Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

don.francobchiedididario66elcondorpasaaamonellaccio19ambradistellecassetta2gentemerdlascrivanamariateresa.savinoPavlvsrecall74vaneoexDomesticat1960ivri98
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« VOGLIA DI LAVORARE SALTA...KESSADAFAPECAMPA'... »

RICCHI E POVERI: DUE FACCE DI UNA SOLA MEDAGLIA?

Post n°3581 pubblicato il 06 Giugno 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Jane Fonda, nonostante la sua età, non abbandona la sua missione principale. L'ottantaduenne attrice, sempre in forma smagliante, conserva il suo fascino e la sua caparbia volontà di battersi per i diritti umani e sociali. Ogni ragione è buona per scendere in campo e affrontare i problemi che coinvolgono clima, pianeta e uomini. Mi aspettavo la sua discesa in campo per l'uccisione del negro che ha sconvolto l'America in questi ultimi giorni: dimostrazioni in tantissime città, violenze e scontri memorabili nelle piazze che contano, compresa la Casa Bianca, dove il "belli capelli", oltre a proteggersi nel bunker tre piani sottoterra, ha pensato bene di erigere un muro per cintare il noto edificio e pararsi il 16 da ogni...graffio alla sua degna persona. Jane non ha bisogno di perifrasi per manifestare il suo dissenso e le sue idee chiare e ferme nella sua testa e nel suo cuore. "Noi bianchi dobbiamo riconoscere, con la nostra onestà intellettuale, il privilegio di cui godiamo". Mi sembra un messaggio chiaro e diretto, proprio in questa America dove il razzismo non è mai stato spazzato via e resta sempre fuoco che cova sotto la cenere. Quanti sono gli americani "importanti"? Formano anche loro la società americana, ma rispetto ai bianchi, c'è sempre una bella e grande differenza. Alle persone di colore in difficoltà e non in grado di elevarsi socialmente e culturalmente, viene precluso tutto: servizi fondamentali, necessari e aiuti dalle banche che negano ogni tipo di sostegno e/o di mutuo, proprio a queste comunità che vorrebbero magari avviare imprese e lavoro. Ai bianchi tutto ciò potrebbe accadere, ma non in maniera così stressante e severissima come per i negri. Gli afroamericani sono sempre in difficoltà  le ragioni sono sempre di natura razzista: la signora Fonda naturalmente, pone l'accento sull'amministrazione Trump e il suo netto atteggiamento teso a fomentare le discriminazioni. Cambiare persone e politiche, è fondamentale per riprendere un vero cammino di giustizia sociale e modificare le condizioni di vita per tutti. In Italia guarda caso, possiamo apprendere che a Udine, un consigliere leghista, ponga il grave problema, al contrario della Jane Fonda: "Tutti pensano ai poveri e ai bisognosi di aiuto, ma ai ricchi chi ci pensa?". Bella domanda, pare che Carlo Pavan abbia scoperto la macchinetta per tagliare il burro e nessuno ne sappia niente!". Pertanto con logica schiacciante, nel rispetto di una società che non faccia differenze sociali e pronta ad occuparsi in egual misura di tutti i componenti che ne facciano parte, chiede che i fondi destinati per l'emergenza covid  agli indigenti e ai più poveri, siano altresì spalmati tra tutti i cittadini in ugual misura. Detto così pare evidente la rabbia inspiegabile che governi l'animo di questo signore leghista. A suo carico per "darsi" ragione da solo, ha citato quanto abbia notato alcuni giorni fa davanti ad un grande e noto centro di elettronica di consumo: una lunga fila in attesa di comprarsi un Iphone a 600 euro. Ebbene, questa offensiva ed esuberante diversità sociale tra ricchi e poveri, è costituita dal vestiario delle persone in fila, ovvero, erano quasi tutti in tuta. Mentre a suo parere, chi spende 600 euro per un cellulare, dovrebbe indossare giacca e cravatta per dimostrare quanto sia...ricco! Non ho parole per definire questo politico della Lega, resta solo l'amarezza per quel che sostiene: "Ai ricchi che pagano l'IMU, chi ci pensa?". A voi l'ardua risposta visto che comprendere la differenza tra ricchi e poveri, sia solo nel vestiario di chi compra un prodotto da seicento euro e chi invece...paga L'IMU". Trasecolo!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog