Creato da erinn78 il 28/11/2004

Città-ragnatela

Sospesa sull'abisso, la vita degli abitanti di Ottavia é meno incerta che in altre città. Sanno che piú di tanto la rete non regge.

 

« 1/3EQUILIBRI »

Catania

Post n°689 pubblicato il 20 Maggio 2007 da erinn78
 

immagine

E' una donna addormentata.
Si allunga, morbida e riccioluta, il suo cuore segreto non trova le parole.

Salvatore non riposa mai.
Alle quattro comincia a baciarla, e con le reti ruvide l'accarezza finché lei non si concede. E' generosa, lo ricopre d'argento che guizza. 
Poi torna ad ammaliare scogli neri che nascondono ancora un cuore d'uomo. Ed é placida, mentre t'incatena.
"Catania é buttana, ti tradisce appena può," borbotta mentre torna a casa.
Nasconde biglietti di piccolo taglio all'interno della suola delle scarpe della domenica.
"Ce ne andiamo da questa città," sussurra alla moglie.
La guarda sognare. Ha palpebre celesti come le onde della baia di San Giovanni Li Cuti.
Spegne la luce e non ci pensa più.

"Io non la lascerò mai," dice suo figlio.
"E' grigia e nera, barocca come la testa di un'amante, ha iridi di mare e un'intimità fondente. Devo solo sfiorarla perché s'illumini, e dalla sua gola etnea posso scendere giù, alle cosce come basole lisce, e la Villa degli sbadigli fa da cornice al nostro amplesso.
E alla sera é piena di desideri, se le parli all'orecchio si scioglie e ti porta fino a Piazza Teatro Massimo e gli angeli bianchi suonano solo per lei."

"L'hai vista mai davvero, tu?" gli chiede la sorella.
"Io sì. Al mattino presto, quando la strada dorme ancora.
E i tuoi angeli di marmo piangono perché lei é come morta. Nel sonno é dimenticata e quasi si perde, ed é così che vorrei vederla sempre.
Si fa azzurra e fredda, allarga le braccia per soffocarti mentre sei debole.
E' il suo odore d'odio, quello degli aceri che si scuotono anche senza vento, sai."

E' una donna possessiva e gelosa.
Si muove lenta ma ti uccide di nostalgia.

Agata si stiracchia, poi si lava. Oggi é giornata di mercato.
Salvatore manca da tre giorni. Ha lasciato tutto in casa, tranne le scarpe nuove.
I ragazzi oggi sono a scuola, non torneranno che per ora di pranzo.
Guarda il cielo che si riempie di nuvole e ritira le lenzuola.

Aspetto giorni
E i ritorni.



 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

Città-ragnatela

 
Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.
 
Citazioni nei Blog Amici: 92
 

ULTIME VISITE AL BLOG

venere_privata.xmarlem75sundroplellomarteRosecestlavieerinn78cassetta2DimmiSeTiIntrigoAmoreKarmicorichardbennettbaciosnodatomediterraneo_morovladimiromajakovskijilRediBastoni
 

website stats

 

ULTIMI COMMENTI

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

FACEBOOK

 
 

CATANIA

 

VOLEVO DIRE CHE

Qualsiasi analogia con fatti o luoghi non é casuale. Io conosco quella gente, ne amo i pregi e detesto tutto il resto.
Mura ovviamente sono io. E Muto, Bertuccia e Gibbone, Ermenegildo, Lesby, la Tedesca, Bakhum che voleva una moglie bionda, Crosti, Fernando con le sue parole che sono musica. Esistono e non sanno che una sola loro parola ha creato un angolo di Ottavia.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom