartita resteranno qui i miei scritti.
https://blog.libero.it/Karamazov/
 Ninograd
Seguito per tanti anni, a un tratto, scompare. Nessuno a scrivere ciò che gli è successo.

Lasciando da parte le malinconie, forse c'è qualcosa di molto serio al quale rivolgersi.

Stanno  facendo di tutto per portarti alla terza guerra mondiale, e alla prima e ultima atomia.

Stupidità? Crudeltà? difficile diagnosi. Forse le patologie sono entrambe presenti.

E noi? Noi, ad aspettare gli esiti. Invece di ribellarci, in 60 milioni, e dire basta con questi governi folli, che vogliono distruggere il mondo non solo noi. Ad aspettare.

La mia impotenza diventa rabbia.
Dovrebbe diventare rabbia per tutti gli esseri umani dotati ancora di vitalità, di amore per la vita e per sé stessi, oltre che per i propri figli e le persone che amano.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Un momento di gioia

Post n°1859 pubblicato il 16 Maggio 2024 da ormalibera
 

I sogni si avverano, e quando meno te lo aspetti.

Il mio racconto "Arginare il male" ha ricevuto una "Menzione di merito" a un concorso letterario.
Roba di poco conto, per chi è abituato alle premiazioni.
Per me è stato come toccare il cielo con un dito. Una grande gioia, anche se non sono potuta andare a ritirare l'attestato. L'Isola d'Elba è bellissima, ma difficile da raggiungere. Almeno per me.

Una goccia di rugiada disseta una formica, una farfalla, un'ape, così questo piccolo attestato, per me un immenso riconoscimento, mi ha offerto la spinta e l'entusiasmo per continuare a scrivere, non solo per me.
In mezzo a tanti scrittori, il mio racconto è stato visto.
I miei personaggi, la mia storia, adesso si è materializzata, almeno nella mente di chi lo ha letto.
Un grazie a chi mi ha permesso di gioire.

Le parole sono armi potentissime, usate per il male distruggono, ma se impariamo a usarle per il bene, per condividere e comunicare allora, grazie parole.

Un sorriso

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Amore

Post n°1858 pubblicato il 11 Maggio 2024 da ormalibera
 

Vado sempre in bici, solo così puoi donare e ricevere sorrisi, e puoi vedere ciò che da un'automobile è impossibile.
Me ne torno dalla spesa, i cestini pieni zeppi. E, a un tratto, faccio una strada diversa dalla solita e vedo qualcosa di meraviglioso.

Davanti allo studio del veterinario ancora chiuso, sul marciapiede, un cesto di vimini, una coperta da dove spunta una testa lanugginosa, marrone. Accovacciato, davanti alla cesta, un uomo anziano. Minuto, capelli bianchi. Chino su quel cesto. Sta accarezzando la testa di un cane. Avvolto nelle coperte, spunta solo la testa.

Un gesto d'amore che mi è arrivato sino al cuore e lo ha riempito di una immensa tenerezza.
Avevo visto l'amore fra due creature.

Davanti alla follia umana, oggi all'ennesima potenza, quella scena diventa la medicina per questo grande male.

Avrei voluto stringere a me, abbracciare entrambi.

Ogni essere vivente, persino ciò che è inanimato merita il nostro rispetto, l'attenzione, l'amore.

L'umanità va troppo di fretta verso la sua autodistruzione, ma l'amore non si spegnerà fino a che qualcuno ne proteggerà la fiammella.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

cerchi

Post n°1857 pubblicato il 09 Maggio 2024 da ormalibera
 

Ieri sera ho visto alcuni video sui vaccini. Qualcosa che l'umanità sin dalla storia che noi conosciamo non ha mai sperimentato.
Sperimentiamo noi un male nuovo, uno che il pianeta ancora ignorava. Una melma putrida che ingloba tutto ciò che tocca.

E non parlo solo della perdita di libertà, di salute, di positività, mi riferisco all'interezza dell'uomo che davanti a una prova non ha saputo superarla.

Ci sono state persone costrette a piegarsi per non perdere il lavoro e morire di fame, tutto il mio amore e rispetto verso di loro. (Ho persone care costrette a farlo, e il mio cuore trema ogni giorno)

Voglio parlare di cerchi nell'acqua. Se lanci un sassolino sulla superficie piatta di un lago o del mare ecco che cerchi concentrici si allontanano dal centro, dove il sasso è scomparso ma restano i cerchi e continuano a espandersi.

Noi siamo quei cerchi, anzi, siamo il sassolino che ha smosso la superficie. Ciascuno è produttore, creatore di cerchi concentrinci che si allontano da noi. Non possiamo più controllarli ma andranno a toccare altri cerchi sul vasto oceano di questa realtà.

Saremo, siamo in pochi a vedere questa realtà? Non importa. Nella consapevolezza agiamo per provocare cerchi di amore, di benessere, di gioia, di luce.
Abbiamo sperimentato abbastanza dolore e sofferenza, è ora di creare il bene.
Come dice Malanga "noi siamo i creatori". Possiamo anche non credere che sia così ma.... la mattina ti svegli e sorridi, ti alzi e guardi il miracolo di un altro giorno. E decidi di allontanare, anche per pochi minuti, l'angoscia  che ci assale.

Guarda, cerca, coccola, accarezza l'amore che è dentro il cuore e portalo alla mente. Si può fare, anche solo per poco.
Posso assicurare che quando inizi poi non vuoi più smettere. Io mi sono accorta che amare è facilissimo. Provare tenerezza per sé stessi è il primo passo.

Anche noi blogger siamo sassolini che lanciamo in questo lago chiamato internet e non sappiamo quanti cambiamenti apportiamo in chi ci legge.

Un grande abbraccio e un sorriso, possiamo farcela.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

il mio racconto

il mio racconto

 

Ultime visite al Blog

alf.cosmoselyravQuartoProvvisoriocassetta2surfinia60maresogno67CherryslormaliberaDoNnA.ScardiavincenzobubriskacrilunavbumpabumtraFanny_Wilmot
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 129
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

che splendido segnale stradale

Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di corre il rischio di vivere i propri sogni ciascuno con il proprio talento

 

"L’unico vero “peccato”  è morire prima d’esser morti consegnandosi alla speranza evanescente di un “altro mondo”,
perchè l’unico significato, l’unica verità sta nel Verbo della Vita:

 

 

da ricordare

vivere con amore è occuparsi delle cose quotidiane con infinita tenerezza".

 

Ognuno di noi ha un paio d'ali,ma solo chi sogna impara a volare.

 

preso da un'amico

Strana Maestra, la Vita: ciò che ti insegna ti serviva sempre molto tempo prima

 

Crescere vuol dire accettare di abbandonare quel che ci è servito ieri, oggi solo un peso,

inutile zavorra

 

credere non è sapere, informazione non è conoscenza

 

da ricordare

vivi come se fosse l'ultimo giorno, pensa come se fossi eterno, perchè il sonno della ragione genera mostri

 

da un giovane amico

Cerca qualcuno che ti faccia sorridere, non ridere, perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornata buia.

 

questa non è una testata giornalistica

questo blog non rappresenta una testata giornalistica perché aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/01. Ove ci fossero immagini o testi che violino i diritti d'autore, su richiesta saranno rimossi immediatamente.

 

 

 

considerazioni da un blog amico

Il CREDERE tranquillizza,ma in modo superficiale,percio si ha bisogno di tante persone per rafforzarlo. E'la più potente DROGA, altera la realta,con le proprie fantasie,soltanto perchè si e paurosi dell"IMMENSITA DELLA VITA

 
Profezia degli Indiani Cree
Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto.
Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato.
Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato.
Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia
 

La legge della montagna: aiuta il tuo prossimo ma solo dopo aver messo in sicurezza te stesso.

 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963