Creato da middlemarch_g il 24/01/2008
'Fallisci meglio' è il mio secondo nome
 

 

« Lo sapete che il il suo ...Sottili questioni logistiche »

Bird power

Post n°791 pubblicato il 19 Giugno 2012 da middlemarch_g

Tornando indietro dalla mia consueta passeggiatina di salute, avevo intenzione di fare il solito giro: argine, circonvallazione, semaforo, via Palermo, Via Siracusa, casa.

Senonché, una volta attraversata la strada che dall'argine riporta all'interno del quartiere, mi si sono parate di fronte due anatre, e nemmeno piccoline. La potenza di certi incontri sta tutta nella contestualizzazione adeguata. Specie quando latita. Dieci metri più in là, oltre l'argine e dentro il Bacchiglione, le anatre ci stanno benissimo. Fanno parte integrante del paesaggio e non ti accorgi nemmeno che ci sono. O meglio, te ne accorgi, ma non vedi nessun motivo di attivare un sensore per rilevarne la presenza. Le anatre che sciacquettano nel Bacchiglione sono come le tagliatelle e il ragù, oppure il cacio e i maccheroni. Sono fatti l'uno per l'altra.

Ma quando risali al livello della circonvallazione, e il panorama da agreste diventa urbano e anche di parecchio aggressivo perché le macchine corrono, le cose cambiano radicalmente. A quel punto due anatre diventano una visione che destabilizza. La prima cosa che ti domandi è: che cazzo vi è venuto in mente di attraversare? Perché io di etologia so un piffero, però a occhio l'anatra non la vedo assimilabile al puma dell'altopiano o ad altro predatore capace di coprire immense distanze perché spinto dalla fame e dall'insaziabile curiosità di spazi nuovi e stimolanti. L'anatra è un po' la zia suora del mondo animale. Si chiude nel suo romitorio acquatico e s'accontenta di vedere i bambini che giocano da lontano.

Oltretutto anche le anatre in questione, si vedeva benissimo, la pensavano esattamente come me. Starnazzavano, è chiaro. Ma il sottotesto l'avrebbe capito anche un pisquano qualsiasi del tutto digiuno di comunicazione animale. Si facevano proprio la stessa domanda che m'ero fatta io: ma che cazzo c'è venuto in mente di attraversare?

Ho cominciato a preoccuparmi. Che fossero intenzionate a fare il percorso inverso per tornare indietro verso l'argine era chiarissimo. Restava da stabilire come e quando. E il rischio che fosse in corrispondenza del passaggio di un crossover, data l'ora e la ricorrenza epidemica dei crossover in pianura padana, era elevatissimo. Il bello è che una delle due alla fine ha capito che era il caso di metterci del suo - se voleva sperare di rivedere i suoi cari - ha smosso il culo, tirato un paio di colpi d'ala, e attraversato a ragionevole distanza dal cemento. Niente che avrebbe impressionato un'aquila della grandi pianure, ma insomma quei tre metri dal suolo li ha staccati, riducendo di parecchio il rischio di finire inchianata sotto le ruote di una macchina. Era l'altra che non ne voleva sapere.

E insomma m'è toccato anche il duck driving. Nell'impossibilità di farle capire che sarebbe stato meglio aspettare il semaforo pedonale e attraversare sulle strisce, mi sono messa in mezzo alla strada bloccando il traffico e al tempo stesso cercando di spingerla nella direzione giusta. M'aspettavo di essere coperta di insulti da parte degli automobilisti. Invece no. Anzi. Qualcuno mi ha anche aiutato strombazzando col clacson per spaventarla e costringerla a smuovere le chiappe. Lì per lì credevo suonassero a me per togliermi dai piedi. Ma no, non era così, perché sorridevano.

Sono stati due minuti di esperienza metafisica: le sette e mezza di sera, una donna in tuta ferma in mezza alla strada che blocca il traffico e urla contro un'oca inseguendola per spingerla nella giusta direzione, e un paio di automobilisti che fanno un casino ritmato per collaborare alla realizzazione dell'impresa. Quando alla fine ci siamo riusciti - nel frattempo la prima anatra, quella che era passata volando, era rimasta in cima all'argine per controllare che le cose non prendessero una brutta piega - e tutte e due finalmente sono scivolate lungo il pendio e poi dentro il fiume, c'è stato un momento di sospensione del tempo - ho sentito distintamente che il pianeta perdeva un battito dietro a quella divina assurdità - poi tutto è tornato come prima, e la pulsazione dellla vita ha ripreso a scorrere a ritmo regolare.

Chenesò. Penso che certe giornate valgono la pena solo per questo.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/middlemarch/trackback.php?msg=11395023

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
viperovip
viperovip il 20/06/12 alle 12:13 via WEB
M, mi permetto solo un piccolo appunto: "crossover" c'entra 'na sega con la prosa e la magia del momento.
 
 
middlemarch_g
middlemarch_g il 20/06/12 alle 12:43 via WEB
Quando il momento magico, ogni cosa fa poesia, Vipero.
 
je_est_un_autre
je_est_un_autre il 21/06/12 alle 09:48 via WEB
E ti credo che sorridevano, gli automobilisti. Avrei voluto assistere anch'io alla scena della middle che fa duck driving. Post bellissimo come sempre, l'immagine dell'anatra come la zia suora del mondo animale e che s'accontenta di guardare i bambini da lontano mi piace da matti.
 
lab79
lab79 il 24/06/12 alle 03:39 via WEB
Chiss agli occhi delle anatre quanto assurda la vita che noi viviamo!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Great expectations

Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio.

Samuel Beckett

 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

cassetta2zeno.colantonimarc1961udvenere_privata.xRuzowblackdevil5middlemarch_garienpassante_dickinsonlittlewing1970menta_mentelab79scalixaje_est_un_autre
 

Chi pu scrivere sul blog

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

2010

Ci siamo dati da fare altrove

 

Confermo i miei atti e rido dei miei castighi. E adesso condannatemi

Rosa Luxemburg

 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963