Tag

 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
 

FACEBOOK

 
 
Creato da: Pytagoricum il 19/05/2008
Interrogativi senza risposta – sensazioni inspiegabili – realtà oltre ogni possibile comprensione

 

 
« PER NON DIMENTICAREMessaggio #34 »

Post N° 33

Post n°33 pubblicato il 05 Febbraio 2009 da Pytagoricum
 

Il Linguaggio di Dio

Quando noi preghiamo ci rivolgiamo a Dio pensando o parlandogli utilizzando la lingua che abitualmente parliamo, compresi i dialetti, che per la maggior parte delle persone meglio aiutano a esprimere con pienezza sentimenti e intime situazioni. Come parla Dio, o come ci parla, invece non lo sappiamo, perché all'infuori di Mosé sembra che a nessun essere mortale sia mai stata data questa possibilità. A molti Dio parla, ma in modo indiretto, facendo percepire emozioni, instillando pensieri, idee, suggerendo risposte o talvolta con precisi moniti, ma nessuno, anche tra i santi può dire di aver materialmente ascoltato la voce di Dio e quindi la lingua che parla. I cristiani tra l'altro sovrappongono alla figura di Dio quella del Cristo, che per essi diviene nell'ambito della Trinità la figura di maggior riferimento, il Salvatore, il Dio fatto uomo che con il suo sacrificio sulla croce ci avrebbe assicurato la salvezza eterna, spesso trascurando quella fondamentale che dovrebbe essere quella del Dio Padre, di cui il Cristo sarebbe emanazione e quindi Dio in seconda istanza, scaturito dalla Sua precisa volontà di risollevare le sorti dell'umanità sofferente. Cristo quindi insieme allo Spirito Santo come espansione dell'immagine dell'unico Dio, quello già dagli Ebrei considerato il Dio unico, monolitico, indivisibile, così da escludere altre forme di deità che avrebbero confuso le idee dei credenti già tentati dal più facile paganesimo dei popoli confinanti. Ma tornando alla lingua di Dio, Egli ci parla con il linguaggio del creato, della natura, di tutte le cose che intorno a noi in qualche modo a Lui riferiscono, il linguaggio del creato, un linguaggio incomprensibile per i sordi, ma facile per chi si apre alla voce della natura e del creato, perché basta guardarsi intorno con occhi diversi e ascoltare, che, non una voce stentorea e roboante, ma qualcosa giunge dentro di noi, portandoci qualche risposta che prima non avevamo e neanche pensavamo avesse importanza, quindi identificare e definire il linguaggio del creato, quello che Dio utilizza per comunicarci i suoi messaggi, per dare risposte alle nostre infinite domande. L'universo, e tutte le cose che in esso sono contenute, galassie, stelle, pianeti, rocce, animali e piante rispondono alle leggi del creato, che sono anche le leggi della scienza fin qui scoperte e le altre innumerevoli che ancora la comunità scientifica potrebbe scoprire, perché ancora molto altro potrebbe stupirci prima che un giorno, o forse mai, si possa enunciare il teorema della completezza. Solo allora, dopo aver verificato e dimostrata la completezza delle scoperte nell'ambito del creato e dei limiti estremi della creazione, allora avremo scoperto anche il linguaggio di Dio, e forse anche le ragioni che lo spinsero a mettere mano alla creazione e i motivi che tra tante scelte possibili l'universo e tutte le sue cose hanno assunto le forme che conosciamo e il perché la vita sia sgorgata spontaneamente, quasi fatto ineluttabile al quale la istintiva evoluzione della materia nelle miriadi di aggregazioni possibili non potesse sottrarsi, generando agglomerati molecolari sempre più complessi che miravano soltanto a un obiettivo, quello di conseguire forme di vita intelligente mosse da stimoli razionali, indotte da una logica crescente spinta dalla consapevolezza di esistere. Il linguaggio di Dio é quindi quello della logica, di cui l'espressione più accessibile si evince nella matematica, il cui sviluppo pur molto avanzato è ancora distante rispetto al massimo possibile, ma comunque tra tutti i linguaggi possibili è quello che esprime le ragioni più complesse nel modo più semplice e diretto, perché logica è soprattutto semplicità e razionalità, come l'algebra Boleana, in grado di interpretare le proposizioni logiche fondamentali e per questo motivo si pone alla base dei linguaggi di programmazione informatica. Allora se Dio volesse scriverci una lettera, non dovremmo meravigliarci se la scrivesse in linguaggio macchina, quello che qualsiasi sistema interprete di linguaggi di programmazione può comprendere e tradurre in comandi e istruzioni, per renderci così comprensibile il Suo messaggio. Forse un simile discorso non riuscirebbero a comprenderlo in molti, ma forse è proprio quello che già accade, Dio ci parla ma pochi anzi pochissimi riescono a comprenderlo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/misteriprofondi/trackback.php?msg=6453562

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
vehuelrossocuore
vehuelrossocuore il 06/02/09 alle 11:54 via WEB
Ciao, sono Valeria. Grazie per avermi aggiunta fra i tuoi amici. Che bello questo post!! un abbraccione .
(Rispondi)
 
 
Pytagoricum
Pytagoricum il 06/02/09 alle 12:11 via WEB
Ciao Valeria, ti ringrazio per il tuo gradito commento e per il tuo apprezzamento per quest post, come gli altri scaturito dalle mie riflessioni profonde. Complimenti ache a te per il tuo bellissimo blog che emana una dolcezza veramente angelica. Un abbraccio :-)) Pyt
(Rispondi)
 
paralotti
paralotti il 06/02/09 alle 14:04 via WEB
Pyt che meraviglia!:-) Eh si il linguaggio di quella Forza d'Amore in continuo divenire che delle volte a malincuore chiamiamo Dio è scritto nella semplicità del creato, tutto ci parla di questa Forza infinita ,del Senza Nome! Le immagini, sono il segreto Pyt, basta saper "guardare", basta saper "sentire". Con le immagini potremmo scrivero il libro che abbiamo sempre desiderato scrivere, il libro della nostra vita! Ho risposto alle tue domande nel mio blog sul post dedicato ai discepoli:-) Una lunga risposta... come d'altronde è stata la tua:-) Con amicizia Otto
(Rispondi)
 
 
Pytagoricum
Pytagoricum il 06/02/09 alle 17:12 via WEB
Grazie Carissimo Otto!! sono veramente felice che questo post che da tempo rimurginavo, giunto a conclusione dopo una profonda e quasi sofferta analisi ti sia piaciuto. Corro a leggere la tua risposta sul tuo blog. :-))
(Rispondi)
 
eric65v
eric65v il 14/02/09 alle 14:51 via WEB
Se mi è permesso...: Dio non ha parlato direttamente a Mosè. Come rivelerà poi S. Paolo nelle sue lettere Dio si servì di un angelo che guidava gli ebrei atraverso il deserto, e anche quando diede i dieci comandamenti, non ci sono ragioni per credere che fosse Dio in persona a parlare. Probabilmente la voce di Dio (secondo il racconto biblico), si udì in sole tre occasioni. Erano le occasioni un cui Gesù si trovava sulla terra, e precisamente: al suo battesimo, alla trasfigurazione di Gesù e in una terza occasione in cui il figlio di Dio innaggiò pubblicamente al suo Padre celeste. Credo che Dio non parli a nessuno se non tramite le leggi della natura che insegnano ad avere coscienza e instillano il timore per quelli che, sensibilmente vi sanno dare ascolto. La tua riflessione è molto bella e piena di significato. Buon pomeriggio. enzo
(Rispondi)
 
 
Pytagoricum
Pytagoricum il 16/02/09 alle 22:57 via WEB
La mia conoscenza della Bibbia non é profondissima ma cercando ho trovato: - E Dio disse: "Non t'avvicinar qua; togliti i calzari dai piedi, perché il luogo sul quale stai, è suolo sacro". Poi aggiunse: "Io sono l'Iddio di tuo padre, l'Iddio d'Abrahamo, l'Iddio d'Isacco e l'Iddio di Giacobbe" - Quindi secondo alcune traduzioni della Bibbia Dio avrebbe parlato a Mosè, dico avrebbe perché non escludo che si tratta di un parlare in senso figurato, come le tavole della legge probabilmente scolpite Mosè, ispirato - più che da Dio - dalla necessità di meglio definire un impegno per guidare la fede vacillante del suo popolo. Grazie della visita e della positiva conclusione del commento. Buona serata, Pyt
(Rispondi)
 
 
 
eric65v
eric65v il 16/02/09 alle 23:06 via WEB
Si, in molti punti si legge la frase come se a parlare fosse Dio in persona. Da quanto scrive poi S. Paolo nella lettera agli ebrei cap. 2,3,4, sembra di capire che il creatore non si sia mai rivolto direttamente agli uomini, ma che abbia in vece Sua, usato degli intermediari angelici, ma sono delle supposizioni e disquisizioni teologiche. Buona serata. enzo
(Rispondi)
 
tekilal
tekilal il 20/02/09 alle 17:26 via WEB
Sai Pit, sull'esistenza di Dio e sul suo linguaggio attraverso i testi scritti che ci sono....sinceramente ho senpre nutrito seri dubbi....anche perchè ognuno dà un interpretazione diversa, quindi secondo me monopolizzata...però se un linguaggio di Dio dovesse esistere...è vero, l'ho sempre sentito attraverso la natura ...il mare, l'universo le stelle ecc ecc... *giò* ( unica e Tekilal) sereno pomeriggio...^_^
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Ultime visite al Blog

PytagoricumsilverdarthSilverdartsilviasestitomarmich2Mieleselvaticaalf.cosmoscarmenabbatiellogiannaminellojanette750eric65vITALIANOinATTESADIAMANTE.ARCOBALENOSeria_le_Lady
 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini, i testi e  le notizie  pubblicate sono quasi tutte tratte dal web e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro utilizzo violasse dei diritti d’autore, si prega avvertire l’ Autore del Blog il quale provvederà alla loro immediata rimozione.

 
Citazioni nei Blog Amici: 17
 

I miei link preferiti