Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

giorgia76dgl6monellaccio19cablelineritasimioambradistellechiedididario66giannimistercassetta2studio.pietrorinaldirepublikedicolagirottidinosgambatoterm.brilladalicsi35pefGnG.car
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« QUANDO L'ELABORAZIONE E' LENTALE FAVOLE CAMBIANO E LA ... »

RICCHI E POVERI: NO QUELLI CHE CANTANO...

Post n°3665 pubblicato il 07 Settembre 2020 da monellaccio19
 

 

 

 

Se veramente accadrà che Berlusconi sarà fuori dal San Raffaele entro una decina di giorni, sarò contento e sinceramente felice. Pur essendo un "nemico" politico e persona che mi interessi molto poco, rispetto l'umano e quindi, lunga vita al vate. Se andasse così per quel poco che Zangrillo annuncia per due volte al giorno, la noia sarebbe limitata, ma se accadesse che il tempo si allungasse e le terapie pure, beh, io avrei già le scatole piene per questa sovraesposizione mediatica del banana. Già riempire l'informazione tutta con la pletora di cameramen e fotografi in fissa dimora giù per strada dinanzi all'ospedale, è come aspettarsi che si affacci Silvio con Papa Francesco alla finestra per salutare gli astanti. E il solito "pierino", confuso tra la gente, chiederebbe al suo vicino: "Vabbè, quello a destra è Berlusconi, ma l'altro chi è?". Capisco che sia il beneamato più...amato d'Italia, ma ora esageriamo e non mi sembra il caso: informazione sì, sovraesposizione no! Porgo una domanda a voi che mi leggete: a vostro parere, il covid-19 è razzista, seleziona le vittime, sa quali persone colpire, oppure tutti indistintamente, siamo vittime e rischiamo l'epidemia? Ovvero, dopo ciò che stiamo vedendo da mesi a questa parte, il virus fa più male ai poveracci, al ceto medio e agli italiani comuni e per niente noti, oppure, quando becca un personaggio famoso e vip, difficilmente lo porta a patire la stessa trafila dei poveri cristi?  I soldoni posseduti aprono un baratro profondissimo tra chi viene colpito dalla epidemia e viene prelevato da un'ambulanza per essere condotto in reparti all'uopo attrezzati  e curato con gli altri, mentre Berlusconi "vive"  la sua infezione in una suite con molte camere all'ultimo piano del S.Raffaele in piena solitudine, con tutte le comodità a sua disposizione. Beh, il contesto non mi sembra uguale: so che Berlusconi come tanti altri, faccia corpose donazioni all'ospedale e così presumibilmente, anche altri vip. I soldi aprono fronti impensabili e comparare le degenze tra un morto di fame e un ricco, non è possibile. Allora la rabbia monta, sbuffiamo e borbottiamo, siamo a capire che l'epidemia che qualcuno ha accostato impropriamente alla famosissima poesia "A' Livella" di Totò, non ci azzecca proprio: è vero, il virus non guarda in faccia nessuno e becca chi capita. Noi comuni mortali, abbiamo fatto il possibile per rispettare le regole e cercare di non essere fregati, ma altri, i cosiddetti ricchi hanno fatto l'impossibile per non annoiarsi specie questa estate appena trascorsa. Sapevano che per loro il percorso terapeutico non sarebbe stato poi un calvario come lo sia per la maggior parte degli italiani anonimi. "Anonimi" come coloro che hanno lasciato la vita in ospedale, come tutti quelli che hanno sofferto e pregato perché i loro cari non cadessero nelle braccia della morte. Briatore, Berlusconi e tanti altri i cui nomi sono stati fatti dopo, a guarigione avvenuta, sono stati unti e hanno goduto di ben altre attenzioni. Mi sta bene, non ho da discutere su questo aspetto, ma almeno cerchiamo di sapere che il virus non solo ha colpito direttamente con la sua epidemia, ma ha procurato tante vittime nel campo del lavoro: a parte l'essere colpiti, molti hanno perso il posto, molti hanno chiuso e non riapriranno, tanti altri sono ad aspettare aiuti che magari non arriveranno mai e invece...i ricchi non subiranno che piccoli (al massimo) scossoni. Tantissimi non avvertiranno nemmeno la crisi e la vita continuerà come al solito, quando ce ne saremo scordati di questa maledetta pandemia. Come era quella telenovela? "Anche i ricchi piangono"?....Ma quando mai? 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=15095114

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
licsi35pe
licsi35pe il 07/09/20 alle 10:04 via WEB
Carissimo, il tuo post ci trova tutti accomunati nello stesso pensarfe, almeno credo. Il virus ci fa tutti uguali nella sofferenza fisica ma i soldi , in assoluto, rendono privilegiati, chi ne ha le tasche piene. E' stato sempre così e non cambierà Hai voglia di dire che "i soldi non fanno la felicità" ma per tutto il resto, sono una vera manna del Cielo. Buon inizio settimana, Carlo...a parte i soldi (e ti par poco) non cambierei la mia vita seppure al tramonto, con la loro...*___*
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 10:21 via WEB
Stiamo bene così: tanto mi sono posto contro questi signori, no per il danaro che posseggono, ma per come li rende il danaro. La condizione che li privilegia in occasioni come queste, è la follia del tempo che viviamo. "A' Livella" ha ragione, siamo tutti uguali difronte alla morte, ma finché siamo in vita, c'è chi la morte la evita benissimo mentre molti non sono in grado di scansarla. A volte nemmeno con la preghiera. Ma va bene così, ognuno con la sua vita e ognuno con la sua croce da portare. Ricordino, tuttavia, che le croci spesso non sono uguali, ma conta la dignità con cui si portano. Ciao cara, abbi una serena giornata.
(Rispondi)
 
lascrivana
lascrivana il 07/09/20 alle 10:11 via WEB
Preferenze che riguardano questo mondo. Pietosi sino alla fine. Buongiorno Carlo
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 10:23 via WEB
Non è il loro denaro che mi fa rabbia, ma la loro tracotanza davanti a tutto e davanti ai loro simili. Troppo bello affrontare i mali con i soldoni. Ci salva la dignità, quella che loro non hanno. Serena giornata Laura.
(Rispondi)
 
Bugenhagen
Bugenhagen il 07/09/20 alle 12:21 via WEB
Ma se lei fosse ricco sfondato e fosse colpito dal virus, non si farebbe ricoverare in una clinica privata a pagamento con tutti i confort annessi e connessi? O si farebbe ricoverare in mezzo ai poveracci? Inoltre Berlusconi (di cui non provo stima) ha donato 10 milioni di euro al San Raffaele, lei cosa ha donato? Cerchiamo di non fare gli ipocriti. Grazie!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 12:41 via WEB
Se ti prendessi la briga di leggere attentamente i post e anche commenti e repliche, probabilmente coglieresti il senso del post. Non sono i soldi che discuto, ma la dignità, la sensibilità e il boato che accompagna le loro malattie: certo, io se avessi i soldi, sarei molto più riservato e molto garbato nell'occupare la suite alla faccia di quelli che non se lo possono permettere. Discuto la spocchia, l'alterigia e la prosopopea, l'arroganza di questi signori che non tengono conto dei loro simili che non avendo i loro mezzi, sono più esposti di quanto non lo siano loro con le precauzioni non prese e facendo la bella vita alla faccia di chi si sia preoccupato di essere molto cauto. Ho citato "A' Livella" di Totò, proprio per indicare che tutti siamo uguali davanti alla morte, ma davanti alla stessa malattia, siamo fortemente disuguali: ognuno curato per quel che possiede in ricchezza. Come al solito ti sfuggono sempre i dettagli e il pregiudizio ti scalda il cuore!!!!!
(Rispondi)
 
 
 
Bugenhagen
Bugenhagen il 07/09/20 alle 12:57 via WEB
"I soldoni posseduti aprono un baratro profondissimo tra chi viene colpito dalla epidemia e viene prelevato da un'ambulanza per essere condotto in reparti all'uopo attrezzati e curato con gli altri, mentre Berlusconi "vive" la sua infezione in una suite con molte camere all'ultimo piano del S.Raffaele in piena solitudine, con tutte le comodità a sua disposizione". Questo lo ha scritto lei, non io. Se fossi ricco farei quello che ha fatto Berlusconi: mi farei curare in una struttura di lusso e donerei 10 milioni di euro a un ospedale per curare i più bisognosi.
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 16:55 via WEB
Anch'io lo farei e l'ho detto nella precedente replica. Ma lo farei senza enfasi, con garbo e moderazione. Senza che ci siano telecamere e giornalisti pronti per lo sccop! I dieci milioni passano per donazione, ma in realtà sono la retta fissa che ogni anno paga per tenere il reparto/suite a sua disposizione. Quando gli farà male un dito della mano, lui sa che potrà ricoverarsi direttamente senza passare dall'accettazione. Dignità è quello che manca a lor signori!!!!!! Apri gli occhi che sei cresciuto!!!
(Rispondi)
 
Spiky03
Spiky03 il 07/09/20 alle 13:53 via WEB
Io penso che covid o non covid il mondo ha sempre girato così! È sempre esistita la disparità tra le classi sociali. Come ebbe a dire qualcuno: Quando il povero e il ricco votano lo stesso partito, uno dei due si sbaglia e non è il ricco... Buon inizio settimana carissimo!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 16:58 via WEB
Lo so, è sempre stato così. Hai mai visto o letto di un FERRERO che si comporti come Silvio? No, e non lo vedrai mai, eppure sono i più ricchi s'Italia. Lo stesso Del Vecchio, anche lui, mai montata la testa e fa gli affari suoi senza spocchia e spavalderia. Ciao Spiky, magnifica serata.
(Rispondi)
 
mariateresa.savino
mariateresa.savino il 07/09/20 alle 14:28 via WEB
Ah, i soldoni, quante ne fanno! C'è da pensare, con una certa allergia, a queste sperticate ingiustizie. L'unica livella è la morte, tanto per dare ragione a Totò, ma questi ricconi,insieme con chi conta più del resto del prossimo, se la passano alla grande anche contro il virus... che si accanisce contro i poveri, con il bene placito della sanità. Sai che ti dico? Meglio non pensarci, per non amareggiarci più del dovuto...Buon pomeriggio, Carlo.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 17:01 via WEB
Ecco brava, non sono i loro soldi, sono i loro modi da ricchi: hanno fatto baldoria questa estate e ora vanno in terapia senza problemi, non passano nemmeno dall'accettazione, vanno direttamente in suite. Questo discuto per la loro ignobile tracotanza. Bella serata Mariateresa.
(Rispondi)
 
 
 
mariateresa.savino
mariateresa.savino il 09/09/20 alle 21:02 via WEB
Ma se non avessero tutti i loro soldi non spupazzerebbero le ragazzine nei posti chic, per farle divertire ed illudersi di essere ancora giovani abbuffati di pillolette blu. Non ti pare?
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 11/09/20 alle 08:47 via WEB
L'ostentazione dell'uso del danaro, l'impiego del danaro enfatizzato per tutti, come a dire: rodetevi, noi possiamo! Il figlio di Briatore e Gregoraci, ha ripreso la scuola come altri bambini, Ebbene, tra uno zaino griffatissimo e un paio di scarpe griffate, "portava" con se, circa 2000 euro. Eco ciò che non apprezzo. Farlo notare sulla stampa!!!!! Ciao Mariateresa.
(Rispondi)
 
volami_nel_cuore33
volami_nel_cuore33 il 07/09/20 alle 15:06 via WEB
Solo sognando e restando fedeli ai sogni riusciremo a essere migliori e, se noi saremo migliori, sarà migliore il mondo. Luis Sepúlveda Un sorriso radioso giunga fino a te,augurandoti un buon pomeriggio e felice settimana nuova..Agnese..smuacketeee...
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 17:02 via WEB
Grazie Agnese, è sempre un piacere salutarti con affetto. Bella serata mia cara. Kiss.
(Rispondi)
 
ambradistelle
ambradistelle il 07/09/20 alle 18:58 via WEB
I ricchi non piangono mai...piange la gente comune!!
Buonissima serata!!
Un abbraccio e mille sorrisi!!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 20:13 via WEB
Già, sospettavo da tempo che qualcuno mentisse!!!!! Buona serata Tina, un bacione.
(Rispondi)
 
cassetta2
cassetta2 il 07/09/20 alle 19:55 via WEB
Pensate che i figli dei ricchi sono costretti a fare le file di ore perché anche i poveri vogliono farsi i tamponi
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/09/20 alle 20:12 via WEB
Tu pensi che i figli dei ricchi facciano la fila per fare il tampone? Non lo so, credo di no. Tuttavia chiedi a Marina Berlusconi se ha fatto la fila per sapere di essere infetta. Sera Cass.
(Rispondi)
 
alberto.gambineri
alberto.gambineri il 07/09/20 alle 21:17 via WEB
più o meno implicitamente ti sei già dato tutte le risposte; io non guardo la televisione da oltre una settimana e non ho seguito alcunché; sono arcistufo di qs spettacolo miserando e preferisco dedicarmi ad altro; il mio prossimo libro, attualmente in fase di stesura, ha una parte dedicata alla figura del medico, e ti posso assicurare che non ne esce così angelico come ce lo hanno presentato per tre mesi di seguito gli scorsi marzo aprile maggio; inoltre non importa essere ricchi, basta essere celebri ed assicurare al medico/ospedale un bel po' di pubblicità, guarda Zanardi… buonanotte (le palle si son rotte), Carlo
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/09/20 alle 08:03 via WEB
Oggi, per le note ragioni che sappiamo, i medici e gli infermieri sono tornati alla ribalta per la mole di lavoro svolto durante la pandemia. Ma fino a ieri, a parte i grandi e particolari interventi chirurgici di una certa rilevanza mondiale, erano figure discutibili: i medici per la loro "baronia" e la puzza sotto il naso tipica di chi "Io so' io e voi non siete un cazzo", gli infermieri perché avevano un solo scopo: raggiungere il 27 del mese. Ovvio che stia generalizzando e meno male, altrimenti saremmo stati in un mare di cacca. Questa paurosa esperienza li ha cambiati e si sono fatti valere, pertanto spero in un recupero definitivo anche se la nostra Sanità versa in uno stato che non ci fa ben sperare. Restano comunque tanti problemi e ho fiducia in un cambio generazionale. Ieri sono stato al Policlinico per una visita ci controllo e mi è capitato un giovanotto niente male. Buon giorno Alberto.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.