Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 171
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19prolocoserdianalicsi35pedivinacreatura59lascrivananeopensionatag1b9mariateresa.savinoritasimiocarloreomeo0cassetta2Lalla3672chiedididario66soltanto_unsognoe_d_e_l_w_e_i_s_s
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« UNA TV ORMAI TUTTA SPOTTIZZATALA RAI VEDE...ROSSO! »

SE C'E' DA MAGNA'...ALLORA SE MAGNA TUTTI!

Post n°3716 pubblicato il 30 Ottobre 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Tanta è la confusione, tante sono le incomprensioni e anche su certi orari e luoghi...deputati, ci sarebbe da discutere. Dopo il DPCM dell'altro giorno, sappiamo tutti come i locali pubblici abbiano subito una stretta vigorosa al loro orario di apertura e chiusura. Ebbene, il decreto avrebbe dovuto coinvolgere tutti indiscriminatamente e la legge dovrebbe essere uguale per tutti, ma guarda un po' la fortuna, il ristorante della Camera non era coinvolto e si chiacchierava di un orario dalle 7 alle 21. Il partito della Meloni, venuto a conoscenza della attività straordinaria del ristorante, ha mosso un'interrogazione al Presidente Fico, affinché quel luogo fosse messo alla pari di tutti i locali pubblici senza distinzione. Mi sarebbe piaciuto osservare se FDI (stando al governo), avrebbe fatto comunque l'interrogazione preoccupandosi dei diritti e delle discriminazioni in atto. Tuttavia, Fico venuto a conoscenza del "qui pro quo", ha ritenuto giusto ribadire e stabilire che il locale interno rispettasse gli orari del DPCM, quindi una chiusura alle 18 come tutti in Italia. Bene, l'altra sera, al contrario di quanto stabilito, il ristorante con un sms comunicava alla "gentile clientela" (eufemismo sprecato) che avrebbe mantenuto un "orario mensa" dalle 19 alle 21. Embè, "fatta la legge, trovato l'inganno", poiché con il termine mensa si smantellava il dpcm contiano, in quanto le mense non rientrano nelle norme attivate: "O porcaccia miseria, ma allora stiamo giocando qui..." avrà pensato qualcuno sempre del partito meloniano. Nuovo avvertimento a Fico il quale improvvisamente lasciava il suo scranno pregiato e spariva dall'aula. Si reca a controllare la situazione e nota che il locale era chiuso, mentre all'interno c'era gente che cenava: magari in modo frugale, tipo...mensa dei poveri! Beh, tra un tira e molla e puntigliose raccomandazioni, alla fine il locale ha fermato i flussi: chi era dentro ha finito di mangiare e poi è andato via, mentre chi voleva accedere per farsi "un panino" (sic), ha dovuto rinunciare perché il locale doveva tassativamente chiudere. Altro che "magna, magna" qui siamo alla comiche di Villaggio e Pozzetto: un non capirsi, poiché come sempre accade alle istituzioni, si parla politichese e chi vuol intendere non intende, mentre altri intendono sì, ma male. Cari onorevoli, de magna' se magna', ma a panini dovete andare avanti e possibilmente, acquistati dalla salumeria all'angolo di Montecitorio. Sono molto buoni, provare per credere!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog