Creato da: mondoaparte2007 il 03/10/2007
FERMATI E RIFLETTI....E GUARDATI ALLE SPALLE

visita il mio canale di you tube

http://www.youtube.com/user/mondoaparte2007?feature=mhee

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultime visite al Blog

tirchio2000mariomancino.mpedrinbelziryabbgratiasalavidamauro.trevromanellilvbeatrice.2006aureliodamorecetrilentodolcesettembre.1cla5587ghenolinoMonica_Giuseppelynuc
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

I miei Blog Amici

- Santiago Gamboa
- tuttiscrittori
- ~ Anima in volo ~
- Tempo verr&agrave;...
- Arte...e dintorni
- Vathelblog
- Imperfezioni
- Amare...
- alogico
- Sotterranei...
- STUDIO PEDIATRICO
- MONDO NOSTRUM
- ilpeloedilvizio
- www
- AUTORE DI TESTI
- Parole messe l&igrave;...
- Messaggi dalla Luna
- PC FACILE
- zona a rischio
- ass.amorepsiche
- XXI secolo?
- Skyline
- Sconfinando
- musicology
- POR LA CARRETERA
- hunkapi
- DEFRAG/MENTAL
- DIRE O NON DIRE...
- MARCO PICCOLO
- LA COLPA DI SCRIVERE
- CINEFORUM
- Verit&agrave;...
- Muta Attesa
- volevo cercare oro
- Opalescenze
- antonia nella notte
- CyberArguti Blog
- MissFelina
- CAFFE AMARO
- Immagini di Stella
- Rosa antico....
- lo sguardo
- Preferisco Vivere
- alba
- Espressioni
- EMBRIOBLOG
- Il Doppio
- Unanima libera
- VITA MIA
- come le nuvole
- SCHERZIAPARTE
- bruno14
- MY REVENGE
- ALBATROS
- ANDATAeRITORNO
- al tempo...!
- Oniricamente
- COLORI E PENSIERI
- io e il bosco
- piazza alimonda
- IL FUMO GIALLO
- &curren; La Torre &curren;
- IPERBOLE
- sing sing sing
- Sasso notizie
- un copia e incolla..
- IlGuardianoDelFato
- disinformati
- Boycott &copy;&reg;
- pensiero libero
- Betty Elena Betsabea
- Cinema &amp; Co.
- ap[punti di vista]
- La vera me stessa
- Ocean Drive
- oltre...m&egrave;...
- Internet e dintorni
- DIPALO INFRASCA
- momenti
- MIUJACQUELINE PARIS
- parole volanti
- Padri bancomat
- Zib@ldone
- Pensieri sereni..
- FRATTAGLIE
- Immaginosa
- PARAFERNALIA
- Lacca di Garanza
- Empty spaces
- Religioni, Filosofie
- areapsicologia
- iosodinonsapere
- Rubra domus
- LA FATA IGNORANTE
- RecuperoDati
- PAESAGGI DELLANIMA
- Corpo in frammenti
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultimi commenti

 

A MIA FIGLIA

Ti ho cercata nel profilo dei monti
quando la luce giocava
a scolpire bagliori di sguardi
e sangue di labbra.

Ho visto nei covoni
di bionde spighe dorate
l’oro dei tuoi capelli.

Nel timido pallore del mughetto,
che appare nel Maggio dei prati,
il profumo della tua pelle.

Come rugiada del mattino
sciogliersi al sole
le lacrime dei primi
tuoi timori infantili.

Nel fragore spumeggiante
di cascata alpina
lo scoppio del tuo riso
che risuona di gioie semplici.

Nella grazia della mimosa
la dolce armonia delle tue forme leggere.

L’orgoglio del girasole
che fiero insegue il calore
guida la tua voglia d’amore
che palpita
alla vista del tenero puledro
e della natura che ti circonda.

Nelle fiabe infinite e senza tempo
le fantasie dei tuoi giochi infantili
e tenerezza per la vita che scopri
anche in ciò che non è

Vivevi nei miei sogni
essere indistinto e senza forma.
Ora che sei
è come se così
ti avessi sempre pensata.

Nel dolore mia grande amica,
la tua presenza forte anche nel silenzio,
il tuo affetto sincero,
il tuo entusiasmo contagioso.

C’eri al momento giusto
e mai mi è mancata
la gioia dell’incontro.

vz

 

MUSICA

Che musica è questa
che sgorga da fonte muta?
Morbidi polpastrelli
non accarezzano corde tese
nè agili dita scivolano su candido avorio
labbra delicate non si schiudono al canto.
Non c’è voce di strumento o vibrazione sonora.
Immota giace la notte stellata
nell’oblio del suo silenzio antico.

Nello spazio infinito
ebbro il pensiero si perde
e si condensa in liquido cristallo
che il cuore raccoglie
e ne fa sangue
rutilante e caldo.

Cuore
che osi anche dove soccombono gli astri
fa palpitare il tuo canto
e lascia germogliare in te
la musica dell’universo.

vz

 

SILENZIO

Lo stagno dela notte
s’appiomba del peso dei ricordi.

Urlo di rondine
con l’ala spezzata
occhi velati
smarriti nell’angoscia
ultimo anelito ad un volo impossibile
e preda di un agguato felino.
Vibra nel cielo
l’assenza di fremiti leggeri.

Angelo-banderuola
che geme all’alitare del vento
soffia una tromba impossibile
in un moto circolare senza meta.

Bianche scie di vapore congelato
cercano un orizzonte lontano
e si frantumano mute
sullo sfondo azzurro-ceruleo del cielo.

Congestione di astri al tramonto
esaltata fantasia di infinito
luce che traspira da mondi senza tempo
e non dà voce nè calore nè vita.

Poi silenzio.

La barca del silenzio
galleggia solitaria
sullo stagno della notte.
vz

 

VECCHIO ALBUM


Vecchio album
di foto in bianco e nero
che tenerezza! Vero?
Logoro il cuoio
I margini intarsiati
altro odore,d’antico
ti sento già mio amico.

Aprimi,sfogliami,coraggio
voglio darti un assaggio:
che sorpresa nascondo
tra pagine nere
polverose e vere!

Prendimi in mano,piano
che niente vada perso,
ho un cuore assai prezioso:
di quanto racchiudo
son quasi geloso.

Forse qui troverai
un po’ della tua avventura
non scorderai le gioie
i sogni,le noie
i piaceri e gli affanni,
il trascorrer degli anni.

Ti parlerò di te,della tua vita
dei vari tuoi parenti
dei pochi veri amici
e chissà quando poi
si è stati più felici.

Apro:
un micio sorride
beato in una tana
di tanti aggrovigliati
gomitoli di lana.
Volto la cartolina:
“mamma ce n’è una sola”
e via un po' di retorica
in rima mal baciata
su questa mamma amata
in tutte le ore sue
scritta con l'olivetti
lettera ventidue.
Termina:
mamma solo un gran torto
tu fai a tutti noi
quando ci dai l'addio
chiudendo gli occhi tuoi.
Lo sai che penso a te
-data-Pasqua '63

Toh guarda,si è scollata
la foto appicicata
sarà colpa del tempo
o sei stata proprio tu,
magari un po' arrabbiata
dopo una litigata
o forse no,c'è ancora
raccolta in quel mucchietto
di foto alla rinfusa.
Sorpresa!c'è un ritaglio
l'avevi conservato!
C'è scritto su di me,
la mia maturità
sopra un vecchio giornale
di quarant'anni fa.

Mamma perchè sei seria
qualcosa ti preoccupa?
Ricordo quel vestito
che ti piaceva tanto
la zia che ti sta accanto
ride furbescamente,
cos'hai mai combinato
che la diverte?..e quanto!

Papà come sei buffo
con tutti quei capelli
assomigliavi a Gramsci
con gli occhialetti tondi,
che giovane che sei
ti riconosco appena
cos'è che tieni in mano?
Più non mi rammentavo
che fossi così strano.

Guarda!Una pergamena
gialla,un pò consumata
l'effige di una madonna
ancora in due piegata.
Natale '58:miei cari genitori
vi faccio tanti auguri
ed anche una promessa:
esser sempre più bravo
per far piacere a voi.

Una letterina ancora,
un foglio di quaderno
del marzo '83:
papà mi piaci tanto
perchè gioochi con me.
Non son più io che scrivo
ora son io papà.

Quanti di questi volti
ora non sono più,
quanti bambini allegri
ora non ridon più,
nonno non ti ho mai visto
qui non ti riconosco.

Tante altre cose vedo
che ora non son più
no,mi commuovo e chiudo
non voglio guardar più.

vz

 

Un amore diverso


Canto un amore
un amore diverso
senza "A" e senza "E"
senza inizio nè fine
senza capo nè coda
"MOR"

Sospeso come goccia
su ghiaccio nella roccia
trasudi sotto il sole
la metamorfosi finale
aggrappato alla matrice
con la tua magia creatrice
stai in attesa di un distacco
che ti tiene sotto scacco.


Ti raccogli,
pallida sfera,
timida, atterrita
nella tua anima invisibile.

Appetito di libertà
e desiderio di TE
attrazione fatale
di MOR-e-TE

Ti annullerai nel fiume
che porta l'acqua al mare.

v.z

 

***

UN VIANDANTE


Stanco viandante
percorro un deserto senza silenzi,
senza distese infinite
su cui posare lo sguardo,
senza fresche oasi per dissetarmi.

L'andare è lento.
Pur con mezzi veloci
sono sempre
al medesimo punto di partenza

Nulla mi porta lontano da me stesso.

Miraggi frequenti all’orizzonte.

Il sole del tramonto
si accende di  fuoco,
abbagliante di luce.

Ogni bussola impazzisce.

La direzione della speranza
è preda di sirene nascoste in ogni dove.

Cerco armenti,greggi,muli, pastori,
carovane che mi conducano alla meta,
bimbi sporchi,nudi,
donne dalle lunghe vesti
e veli e orci sopra il capo,
e acqua fresca di fonte
e luce soffusa di grotta
su cui riposare le notti
e candele tremolanti nel tempio
dove calmare le mie ansie.

Rimango prigioniero sempre più
nel deserto della mia città.

 
V. Z.

 

spritz

lui è Spritz

se ne è andato un giorno

e non è più tornato

***

un ricordo

anche per lui

 

***

Smagliante arcobaleno di colori
furto di immagini accavallate
in una accozzaglia senza fine

terra e cielo si giocano
le loro magie nascoste
a stupire ingenui sensi.

Una musica di silenzio
vibra nell’aria
inascoltata

Anche l’orecchio si perde
dietro arcane lucciole.

                                                                     VZ

 

A DISPETTO (piccolo gioco poetico)

A dispetto di tutto

sono qui,resisto

a lungo? non so.

Tempo amico mio

sono in tua balia

mi abbandono

fai tu

non chiedo di strapparti

un attimo di più.

Ho abusato di te

mio prodigo re?

Cosa attendere ancora:

la frenesia di un sogno?

tiepide labbra delicate

sulle nude carni?

La carne si consuma..

ma profuma!

Che pace quando giace.

Ballare!

al ritmo dei minuti

incalzanti,astuti.

Nera taranta

mordi la voluttà

scuoti la volontà.

Domani si parrà

la tua nobiltà

vz

 

da gioz

 
 

 

 
« PERE WILIAMSWis&#322;awa Szymborska »

TUTTI PER IL LAVORO

Post n°753 pubblicato il 19 Giugno 2011 da mondoaparte2007

Mi interrogo se non sono sempre io ad essere fuori tempo,fuori fase.Pensavo infatti che l'uomo si deve liberare dal lavoro. Il lavoro è fatica è sudore,ripetitività noia monotonia in catena di montaggio o in un call center, tempo rubato da interessi altrui alla vita,a volte abbrutimento sacrificio,sfruttamento.Insomma così la pensavano in molti,almeno tra quelli addetti ai lavori più duri e così mi convincevo anch'io..e allora ben vengano tutte quelle innovazioni che ci possono liberare dal lavoro.E' ovvio che non è così per tutti i lavori,ci sono anche quelli che elevano lo spirito, conferiscono dignità e prestigio,lavori di concetto,che fanno diventare ricchi,che rendono la vita interessante,che permettono viaggi incontri,occasioni ecc..Ora tutti reclamano a gran voce qualcosa da cui fino a pochi decenni fa ci si voleva liberare,perfino lavori umili o diventati tali purchè continuativi,proprio quello che un tempo si sarebbe voluto evitare,quel sistema per cui una volta cominciato un determinato lavoro la vita si svolgeva poi esclusivamente in un unico luogo,in un unico modo,in un unico senso.....esagero e generalizzo naturalmente,ma è per rendere l'idea.Però io,vedendo i miei genitori ho sempre associato il lavoro alla fatica,persino alle varici per lo stare in piedi,aLl'artrosi,ai calli ai piedi e alle mani,alla puzza quando si ritorna dalla fabbrica,al tempo tolto alla famiglia a se stessi,alla lettura(per chi è più acculturato).Ora il lavoro è di nuovo un valore assoluto nell'immaginario...per la Costituzione lo è sempre stato. Presupposto per la sopravvivenza anche ai limiti della sussistenza,per non perdere la casa,la dignità un futuro che si stenta a intravvedere.Dove è la tecnologia che emancipa dalla fatica,dalle casse da scaricare manualmente ai mercati generali alle cinque del mattino? A che serve aver inventato le macchine se invece di lavorare al posto nostro ce lo rubano il lavoro e ci costringono ad una competizione impari con loro stesse,con i nostri simili con gli anziani,con i "diversi" che provengono da altri paesi?Se non siamo capaci di ridistribuire fra tutti la ricchezza che le macchine producono e il tempo e fatica che fanno risparmiare?Se non siamo più capaci di usare del tempo libero se non per metterci in coda per il mare o per guardare il "grande fratello",se dobbiamo inventare continuamente altro lavoro per rimediare ai danni che questo modo di produrre e consumare provoca e i cui frutti sono goduti da altri: mercati finanziari, speculazione, banche?Così i "piccoli lavoratori" da sempre abituati a faticare tornano a lottare per continuare a faticare,nella speranza non più di una emancipazione a portata di mano ma di continuare ad esistere pur nel loro destino di fatica e di umiliazione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/mondoaparte/trackback.php?msg=10336993

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
amalia_licht
amalia_licht il 20/06/11 alle 12:06 via WEB
Difficile argomentare. Potendo scegliere smetterei di lavorare oggi stesso. Ridurrei anche qualche piccolo lusso materiale in cambio di tempo e libertà. Magari non da sola. Se ne può parlare.
(Rispondi)
 
 
mondoaparte2007
mondoaparte2007 il 20/06/11 alle 13:20 via WEB
Grazie.Si lo proponevo solo come un segno del cambiamento dei tempi,di come l'atteggiamento nei riguardi di cose importanti come il lavoro può cambiare in funzione dei tempi in cui si vive. Un sorriso Valter
(Rispondi)
 
gratiasalavida
gratiasalavida il 20/06/11 alle 20:36 via WEB
A pochi, pochissimi è concesso di svolgere un lavoro che sia in linea con le proprie aspirazioni ideali. Il lavoro è per lo più fatica, spesso non ripagata da soddisfazioni di carattere morale ed economico. Eppure è anche la misura di quello che possiamo fare e possiamo valere proiettando il nostro fare entro una dimensione più ampia. E' anche la misura della possibilità di ritagliare nella nostra vita un ambito nel quale coltivare ciò che fa bene allo spirito, per noi o per quanti sono a noi legati. E' anche la misura della nostra tensione a svincolarci da una identità sociale che si esaurisca nel solo ambito lavorativo. Una dialettica, questa, che resta lettera morta nel momento in cui lo perdiamo, il lavoro, e con esso la fonte materiale di progettazione del futuro. La penso così. Ciao. Sono contenta che tu sia tornato a scrivere su questo blog. Ciao. Cinzia
(Rispondi)
 
 
mondoaparte2007
mondoaparte2007 il 21/06/11 alle 09:53 via WEB
Ciao Cinzia,lieto di ritrovarti. Non posso che condividere quello che osservi,ma credo che andrebbe ridefinito e attualizzato il termine lavoro..si parla molto di lavoro,ma non si dice cosa sia ora il lavoro nel terzo millennio,quali gli attributi inalienabili che lo rendono tale,cosa lo contraddistingue da altre attività che non assurgono alla dignità di lavoro,cosa succederà quando si finisce o per età o per malattia,come progettare se non ci sono più garanzie e pare che anche i diritti acquisiti verranno aggrediti.E chi fa spontaneamente senza compenso qualcosa di socialmente utile compie ancora un lavoro?Il lavoro ha ancora il salario come condizione necessaria e sufficiente?Come parametrarlo con giustizia?Chi guadagna da casa somme enormi semplicemente facendo muovere da altri capitali non guadagnati, lavora? ?ed è più nobile il suo operare?Il lavoro è stata anche la misura del proprio valore di individuo,ma anche del proprio degrado o fallimento,lo è ancora?E gli esclusi sempre più numerosi?E i malati da lavoro? e i morti?.Insomma mai come adesso sentirei la necessità di approfondire e ridefinire attualizzando il concetto che se nasconde dietro la parola lavoro.Un abbraccio,valter
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2023Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963