Messaggi di Ottobre 2021

banconote

Post n°1777 pubblicato il 21 Ottobre 2021 da ormalibera
 

Chi siamo? cosa sta succedendo? Come hanno fatto a prenderci per gli.... attributi? e stritolarceli?


Lo strumento primario è stata la religione. Ma oggi ritorno sul Dio Denaro, in mano ai figli di tale divinità.

La BCE stampa (dal nulla) banconote. Dietro quelle carte così luccicanti di colori non vi è assolutamente nulla, se non l'amo con il quale "pescano" la nostra energia vitale.

Stampano a loro piacere, rastrellano a loro piacimento. Tutto impunemente. Anzi, con il sostegno di milioni di dormienti.

Io coltivo il grano, lo mieto e poi produco la farina con la quale faccio il pane, la pasta, i dolci, le focacce.....

Poi viene un alieno ben vestito, che sa parlare bene e si prende la mia farina, e mi convince a non impastare più la mia farina. E poi pretende, in cambio del pane privo di nutrienti che lui produce, i miei favori, i miei cereali, il frutto del mio lavoro.
Mi dice che è così, che non si può più fare diversamente.

I suoi forzieri sono stracolmi del mio grano e a me resta solo la fame e il duro lavoro.
Questo è quello che noi stiamo vivendo.

E siccome non gli bastava il frutto del nostro lavoro, adesso vogliono anche le nostre case, i nostri risparmi, le nostre anime, la nostra energia vitale che chiameremo "l'umano".

Milioni, ormai indeboliti dall'acqua sempre più calda, come la famosa rana, non reagiscono, non hanno più forze? gli piace essere schiavi? sono già senz'anima? non lo so.

Ma dobbiamo cominciare a pensare che il nostro grano, la nostra farina, deve restare nostra, e la scambieremo solo con altri prodotti di pari valore o pari bisogno, o anche diletto.

Affamare i parassiti, si può. I parassiti non smetteranno mai di succhiare la linfa o il sangue della vittima. Bisogna trovare il modo per chiudere i rubinetti. Smettere di rimpinzarli con la nostra energia, sia quella che proviene dalla rabbia che dalla paura.

Nella consapevolezza che i parassiti non offrono niente in cambio, prendono soltanto dando in cambio solo paura, miseria, morte, povertà, sterilità, distruzione. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

storia di un blog 5

Post n°1776 pubblicato il 14 Ottobre 2021 da ormalibera
 

Con questa pubblicazione ho fatto la cosa più inconcepibile che potessi fare. Se me lo avessero detto molti anni fa avrei risposto che era impossibile. 


Una esperienza personale, una sfida a me stessa, sia dal punto di vista della pura capacità di riuscire a seguire le modalità di pubblicazione su Amazon (visto che di editori interessati ai miei racconti: zero assoluto), sia il superamento delle mie paure di farmi vedere per quella che sono.

Ma in queste pubblicazioni vi è il contributo di tanti blogger che ho incontrato lungo la strada. Grazie a loro sono cresciuta, ho vinto la timidezza, molte paure, ho sconfitto la disperazione che a volte mi assaliva.

Non ci sono solo io in questi scritti, c'è il cuore di tante persone meravigliose che sono nel mio cuore e fanno parte di me.

Grazie. Un ringraziamento ovunque siano, ancora in questa realtà o tornate alla nostra casa, oltre questa realtà.

Grazie, vi abbraccio con tutto il mio cuore. 




https://www.amazon.it/storia-blog-una-vita-nuova/dp/B09HPS29NT/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=storia+di+un+blog+5&qid=1634232277&sr=8-1

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

addio denaro

Post n°1775 pubblicato il 13 Ottobre 2021 da ormalibera
 

Quando qualcuno ti costringe a fare qualcosa, l'istinto si ribella. Cosa buona e giusta. Tutti gli animali si ribellano alla gabbia.


Adesso la nostra gabbia ha anche un nome: società tecno-dittator-sanitaria-economica.

E il laccio con il quale siamo stati catturati si chiama denaro. Si potrebbe anche dire presi all'amo, ma meglio definirlo guinzaglio con nodo scorsoio. Se cerchi di fuggire vieni soffocato.

L'unico modo è rendere elastico e fragile il laccio. Ovvero rendere sempre meno potente il Dio Denaro.

Pensavo all'utilizzo di una tecnologia contro la tecnologia. Usarla per ritornare al vecchio baratto. In cambio di un servizio o un oggetto dare un "ti devo un ex ....(euro)". Dare un ti devo in seguito trasformato in un favore, un lavoro che offro a chi mi mostrerà il mio "ti devo....".

Utilizzare il denaro solo per le tasse, o dove è assolutamente (ancora) indispensabile.
In un mondo felice, tutti dovrebbero lavorare per il bene proprio e quello della collettività o dell'ambiente, e avere cibo e alloggio senza bisogno di utilizzare il denaro.

Seguendo i video di Corrado Malanga, sto riscoprendo quello che già sapevo ma non ricordavo di sapere.

Per sfuggire al Male dobbiamo accendere la Luce del Bene. Per restare o tornare umani dobbiamo ritornare a noi stessi, a riscoprire chi siamo, e ascoltare la nostra Anima, far pace con il nostro Spirito e lasciare libera la Mente.

Tutto parte da noi, ogni nostra scelta influenza la storia futura.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

le tabelline

Post n°1774 pubblicato il 07 Ottobre 2021 da ormalibera
 

Ero una schiappa in matematica, ma amavo l'algebra. Quel segno meno mi intrigava, mi attirava. Forse mitigava questa realtà mostrando, in un ambito razionale, un suo opposto. Quel segno meno era molto di più di un semplice trattino.

Ancora credevo in un mondo sulla strada del bene, della crescita. Credevo che finalmente, nonostante la storia dicesse esattamente il contrario, l'umanità avesse imparato dalle esperienze pregresse.
No, mi sbagliavo, mi illudevo, forse solo speravo.

Non solo il Male sembra aver vinto la sua battaglia. Non solo non siamo arrivati a una società, una umanità del bene-essere, ma esattamente il contrario. E in tutto il mondo.

Ciò che doveva aiutarci come un coltello che taglia il pane in belle fette, ci ha ucciso. Ci sta uccidendo.

La politica, la sete di potere, il lato oscuro dell'uomo, il Dio Denaro ha sempre procurato dolore, morte, distruzione, morte, paura da quando l'uomo ha iniziato a staccarsi da madre natura.

A queste mostruosità oggi si è aggiunta la tecnologia. Avrebbe dovuto affrancarci dalla fatica, donarci tempo per la ricerca, gli affetti, la conoscenza, lo studio. Invece si è rivelata l'esatto contrario.
Ci sta uccidendo, sta distruggendo la nostra umanità. In due modi.
I dittatori di un tempo non potevano arrivare, capillarmente, a ogni soggetto-suddito. Oggi questo è possibile.
E non solo, sta uccidendo la nostra mente, potenzialità e capacità.
Nessuno più lavora con la mente, memorizza, intuisce, osserva, riflette. Sempre più la nostra vita è affidata alle macchine, e ne siamo diventati schiavi.

Facebook, i social si interrompono per più di 7 ore. Panico, disperazione. Orrore!

La tecnologia non solo ha fatto perdere milioni di posti di lavoro, lasciando esseri umani nella fame e disperazione, ma ha portato a smettere di usare quell'organo eccezionale che è il nostro cervello.
E non solo, siamo diventati servi-schiavi delle macchine, della tecnologia. 
Dalla tecnologia, che di per sé non è né buona né cattiva, ci siamo fatti derubare il senso dell'umano, con sentimenti, affetti, spiritualità. 

Ora i poteri globalisti ci vogliono trasformare in macchine ubbidienti e telecomandati per completare l'opera.
In pochi hanno visto la realtà, resosi conto del pericolo. E sarà una dura battaglia per tornare umani, per restare umani.
Molti sono i chiamati ma pochi gli eletti. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Liberi? siamo veramente liberi?

Post n°1773 pubblicato il 03 Ottobre 2021 da ormalibera
 

Anche a volerci illudere di essere liberi, il potere ci toglie anche questa illusione.


Oggi pensavo al perché della cistite. C'è sempre una ragione. Cistite=dolore. Dolore, perché?
Dovevo prendere l'oki, ma da solo non bastava, dovevo guarire la mente.

E così sono tornata al passato remoto, trapassato remoto. Bambina. Sono ritornate a galla le volte in cui gli adulti mi hanno ferita. Sembravano aver ricevuto ordini precisi: dovete impedirle di provare piacere.
Qualsiasi piacere.
E così è stato per tutta la mia vita. Attiravo chi mi avrebbe impedito di provare piacere.

Ho lottato, ma non si può lottare contro sé stessi, se non nella consapevolezza.

Collera, risentimento, odio per tali persone. Ma poi ho capito che erano solo esperienze che dovevo fare. Fino a che non comprendi, la lezione ti viene sempre riproposta.

Siamo davvero liberi di scegliere? scegliamo davvero e sempre nella consapevolezza? Temo di no.

Lo saremo solo quando avremo compreso le lezioni, le esperienze che abbiamo scelto di fare in questa realtà.
Prima impariamo, prima passiamo alla successiva.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

il mio racconto

il mio racconto

 

Ultime visite al Blog

QuartoProvvisorioLavoro_Rinocassetta2indimenticabileiorinok2elyravArianna1921ormaliberaalf.cosmosdolcesettembre.1amici.futuroieriCherryslPRONTALFREDOsurfinia60cardiavincenzo
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 129
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

che splendido segnale stradale

Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di corre il rischio di vivere i propri sogni ciascuno con il proprio talento

 

"L’unico vero “peccato”  è morire prima d’esser morti consegnandosi alla speranza evanescente di un “altro mondo”,
perchè l’unico significato, l’unica verità sta nel Verbo della Vita:

 

 

da ricordare

vivere con amore è occuparsi delle cose quotidiane con infinita tenerezza".

 

Ognuno di noi ha un paio d'ali,ma solo chi sogna impara a volare.

 

preso da un'amico

Strana Maestra, la Vita: ciò che ti insegna ti serviva sempre molto tempo prima

 

Crescere vuol dire accettare di abbandonare quel che ci è servito ieri, oggi solo un peso,

inutile zavorra

 

credere non è sapere, informazione non è conoscenza

 

da ricordare

vivi come se fosse l'ultimo giorno, pensa come se fossi eterno, perchè il sonno della ragione genera mostri

 

da un giovane amico

Cerca qualcuno che ti faccia sorridere, non ridere, perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornata buia.

 

questa non è una testata giornalistica

questo blog non rappresenta una testata giornalistica perché aggiornato senza alcuna periodicità, pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/01. Ove ci fossero immagini o testi che violino i diritti d'autore, su richiesta saranno rimossi immediatamente.

 

 

 

considerazioni da un blog amico

Il CREDERE tranquillizza,ma in modo superficiale,percio si ha bisogno di tante persone per rafforzarlo. E'la più potente DROGA, altera la realta,con le proprie fantasie,soltanto perchè si e paurosi dell"IMMENSITA DELLA VITA

 
Profezia degli Indiani Cree
Solo dopo che l'ultimo albero sarà stato abbattuto.
Solo dopo che l'ultimo fiume sarà stato avvelenato.
Solo dopo che l'ultimo pesce sarà stato catturato.
Soltanto allora scoprirai che il denaro non si mangia
 

La legge della montagna: aiuta il tuo prossimo ma solo dopo aver messo in sicurezza te stesso.