Creato da middlemarch_g il 24/01/2008
'Fallisci meglio' è il mio secondo nome
 

Messaggi di Settembre 2008

Avanti Savoia

Post n°269 pubblicato il 23 Settembre 2008 da middlemarch_g

Ieri sera il tiggìuno, come del resto tutti gli altri tiggì, ha mostrato una tabella che doveva esemplificare le relazioni fra l’ingestione di una certa quantità di vino e l’innalzamento del tasso alcolico.

Tabelle di questo tipo, va da sé, essendo sommamente generiche prendono come riferimento un uomo medio. Poi, siccome si vede che al tiggì1 sono proprio particolarmente portati per la didattica, hanno esteso la valutazione anche a una donna media.

La donna media del tiggì1 pesa 45 chili. La donna media. Da cui si deduce che una donna con 10 chili di più è grassa, e una con 15  o 20 chili di più è obesa. Mortacci loro.

Mi hanno fatto passare una mezz’ora d’inferno. Finchè – ringraziando Dio! – non ho avuto l’intuizione di andare a guardarmi anche il tiggì2.  Dalla cui tabella risultava insindacabilmente che una donna media pesa 60 chili.

Poi dice che in Italia è sempre tutta la solita broda! Vedete che non è vero? 

Eleviamo una prece dunque: la pluralità dell’informazione ancora una volta è salva.

 
 
 

Orrendo a Padova

Post n°268 pubblicato il 23 Settembre 2008 da middlemarch_g

Sono assonnata. Arrivo in ufficio prima del solito. Infilo la chiavetta nella macchina del caffè. Invece di digitare il n.15 - caffè macchiato - mi confondo, mi impappino, mi imbrano, mi sbaglio, mi inverto, e mi esce fuori il n.51.

N.51: caffè d'orzo. Così come ve lo dico. Puro. Manco macchiato.

Dio, che tragedia.

 
 
 

Matrimoni

Post n°267 pubblicato il 22 Settembre 2008 da middlemarch_g
 

Che culo. Ieri era una giornata schifosa. E domani – lo so per certo perché parlo con il senno di poi – sarà di nuovo una giornata schifosa. In generale il tempo resterà schifoso fino a tutto il fine settimana compreso. Oggi invece c’è un clima da Mulino Bianco. Per questo dico: che culo. Perché quando scegli di sposarti e in una lunga teoria di giornate di merda centri proprio quella con un sole così, la temperatura fissa a 25 gradi, la bavetta di vento, le nuvole a pecorelle, il paesino medioevale suggestivo, e il sindaco gioviale con la giacca a scacchettoni e la fascia tricolore con la nappa, allora vuol dire che tutto congiura per la tua felicità.

Poi c’è poca gente, pochissima, giusto lo stretto necessario. Rischi di sovraffollamento non ce n’erano comunque, perché mio padre è un tipo dalle inclinazioni pubbliche e cerimoniali molto low profile e oltretutto parenti stretti proprio non ne ha. E quindi – Dio ti ringrazio! – è possibile serenamente ignorare tutti quei codicilli imprescindibili che in queste occasioni impongono la vacua esigenza di riempire il silenzio con frasi di rito o, in alternativa, accettare di passare per psicopatici stronzi. Di norma la mia opzione preferita. Che inibisce la possibilità che qualcuno ti rivolga la parola, ma potenzia molto il rischio degli sguardi di sottecchi. Roba comunque fastidiosa.

Le cerimonie in Comune non durano niente. Se arrivi con 5 minuti di ritardo ti sei perso il matrimonio. Per me è l’optimum, tanto più che sono puntuale di natura e grossi rischi in questo senso non ne corro mai. Questo perché ho la conversione commotiva breve e fulminante. Mi viene da piangere, lacrimo, abbraccio, stringo, dico ti voglio bene, e per tutto il pacchetto cinque minuti sono più che sufficienti. Infatti le cerimonie brevi mi piacciono tutte. Che ne so, le sessioni di laurea per esempio: uno non fa in tempo a dire in nome del presidente della Repubblica Italiana la nomino dottore in, che io sono giù tutta un umidore accademico. I cerimoniali che presuppongono stati emotivi protratti invece – tipo le cerimonie in chiesa di qualunque natura - mi scassano l’anima e mi comportano picchi di noia mortale totalmente inibenti sul piano sentimentale. Un altro punto a favore di questa giornata.

Quando il sindaco finisce di leggere quello che deve dire e li dichiara marito e moglie, a me viene da sorridere. Fino a un secondo fa l’unica signora vivente del mio ceppo familiare con il diritto di portare quel cognome ero io. Ho perso il primato. Tocca farsi da parte. C’è una nuova signora C. in città. Mi fa un po’ specie, anche simbolicamente. In qualche modo non perdi mai l’ambizione di restare per sempre l’unica signore C. nel cuore di tuo padre, specie se l’altra signora C. non è tua madre, e non ci voleva Freud per spiegarci questa cosa. Forse senza di lui non saremmo state in grado di articolare il concetto nelle sue contorte relazioni con la Seconda Topica, ma ce l’avevamo comunque chiarissimo lo stesso. Va bene, un punto in meno. Rifaccio i conti. La giornata resta sempre in netto vantaggio.

L’aperitivo è all’aperto e il ristorante, di cui apprezzo l’assoluta assenza di ogni velleità di prestigio, ci serve dei fiori di zucca fritti in pastella che a ripensarci adesso non c’è papilla gustativa che non se ne ricordi con commozione, neanche quelle più periferiche. Certo, sono fiori di zucca senza il filettino d’acciuga. In un primo momento lo rilevo con rammarico. Ma poi mi ricordo che il filettino d’acciuga nel fiore di zucca è una specialità romana, e Roma è a 50 chilometri. Non è il caso di cagare esageratamente il cavolo, specie con dei fiori di zucca che ti sciolgono in bocca come crema pasticcera. E il resto è buono. Dignitoso e buono. Non troppo abbondante. Non troppo lento. E si conclude con una zuppa inglese che in assenza di posate avrei leccato anche dal piatto. Il punteggio si accresce in positivo.

Verso la fine mi alzo per sgranchirmi le gambe. Al rientro in sala osservo gli ospiti, sistemati come per i matrimoni di campagna lungo un unico tavolo a C che corre sui tre lati della sala, con gli sposi nella canonica disposizione riservata nell’Ultima Cena al duo Cristo-S.Giovanni, cioè proprio in mezzo, identificati dal centrotavola floreale. Lo ammetto, fa un po’ strapaese. Del resto questo è un paese, lo sapevamo fin dall’inizio, e a noi inurbati i paesi piacciono proprio perché ci permettono di misurare la distanza che ci separa dalle nostre comuni radici contadine. Non è questo che richiama la mia attenzione del resto. Piuttosto è il fatto che alla destra dello sposo è seduto mio fratello minore, poi c’è il mio posto vuoto, e subito dopo mia madre. Meno di 2 gradi di separazione dividono le mogli di mio padre l’una dall’altra. E sono tutti molto sereni. Nessuno qui è stato obbligato a presenziare. Nessuno è stato obbligato a invitare. Tutti sono qui per il loro piacere. E questo è strano e bello, perché noi non siamo una famiglia speciale. Siamo normali, normalissimi, inutile candidarsi a qualche genere di concorso che premi un qualsiasi signum electionis della nostra originalità, perché non lo vinceremmo. Però io sono felice. E orgogliosa anche, perché no? Orgogliosa. Perché se siamo stati capaci di fare questo – un uomo che si sposa, seduto tra i suoi figli e le sue mogli senza che nulla di tutto ciò abbia il potere di inacidire una giornata di festa – evidentemente qualcosa di buono l’abbiamo fatta anche noi.

Cosa resta da dire? Ah si. Viva gli sposi.

 
 
 

Merry Christmas Mr. Baileys!

Post n°266 pubblicato il 22 Settembre 2008 da middlemarch_g

E dopo aver guardato Love Actually - a volte prima, ma è raro, le ricorrenze vanno celebrate con il dovuto rispetto per le forme - mi guardo anche La vita è meravigliosa, va bene?

E su questa scena, attacco a piangere come un dannato salice. Ogni dannato Natale. Poi esco fuori e comincio anch'io: Buon Natale signor albero! Buon natale signora Ford Focus! Buon natale signor giardino condominiale! Buon natale! Buon natale!

Cazzo, sono i momenti migliori della mia vita.

 
 
 

Post N° 265

Post n°265 pubblicato il 22 Settembre 2008 da middlemarch_g

Could you move the japanese ambassador to four o'clock tomorrow?

aldo_caposaldo, te lo dico direttamente dal post. Ti prego di non irridere Love actually, perchè è un film per il quale ho un'imperdonabile debolezza.

Me lo guardo tutti gli anni, a Natale. Ogni volta mi riempie di letizia verso l'umanità nel suo complesso, e riempirsi di letizia è un'esperienza esistenziale che ho imparato a tenere nel debito conto.

Senza contare che se una cosa come questa la facessimo tutti ogni mattina che Dio manda in terra, dovunque, e specie a Dowing Street o in luoghi analoghi, il mondo sarebbe un posto infinitamente migliore. Non ho alcun dubbio in proposito.

 
 
 

Great expectations

Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio.

Samuel Beckett

 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2008 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

venere_privata.xcassetta2Ruzowzeno.colantoniblackdevil5middlemarch_garienpassante_dickinsonlittlewing1970menta_mentelab79scalixaje_est_un_autreDr_Thorne
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Pogoda
il 09/08/2018 alle 19:07
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Meteo
il 09/08/2018 alle 19:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Wetter
il 09/08/2018 alle 19:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Sat24
il 09/08/2018 alle 19:05
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Speed Test
il 09/08/2018 alle 19:05
 
 

2010

Ci siamo dati da fare altrove

 

Confermo i miei atti e rido dei miei castighi. E adesso condannatemi

Rosa Luxemburg