Creato da middlemarch_g il 24/01/2008
'Fallisci meglio' è il mio secondo nome
 

 

« Valutazione retroattivaParole sante »

Pause istruttive

Post n°446 pubblicato il 20 Febbraio 2009 da middlemarch_g
 

Prendi  due donne che non si conoscono e riuniscile in un locale affollato per passare insieme la pausa pranzo di un giorno qualsiasi.

Osservale sintonizzare le loro energie cominciando a parlare di niente che conti davvero: passatempi, contrattempi, sapore del cibo, lavoro odierno e lavori passati, trucco, parrucco, minime virtù, per finire con quel minuscolo caravan di alti e bassi che hanno animato una giornata come tante destinata a passare tra i piedi senza lasciare tracce visibili.

Poi guardale sollevare la testa, fissarsi negli occhi, e affinare la banda di frequenza come succede sempre quando si comincia a parlare della verità. Una cosa notevole perché non c'è molta gente che quando parla di sè si dimostra disponibile a servirsi della verità piuttosto che della pittoresca ricostruzione dei fatti. Quando usi la verità, non puoi ricorrere alla compiacenza dell'interlocutore, non puoi appellarti alla sua pietà, non te la puoi prendere col destino e neppure con le colpe degli altri. Quando usi la verità c'è sempre un solo colpevole: tu, e la misura in cui ti sei comportato da perfetto stronzo. Non è uguale dire: soffro, ed è colpa tua. Oppure: soffro, ed è colpa mia. Non è uguale per niente. Non si può neanche dire che comporti benefici immediatamente spendibili. E' più una cosa come un imperativo kantiano. Lo fai perché è tuo dovere farlo, e perché di fronte a certi sfaceli non ti regge lo stomaco a caricare anche il peso di una cazzata. Se proprio devo chiamare le cose con il loro nome, che sia almeno quello che hanno, porca trota, che a indorare la pillola mi viene solo da vomitare. Tanto il plotone spara comunque. Non lo fa per cattiveria, lo fa perché deve sparare. Lo fa perché questi sono gli ordini.

Alla fine sul tavolo rimane un bel quantitativo di frattaglie. Considerevole davvero. Guardi quel macello e ti viene in mente Shakespeare e quella cosa del Macbeth che dice più o meno: chi l'avrebbe detto che ci fosse tanto sangue?

Da fuori non si nota. Da fuori vedi solo due donne che raccolgono il loro cappotto e vanno a prendersi un caffè. Una cosa si vede però. Ed è che sono belle. Molto, molto, molto belle. Tutte e due. Una più bella dell'altra. Sarà stata tutto quel sangue, o forse tutta quella verità, questo non è chiaro. Ma sono talmente belle che davvero non c'è nessuna che sia più gnocca di loro là dentro.

Forse perché è così che ti premia la verità, che ti abbatte come un vitello senza anestesia, ma poi ti tende la mano per tirarti in piedi e ripartire. O forse perché sono quasi le quattro, il locale è deserto, e hanno finito tutti di mangiare da almeno due ore.

Vai a sapere.

Un bacio da brivido, ricciolona.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/middlemarch/trackback.php?msg=6554760

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
ms.spoah
ms.spoah il 21/02/09 alle 22:07 via WEB
Il burro francese non è l'unica cosa salata...Hai ragione, Middle: la verità tende la mano per tirarti in piedi e ripartire ed è sempre una cosa molto molto personale ma condivisibile...credo. Un bacio, bellezza.
 
 
ms.spoah
ms.spoah il 21/02/09 alle 22:11 via WEB
...che poi forse il burro francese non è salato...Fa niente: se fosse salato, non sarebbe l'unica cosa salata... (dio ci salvi e liberi dalla ms)
 
ms.spoah
ms.spoah il 22/02/09 alle 02:11 via WEB
Siccome mi ha riportato con la mente a questo tuo post estrapolo e te lo leggo: "I nostri divertimenti sono ora finiti. Questi nostri attori,/Come vi avevo annunciato, erano tutti spiriti, e /Si sono dissolti nell'aria sottile:/E, come l'esile trama di questa visione,/Le torri coperte di nubi, i sontuosi palazzi,/I templi solenni, lo stesso enorme globo,/Sì, tutto ciò che esso eredita, svanirà,/E, come questo inconsistente sforzo sbiadito,/Non lascerà dietro di sé rovine."
(...) Le torri, i palazzi, i templi diventano vibranti e si spezzano per la troppa vita che è in loro. (...)
Vita, mutamento, movimento e insicurezza non sono altro che nomi diversi della stessa cosa. Qui, se non ovunque, la verità è bellezza, perché movimento e ritmo sono l'essenza di ogni cosa bella
.
Spero di aver estrapolato bene. Forse potrà sembrare una visione un po' new age, ma a me è piaciuta e l'ho sentita piuttosto vera. Baciuzzo.
 
aranceacolazione
aranceacolazione il 22/02/09 alle 11:00 via WEB
la verità è un grande regalo. insostituibile. sono contenta che sei tornta bionda.
 
lupopezzato
lupopezzato il 22/02/09 alle 11:19 via WEB
Prendi una donna, dille che l'ami,
scrivile canzoni d'amore.
Mandale rose e poesie,
dalle anche spremute di cuore.
Falla sempre sentire importante,
dalle il meglio del meglio che hai,
cerca di essere un tenero amante
sii sempre presente risolvile i guai.

Prendi due donne,
non solo due femmine dentro due gonne,
dico due donne,
chiudile assieme dentro ad un bar.
Una è liscia e l’altra è gassata,
lascia che parlino un pò e fra qualche risata
del tempo che viene, del tempo che va
poi quando il ghiaccio si scioglierà
tireranno fuori un pò delle loro verità.
La gente ch’è intorno non conta più niente.
Non si vede, nemmeno si sente.
Come chi sta fuori al palazzo
e conta meno di un cazzo.
Loro sempre più assieme, più sole e ancora più vere.
Il sole s’inclina, pomeriggi che diventano sere.
Si alzano. Vanno.
Nei loro beati cappotti che sono mani di panno.
Passando davanti al banco ne sento l’odore
e dei tacchi il rumore.
Son vere, son belle, più belle.
Gnocche lo erano già ma ora lo sono di più.
Sul tavolo, il conto, i soldi, sorrisi e dolore.
Robe d’amore.
Guardo i loro culi uscire dal bar.
Non so dove andranno.
Ameranno.
Ancora sangue e budella.
Fra le due, difficile dire chi è la più bella.

 
Utente non iscritto alla Community di Libero
eri il 23/02/09 alle 09:00 via WEB
hai presente quando hai chiesto ti va di parlare ancora di questa cosa o sei stufa ed io ho detto si, anzi, penso che sia adesso il momento in cui posso parlarne con serenità? ecco, non era vero. un bacio a te biondona.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Great expectations

Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio.

Samuel Beckett

 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

venere_privata.xcassetta2Ruzowzeno.colantoniblackdevil5middlemarch_garienpassante_dickinsonlittlewing1970menta_mentelab79scalixaje_est_un_autreDr_Thorne
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Pogoda
il 09/08/2018 alle 19:07
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Meteo
il 09/08/2018 alle 19:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Wetter
il 09/08/2018 alle 19:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Sat24
il 09/08/2018 alle 19:05
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Speed Test
il 09/08/2018 alle 19:05
 
 

2010

Ci siamo dati da fare altrove

 

Confermo i miei atti e rido dei miei castighi. E adesso condannatemi

Rosa Luxemburg