Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

lascrivananina.monamourambradistellemonellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_smariateresa.savinosimona_77rmsofya_mpittarovprolocoserdianalory111111blb49bo47giorgiobeppe19420GABRIELEPANI
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« QUANTE? QUARANTATRE?CIAO "BELLI CAPELLI" »

ATLETE CON GLI ATTRIBUTI E...BASTA!

Post n°3473 pubblicato il 11 Febbraio 2020 da monellaccio19
 

 

 

"Giulia" è una associazione italiana di giornaliste libere e autonome, riunite con lo scopo di difendere democrazia e libertà di informazione. In alcune occasioni sportive e quando sono impegnate squadre e atlete italiane, si rileva spesso da parte della stampa in genere, un linguaggio poco corretto e stereotipato quanto basta per richiamare l'attenzione della associazione. Hanno cominciato ad affrontare il problema da tempo, ma la sfida vera e propria è iniziata quando la nostra squadra femminile di pallacanestro, affrontò l'europeo e il mondiale con strepitosi successi e con ottimi risultati. Seguii in tv tutti gli incontri e ammetto di essermi esaltato molto vedendo le nostre ragazze battersi alla grande sia in Europa, sia contro squadre mondiali molto più brave della nostra nazionale. Bravissime tutte e in particolare, due ragazze (italianissime e di colore) che erano di sprone alle colleghe trascinandole in partite esaltanti. Per tali occasioni, leggendo i resoconti e gli articoli sui vari giornali sportivi, si notò l'esaltazione dei vari cronisti che presi dall'eccitazione si sbracavano con descrizioni poco eleganti verso le ragazze. "Sono donne con le palle!" per indicare che sotto il profilo atletico e sportivo, avevano forza, agonismo, e spirito combattivo alla pari degli uomini. Oh poffarbacco, che significa? Attribuiscono palle alle donne solo perché capaci di emulare gli uomini quando sono in campo? E' accaduto anche successivamente con la nazionale femminile di calcio: buone partite, esaltanti e con una squadra femminile capace di eccitare gli animi dei tifosi. Spesso si eccede nel linguaggio, tutto viene narrato con un distinguo sottinteso, laddove si evidenzia la differenza uomo/donna. Nomignoli, dettagli delle ragazze che non rinunciano allo smalto sulle unghie, capelli spesso tenuti in ordine ma legati per semplice praticità nelle fasi di gioco, insomma, ogni occasione è buona per definizioni ed enfasi   nell' indicarle: "Atleti in gonella" per esempio, è una di quelle indicazioni più irritanti. Tutto tende sempre a sminuire, a ridurre il valore di atlete che non hanno bisogno di paraventi e battutacce per essere se stesse, donne capaci e in grado di fare il loro mestiere. Tra l'altro, eliminato del tutto il "dilettantismo" in alcune discipline, vedi il calcio femminile che è è professionale, si deve smettere di pensare che alcuni team di donne vincano perché allenate da uomini. Andremo a Tokio quest'anno e speriamo sia una buona occasione per parlare di donne atlete, sportive, formate a tutti gli effetti come i maschietti e capaci anche di far meglio, se rispettate e sostenute senza alcun pregiudizio. L'associazione "Giulia" è al lavoro da tempo per spazzare definitivamente il campo dai luoghi comuni, dai pregiudizi e dalla retorica delle donne non comparabili agli uomini nel campo sportivo e agonistico. Non esistono sport per gli uomini e per le donne, esiste lo sport accessibile agli uni e alle altre e c'è solo da abbattere definitivamente la resistenza culturale che impedisce di fare discorsi, valutazioni e apprezzamenti per chi merita o meno. Abbiamo grandi atlete, grandi squadre e grandi campionesse: lo sci ci sta dando grandi soddisfazioni proprio in questo periodo, quindi smettiamola e parliamo di donne con attributi (ovvero, tanti aggettivi per etichettarle) ma non attribuiamo loro le palle, quelle con rispetto parlando, non sono di loro competenza anatomica... 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=14778656

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
prolocoserdiana
prolocoserdiana il 11/02/20 alle 10:52 via WEB
Fortunatamente da diversi anni è emerso in tutto il suo splendore il lavoro sui giovani di qualsiasi settore sportivo. A farla un pò da padrona sono in questo momento le ragazze che si stanno distinguendo in quasi tutte le discipline e pare siano loro da sprono per i giovani ragazzi ancora in via di maturazioni. Fra sci, volle, basket ed alcune discipline di atletica sono certo che le ragazze ci faranno saltare ancora un volta sulle poltrone. Ancora buona giornata, Sal PS. Asparagi non ne ho trovato, ma l'incubo Inter mi ha accompagnato tutta la notte...
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/02/20 alle 11:19 via WEB
Dolore eh??????????? AhAhAhAhAhAh!!!!!! Sì, sono del parere che sia giunto il momento di chiarire la situazione: le donne, le atlete impegnate in tutte le discipline e gli sport, sono da trattare con rispetto e apprezzamenti specifici e non allusivi. Le donne ci stanno dando grandi soddisfazioni e non meritano etichette sessiste e poco consone alla loro femminilità. Smettiamola anche in questo campo di dire sciocchezze e di guardare a loro con mero interesse sportivo e agonistico, evitando luoghi comuni e stereotipi che ormai non fanno nemmeno più ridere. Ciao Sal e tirati su....i venti nel calcio cambiano in poco tempo!
(Rispondi)
 
 
 
prolocoserdiana
prolocoserdiana il 11/02/20 alle 19:29 via WEB
Sti par de ciufoli, amico mio...Il vento può cambiare e andarsene 'ndo gli pare, ma il Milan non si qualifica nemmeno per una coppa del nonno all'amarena...No asparagi? Mi rifaccio andando a caccia di lumache!!! Ciaoooooo e buona serata. Sal
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/02/20 alle 19:51 via WEB
Sembri uno di quelli della "Valle degli Orti", gli spot agroalimentari in tv. AhAhAhAhAhAh!!!!!!!! Sai come puoi risolvere la situazione Milan? Quando sei con uno o più amici e ti toccano sul vivo, devi esclamare: "Non è giornata, lasciatemi perdere...io sono come il Milan!". Ti abbraccio volpe!!!
(Rispondi)
 
divinacreatura59
divinacreatura59 il 11/02/20 alle 11:00 via WEB
Dai!!!!!!!!!!!Che sono una donna con le palle lo dico anche di me...che c'è di strano?Lo dico perchè sono tosta e di carattere e non ho niente da invidiare a certi uomini.Poi se vogliamo fare il processo ai modi di dire ok!Donna in gonnella ad esempio non lo sono.Auguri alle nostre splendide atlete.Buona giornata Carlè e baciuzzo:)
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/02/20 alle 11:26 via WEB
Ma perché con le palle? Non è più nemmeno divertente e credo sia riduttivo per voi. Sei una donna tosta, forte, caparbia, tenace, energica, possente, vigorosa e...vedi quanti aggettivi possono sostituire "palle"? Dai, è una attribuzione maschilista come in genere si sia usato fare finora nel campo sportivo specialmente. Pertanto, trattandosi di attributi prettamente maschili e virili, evitiamo di dire "Donne con le palle" e "donne cazzute". Usiamo i veri aggettivi e oltre quelli che mi ricordavo man mano che scrivevo, ve ne sono tantissimi ancora. Buon giorno cara, Smack!!!!!
(Rispondi)
 
 
 
divinacreatura59
divinacreatura59 il 11/02/20 alle 19:45 via WEB
Ma a me piace quello che ci vuoi fare????????Donna con le palle mi piace troppo e non voglio sostituirlo con alternative...uffa!!!!!!!Saluti alla tua 51% che non è Violante e manco Francesca ma è la tua donna da una vita.....smackkkkkkkkkk
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/02/20 alle 19:52 via WEB
Quest'anno sono 50 anni di matrimonio e 53 di vita insieme!!!!!! Se non abbiamo le "palle" io e lei, chi??????? AhAhAAhAhAhAhAh!!!! Smack e buona cena.
(Rispondi)
 
nina.monamour
nina.monamour il 11/02/20 alle 15:30 via WEB
Come ben sappiamo tutti, lo sport italiano (e non solo) è ancora di forte impronta maschile e sebbene l'incidenza delle atlete negli ultimi anni sta aumentando, le donne sono sottorappresentate negli organi decisionali delle istituzioni sportive, a livello locale, nazionale ed europeo. Sarebbe ora, a mio modesto parere, di smetterla con questa forma di sessismo, forma di discriminazione che non porta nulla di buono. Vogliamo "crescere" o "retrocedere"? Per quanto riguarda la parola "palle" è disdicevole, (date a Cesare quel che è di Cesare, ahahahahhh) meglio usare altri termini, buon pomeriggio Carlé
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/02/20 alle 17:43 via WEB
Beh, un buon segnale lo abbiamo ricevuto proprio quando, alla vicepresidenza della Lega calcio Prof, è stata eletta Cristiana Capotondi. Un incarico prestigioso dove mai nessuna donna fu eletta. La giovane attrice è molto preparata, non è sta una conquista "aggratis" e sa il fatto suo. E' possibile che possa un domani aspirare alla presidenza e sarebbe veramente un bel colpaccio. Per il resto siamo d'accordo e spero di aver reso il concetto: smettiamola di parlare di atlete che intraprendono carriere sportive comunque e sempre, come aliene che arrivino dallo spazio per calarsi in quello ad uso strettamente maschile. Buona sera Nina.
(Rispondi)
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 11/02/20 alle 17:12 via WEB
C'è sempre stata questa insana mania di dare da "femminucce" a chi non dimostrava sufficiente forza di carattere e di "cazzuto; con le palle ; con i contro........" chi al contrario dava segno di forza. Quasi che associare la forza o il carattere agli organi maschili fosse d'obbligo.
In tutta onestà che mi si attribuiscano le palle non me ne frega una cippa. Non ne ho bisogno, per sapermi determinata, forte, energica, risoluta. Così come le gonnelle o la femminuccia non mi fanno sentire sminuita, anzi... sono orgogliosamente donna e anche femmina...
Un in bocca al lupo alle atlete, un buon pomeriggio a te, Carlo :)
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/02/20 alle 17:49 via WEB
Non hai torto ad elevarti e a ribadire quanto e come tu ti senta, a prescindere da attributi prettamente maschili. Ogni donna sa il fatto suo e senza alienazioni di sorta, compie il suo lavoro e procede senza dover star ad ascoltare le sciocchezze di chi sia costretto a parlar di loro. E' il senso di disagio generale che richiede l'attento linguaggio: parlare di atlete e di donne inserite in squadre, non ha da essere una forzatura, un caso, una scommessa vinta e poi finisce lì. Sono a tutti gli effetti alla pari con gli uomini e quini si dia loro il rispetto che meritano senza allusioni varie ed eventuali. Gli attributi ci sono e di aggettivi se ne trovano nella nostra lingua italiana....e meno male che ci sono! Buona sera Elena.
(Rispondi)
 
Spiky03
Spiky03 il 11/02/20 alle 17:33 via WEB
"Donna con le palle" anche se sappiamo bene tutti che nelle intenzioni vorrebbe essere un complimento mi dà fastidio. Un concetto prettamente maschile, dove forza decisione e fermezza sarebbero naturalmente solo maschili. Però prova a pensare alla femminilizzazione del turpiloquio, una volta abbiamo provato io e una mia amica, roba da bruttura ahahahaha quindi abbiamo deciso di lasciare le cose come stanno. Complimenti a queste atlete, dovrebbero parlare più di loro invece di riempirci di notizie insignificanti sui vari vip dello spettacolo. Buona serata carissimo!!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/02/20 alle 17:57 via WEB
Non si tratta solo di attributi poco eleganti assegnati alle donne solo perché molti credono che siano di passaggio in un campo o una specialità sportiva. Le appellano in modo scorretto perché non riescono ad immaginare una loro presenza attiva e costante. Pensa a quelle donne impegnate, quando alcuni giornalisti parlano delle loro vita privata. Le trattano come donne che meritano attenzione particolare, scavano dettagli indicibili di cui farebbero meglio a non parlare. Se i calciatori sono sciupafemmine, le donne sono sciacquette di poco conto. Non dimenticare la Pellegrini (la nuotatrice) sulla quale specie ad inizio carriera, ne hanno dette di cotte e di crude perché era anche una bella donna. Lei pure ci ha dato dentro, e via con le chiacchiere da bar dello sport. Insomma, in generale sta cambiano la posizione della donna e anche nel mondo sportivo si dovrà tenerne conto con linguaggio serio e corretto. In fondo uomini e donne sono uguali anche nello sport. Buona e bella serata Spiky.
(Rispondi)
 
prolocoserdiana
prolocoserdiana il 11/02/20 alle 20:50 via WEB
Ciao...Chiacchierare fino a tardi, giocare, riscoprirsi ogni giorno, vivere gli uni per gli altri, ridere per ogni fesseria, continuano ad essere quei gesti più belli che due persone possano regalarsi. Sorriso, bye Sal
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 12/02/20 alle 07:55 via WEB
Piacevole e godibile giornata Sal-
(Rispondi)
 
ambradistelle
ambradistelle il 11/02/20 alle 21:49 via WEB
quando certi giornalisti usano appellativi poco gentili è perchè sono piccoli piccoli e il loro cervello non si è sviluppato!!! buonanotte amico caro...ti abbraccio
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 12/02/20 alle 07:57 via WEB
E noi tutti siamo qui per avvertirli che il vento è cambiato e le donne vantano determinate, i loro diritti. Buon giorno cara Tina, sincero abbraccio per te.
(Rispondi)
 
lascrivana
lascrivana il 12/02/20 alle 06:26 via WEB
Ci vorrà un po' di tempo ancora, ma alla fine ci riusciremo. In ogni caso in bocca al lupo alle nostre ragazze.Buongiorno Carlo
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 12/02/20 alle 07:57 via WEB
Dici bene, tempo ci vuole e le cose finalmente andranno per il verso giusto. Buona e serena giornata Laura.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.