Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

lascrivananina.monamourambradistellemonellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_smariateresa.savinosimona_77rmsofya_mpittarovprolocoserdianalory111111blb49bo47giorgiobeppe19420GABRIELEPANI
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« NON E' COME LA (RAC)CONTIATLETE CON GLI ATTRIBUTI... »

QUANTE? QUARANTATRE?

Post n°3472 pubblicato il 08 Febbraio 2020 da monellaccio19
 

 

 

Non ci posso credere! Qualcuno di voi, così per caso, sa dirmi quante sono le telecamere attive a Fort Knox, famosa riserva aurea degli USA? Oppure le telecamere di Silvio a Villa Certosa in Sardegna? No? Peccato. E sempre per caso, sapete quante siano le telecamere attive presso l'abitazione della Wanda Nara? Come sarebbe a dire chi è Wanda Nara? Beh, se vogliamo scherzare ditelo che chiudo immediatamente il post e non ne parliamo più! Ma come chi è? E' quella  che vediamo dappertutto, quella che sa far tutto, quella che se non sta in onda da qualche parte, soffre di malinconia, quella che tra le altre cose è anche la moglie di Icardi che gioca nel PSG in Francia. Sì è lei, la vedete in tutta la sua bellezza del suo splendore in "70mm. Todd- AO" come si diceva un tempo lontano, per godere dei film in cinemascope. Wanda è una donna in affari, una sempre in giro, in movimento per curare gli affari di famiglia: in altre parole, è una imprenditrice oltre che di se stessa, anche del marito che di bei soldini ne porta tanti a casa, come tutti i grandi calciatori del resto. Ebbene la sua posizione eclettica e laboriosa, la induce ad essere sempre attiva e in movimento per lavoro o per diporto. Immaginatela in questo momento: abita a Milano, lavora a Roma e vola a Parigi spesso per andare a far visita al marito. Una trottolina amorosa dududu...dadada che non perde colpi. Pensate un po' che da comune mortale, alla stregua di tutti noi, non potendo seguire i suoi cinque figli tra i tre anni e i dieci, mentre è al lavoro in qualunque parte del globo sia, ha fatto installare 43 telecamere per tutta la casa: ovvero, la possibilità di poter seguire 24/24 h. i suoi pargoletti. Impresa non difficile, magari costosa, ma molto opportuna, una occasione per tenere a bada i ragazzini (comunque vi sono le tate) e vegliare direttamente sulla loro vita in casa. Orbene, passando a parlarne  seriamente e con una certa attenzione, vi porrei argomenti per discuterne, così tanto perché non ce ne può fregar di meno delle sue telecamere. A parte la quantità del grasso che cola in quella famiglia, cosa crede di poter ottenere con un'iniziativa di questo genere? Intanto pensiamo che per posizionare 43 telecamere, esclusi i bagni, ci vuole uno spazio non indifferente: guardate un po' le vostre abitazioni e i vostri mq. Io ci ho pensato e ho smesso appena ho riflettuto e per quanto sia grande la mia casa: tre bastano e avanzano!!!! Poi, sapendo di essere controllati con le telecamere, questi bambini come si sentono? Cosa comporterebbe questa vigilanza nel tempo, questo assiduo controllo visivo? E lei, come kakkio fa a seguire 43 visori? Ossia, che tipo di schermo dovrebbe possedere in borsa (presumo lo tenga sempre con se) per avere tutto immediatamente sottocchio? I bambini si sentono responsabilizzati se lei li segue, oppure al contrario, vengono sgravati da ogni responsabilità? Infine: ma 'sti ragazzini non vanno mai fuori? Non vanno a scuola? Non vivono la vita che ciascun loro coetaneo vive in seno alla propria famiglia? Misteri della vita o scelte dettate dal danaro che esce dalle orecchie senza pensare assolutamente a cosa comporti "usare" mezzi coercitivi di sorveglianza su bambini che dovrebbero vivere liberamente la loro fanciullezza senza subire coercizioni e vigilanza 24/24 h.????

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=14776727

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
sofya_m
sofya_m il 08/02/20 alle 09:51 via WEB
Anche i bambini hanno bisogno di privacy. Vedo i miei quando leggono o giocano spesso mi dicono "mamma, dai, non guardarmi" ... e come non capirli?
Quindi mettessi 43 telecamere in casa loro sicuramente non vivrebbero bene.
Si .. io il posto per 43 telecamere lo troverei, e quasi quasi una o due le metterò per controllare caccabat (il nostro pipistrello), infatti una mia collega ha le telecamere per controllare gli animali .. ed effettivamente controllare gli animali ha più senso.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/02/20 alle 10:28 via WEB
Perfettamente d'accordo: i bambini non possono subire alienazioni e inibizioni in tal guisa. Quante coppie lavorano, stanno fuori anche a pranzo e hanno figli? Non credo proprio che ricorrano a telecamere per controllarli da lontano. Ci sono le tate e poi ci sono nidi e materne con un servizio lungo, ovvero i bimi sono tenuti fino alle 17. E' solo una "bravata" bavosa e irritante. Anch'io nel mio giardino ho animali diversi, potrei effettivamente preoccuparmi per loro e ho pensato ad una telecamera. Correttamente li ho informati, giusto per il rispetto della privacy, e dopo una breve riunione, mi hanno informato che sarebbero d'accordo. Una sola richiesta mi hanno rivolto: le telecamere devono entrare in funzione la mattina alle otto e la sera rigorosamente spente per la notte. La mattina non devono essere accese prima che tutti si siano debitamente...truccati. Non ho potuto dire di no. Ho raggiunto l'accordo! Buon w.e. mia cara Sofya.
(Rispondi)
 
 
 
sofya_m
sofya_m il 08/02/20 alle 14:22 via WEB
Il pipistrello mio mi ha dato il consenso dalle 19:00 alle 7:00
Il cane bastardino ha acconsentito per le 24 ore
Il gatto bastardissimo alla mia proposta mi ha graffiata.
buon we (io odio i miei... ma io odio tutto)
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/02/20 alle 17:33 via WEB
AhAhAhAhAhAh!!!!!!! Manco una riunione sindacale hanno fatto?????? Siete messi male da te.
(Rispondi)
 
lascrivana
lascrivana il 08/02/20 alle 16:13 via WEB
Per i sentimenti non ci sono telecamere, o ci sei fisicamente, o non ci sei. Un abbraccio che le telecamere non potranno trasmettere. Ne puoi mettere pure 100 di telecamere, ma niente può sostituire la presenza. Buonasera Carlo
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/02/20 alle 17:35 via WEB
Non fa una piega la tua riflessione. Un abbraccio, una parola on live, la sola presenza fisica, è una garanzia. Ma lei è troppo presa: lavora molto...però...coniglia!!!!!! Ciao Laura. Buona serata.
(Rispondi)
 
woodenship
woodenship il 08/02/20 alle 17:09 via WEB
...E se, presa da un delirio di onnipotenza, si fosse convinta ad organizzare un gf in famiglia, in modo da poterlo poi offrire ad una di quelle tv pronte a scucirti palate di quattrini?...Certi imprenditorine sanno una più del diavolo ragazzo mio. Un sereno fine di settimana a te........W......
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/02/20 alle 18:01 via WEB
Quello ci mancherebbe proprio: un grande fratello con bambini dai tre ai dieci anni. Sarebbe tutto da ridere, peccato che siano minori. Prendiamola a ridere perché sul serio, in Italia, non si trova niente di cui discutere. Ciao Sal, bella serata.
(Rispondi)
 
baciofondentecuore
baciofondentecuore il 08/02/20 alle 19:38 via WEB
Per carità le telecamere già siamo controllati a vista pure nella vita privata ma non ho parole buon proseguimento di serata Carlo .
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/02/20 alle 19:54 via WEB
Anche a volerle concedergliele, parliamo di 43 pezzi distribuiti per casa. Significa che ogni angolo, ogni remoto spicchio di casa (che è grandissima), è sotto controllo. Roba da pazzi e da ricchi sfacciati. Senza contare ciò che tutto questo può provocare ai bambini. Buona serata carissima Rita.
(Rispondi)
 
prolocoserdiana
prolocoserdiana il 09/02/20 alle 09:06 via WEB
Ciao...Inutile girarci intorno: se vuoi capire il Paese c’è poco da fare, devi guardare Sanremo. Sorriso per una allegra e serena domenica. Bye, Sal
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/02/20 alle 10:26 via WEB
Dimmi il nome di una sola manifestazione che nel suo essere, non rappresenti il paese! Buona domenica Sal.
(Rispondi)
 
simona_77rm
simona_77rm il 09/02/20 alle 11:04 via WEB
Io capisco molto poco le stravaganze di questi neo-arricchiti. Wanda Nara, ad esempio, mira a diventare una stella delle TV, dello spettacolo, delle varie feste ecc... e pensa che i bambini cresceranno lo stesso, tra tate e telecamere. Convinta lei! ^ ^
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/02/20 alle 11:41 via WEB
E non considera, secondo molti, l'aspetto più malefico di questa esasperata vigilanza: i bambini ne usciranno confusi e felici, porteranno con loro fino alla maggior età, quel senso di disagio dovuto proprio al controllo costante e oppressivo, e un carico quasi assente di responsabilità mai avvertite. Insomma, un delirio sciocco e sconclusionato laddove ambizione, danaro e...posto al sole, non pagano la buona e normale attività dei genitori che condividono la vita dei propri figli. Buona domenica Simo.
(Rispondi)
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 09/02/20 alle 17:29 via WEB
Non è che la signora si sia calata troppo nel ruolo del grande fratello?
Poveretta: forse non sa ancora che un bambino non ha bisogno di telecamere per crescere responsabile, ma della mamma che lo abbraccia, che lo ascolta, che pur lavorando fa sentire la sua presenza. Buona domenica, Carlo :)
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/02/20 alle 17:40 via WEB
Evidentemente, cinque figli non le bastano per connettersi alla realtà di una mamma. I suoi limiti sono ben evidenti e parrebbe che sia l'unica donna che lavori e non possa permettersi di trovare il modo di gestire quotidianamente il rapporto diretto con i bimbi. "Ma io sto spesso fuori per lavoro", beh se è per fare una barca di soldi, allora fanne meno. "Si può?". Ceeeeeeerto che si può. Basta imitare milioni di donne che lavorano!!!!! Buona sera cara Elena.
(Rispondi)
 
mariateresa.savino
mariateresa.savino il 09/02/20 alle 18:14 via WEB
Questa è gente malata di denaro, di potere e un po' anche di testa.La cosa più sensata sarebbe di non far nascere figli da incamminare, poi, sulla loro stessa strada, se tutto va bene...Che dire? Per me,sono poveracci con le tasche piene di soldi che, della vita vera, non hanno capito niente. Buona domenica, Carlo.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/02/20 alle 18:48 via WEB
Oltre a quanto legittimamente denunci, ricordo quanto e come pagheranno nel lungo tempo questa situazione deplorevole i bambini. Sentirsi controllati 24/24 h è obbrobrioso e non produce buoni effetti al contrario di un rapporto diretto e quotidiano con i genitori. Abbi una piacevole serata Mariateresa.
(Rispondi)
 
nina.monamour
nina.monamour il 09/02/20 alle 20:17 via WEB
Non ho mai amato questo personaggio, questa donna che ha messo ben 43 telecamere a casa sua per controllare i figli! tra l'altro ha beccato sua figlia con l’iPad a letto, anche se sa benissimo che non deve farlo, e che le avrebbe dato un bel ceffone. Asserisce che queste benedette telecamere servono a sorvegliare i figli durante la sua assenza e condividere pezzi della loro vita, altrimenti "andati persi" causa troppi impegni. E allora, perchè non molla il lavoro e fa la mamma? I miei figli sono sempre stati liberi e sono usciti liberi da casa, hanno sbagliato spesso ma è normale ciò, buona serata Carlé.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 10/02/20 alle 07:56 via WEB
In realtà, la situazione è molto più semplice: lui è un calciatore e guadagna i suoi bei soldoni, lei è coinvolta da tante attività e porta a casa un bel malloppo. Orbene, se cinque figli (a proposito credo di aver letto che ne stia arrivando un altro) devono crescere e formarsi, sarebbe sufficiente che mollasse parte del suo lavoro, per garantire loro una presenza più assidua e necessaria. Ma lei deve realizzarsi, deve essere donna libera a tutti gli effetti. Allora perché fai la coniglia e generi figli che non potrai mai accudire personalmente come è giusto che sia? Milioni di donne lo fanno, si attivano e lavorano, accudiscono figli, famiglia e casa. E' evidente che per lei le priorità sono ben altre. Buon inizio settimana Nina.
(Rispondi)
 
prolocoserdiana
prolocoserdiana il 09/02/20 alle 20:22 via WEB
Ciao...Dire a qualcuno “conta su di me” può anche aiutare una persona, che non vede alcuna via d’uscita per il suo problema, ad andare avanti. Offrendo le nostre mani, quella persona potrebbe cambiare atteggiamento. Le nostre parole, i nostri abbracci e le nostre azioni possono riportare verso la luce qualcuno che si è perso in un abisso profondo. Tutto può iniziare con quattro semplici parole. “Conta su di me”. Sorriso, bye Sal
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 10/02/20 alle 07:48 via WEB
Buon inizio settimana Sal.
(Rispondi)
 
Spiky03
Spiky03 il 10/02/20 alle 13:50 via WEB
Oggi è un nuovo giorno appena nato.. ed è l'inizio di un'altra bella settimana!! Buona giornata carissimo!!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 10/02/20 alle 16:58 via WEB
Lo sia anche per te mia cara Spiky. Piacevole serata.
(Rispondi)
 
ambradistelle
ambradistelle il 10/02/20 alle 19:51 via WEB
Buona serata!
Buon lunedì e...
crepi l'avarizia...
buona settimana!!
ahahhhaha
Smackkkkkkkkkkkkkkk
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 10/02/20 alle 19:55 via WEB
Mado' non potevi conservarti qualcosa per la settimana prossima? Smaaaaaaackkkkkkk!!!!!!
(Rispondi)
 
prolocoserdiana
prolocoserdiana il 11/02/20 alle 09:59 via WEB
Ciao...Lamentandoci continuamente, ci fossilizziamo nel ruolo di vittime e quanto più alimentiamo le lamentele, tanto più ci identificheremo con quel ruolo, quindi alla fine ci paralizziamo di fronte al problema senza risolvere niente. Questo ci impedisce di riconoscere e sviluppare al massimo il nostro potenziale. Serena e allegra giornata e...niente lamentele!!! Bye Sal
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/02/20 alle 10:40 via WEB
Dalle mie parti, si menziona un vecchio aforisma popolare: "Il lamento paga" oppure: "Il pianto rende". Come vedi a volte si tratta di scelta. Buondì Sal.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.