Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 172
 

Ultime visite al Blog

Silk.whipmonellaccio19cassetta2licsi35pegalloceramiche.1997lascrivanaprolocoserdianasurfinia60divinacreatura59ambradistelleg1b9e_d_e_l_w_e_i_s_sun_uomonormale0chiedididario66mariateresa.savino
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« DUE ORE PRIMA O DUE ORE ...LUI ACCUSA E IO PURE! »

NO PETTINI? NO NODI!

Post n°3746 pubblicato il 29 Novembre 2020 da monellaccio19
 

 

 

 

Ricordo quel 1970 e i due anni successivi, quando il Parlamento Italiano pose in essere, intervenendo sulla Costituzione, la realizzazione delle Regioni. Un atto studiato nei minimi dettagli per accreditare ad ognuna di esse, poteri autonomi e gestioni dirette dei servizi sociali. Sembrava una scelta moderna, evolutiva e periferica per staccarsi dallo stato centrale. Ebbene, la "leggenda" racconta che in tale circostanza, il presidente del Partito Repubblicano Italiano (PRI) Ugo La Malfa, ebbe a sussurrare nell'orecchio di un suo carissimo, amico/collega in parlamento, la seguente frase: "Abbiamo fatto una delle più grandi cazzate per il paese". Oggi, quella battuta detta seriamente e riferita alle responsabilità assunte nel deliberare la scelta delle Regioni, pesa come un macigno a distanza di 50 anni circa. Un errore gravissimo per un paese che non comprese subito ciò che sarebbe accaduto. Abbiamo visto col tempo cosa significasse quella "indipendenza" relativa e quella possibilità di provvedere direttamente alla gestione di alcuni settori principali dell'economia sociale del paese. La Sanità, una delle voci più pesanti nei bilanci dello stato, passava alla gestione regionale ritenendo così, di sgravarsi dall'onere e nel contempo di migliorare i servizi per un stato che puntava al welfare in maniera piena e uguale per tutti. Un sogno irrealizzabile conoscendo la politica del tempo e delle sue prime "sconclusionate" scelte fatte di errori, di leggerezze e di...mancanze all'italiana. Governarsi da soli sotto certi aspetti, si pensava fosse un vantaggio: è vero, è accaduto, ma solo per chi ha pensato di occupare gli scranni solo per gestire il bene pubblico e trarne benefici personali. La Sanità è quella che ha pagato il prezzo più alto e oggi in piena emergenza ci rendiamo conto come sia andata e come abbiano proceduto i governi che si siano succeduti. Il giro di boa più vistoso e più maldestro, è stato avviato quindici anni fa circa: smantellando quel poco di buono che si era fatto, governi di destra e altri a seguire, hanno tolto dai fondi destinati al pubblico per  dirottarlo ai privati e ciò che man mano si è tolto, anno dopo anno per far quadrare i loro conti, sono nodi che oggi non possiamo far finta di non vedere. Siamo alle pezze, lo stato deve provvedere alle regioni quando non ce la fanno e meglio di così, le leggi non le avrebbero potuto scrivere. C'è stato l'assalto, la facilità di sottrazione, la baldoria delle commesse, degli appalti, fiumi di soldi che passavano da tasche e bocche fameliche. Un continuo e stimolante rapporto (per loro che si leccavano i baffi) e ritardante per noi che subiamo ancora le...pene delle grandi mancanze. Non dimenticate i viaggi della speranza per i "sudici" mentre i nordici si gonfiavano di boria per le loro grandi possibilità. Un assetto che abbiamo patito e che non ci siamo scrollati ancora di dosso. La Calabria è in difficoltà, tre/quattro persone  (?) che non accettano il posto di commissario, vorrà pur dire qualcosa o no? Regioni e mafie a braccetto, tutti a far politica no per il bene del paese, ma per le proprie voglie ed esigenze. Oggi paghiamo sempre noi, lo sappiamo ma non ci badiamo, la politica stando a quel che leggo, non interessa più a nessuno e se il prezzo è sempre in aumento esponenziale da decenni e decenni, a molti non frega più niente: ormai ci si basa su amici potenti e su evasioni sostanziose per chi è avvezzo. Tutti gli altri a pagare e a soffrire per un paese che delude sempre e...di più. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=15243110

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
cassetta2
cassetta2 il 29/11/20 alle 09:36 via WEB
La sanità al sud è un disastro. Ma mi riferisco alla sanità mentale dei politici.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 11:29 via WEB
Ahimè sì. Paghiamo un retaggio antico e stereotipo della cultura meridionale. Comunque qualche problema c'è anche al nord: tra le prime regioni a rompere il buon equilibrio che esisteva al nord, è stato un governo della Lombardia: tra Formigoni a Maroni hanno avviato il processo del sottrarre alla sanità pubblica per convogliare alla Sanità privata. Un segnale pericoloso che poi si è distribuito dappertutto: troppi tagli alla sanità per coprire altri buchi. Il gioco è noto e non ho altro da aggiungere. Oggi i nodi sono al pettine e visibili abbondantemente... La sanità mentale dei politici? Ormai cronica e selvaggia, non ci stupisce più, ma ci danneggia molto! Ciao Cass. buona domenica.
(Rispondi)
 
divinacreatura59
divinacreatura59 il 29/11/20 alle 09:55 via WEB
Io noto che per quanto riguarda la sanità molti sono costretti a ricorrere ai privati e questo non dovrebbe esistere.Sia perchè dovremmo essere garantiti con i servizi perchè paghiamo contributi fumanti e sia perchè non tutti si possono permettere di andare dagli esterni.Alle volte manco le analisi facciamo perchè i ticket sono notevoli soprattutto per una famiglia monoreddito.Per me è tutto,regioni o non regioni pretendiamo di essere garantiti.Buona domenica amico mio...smackkkkkkkk
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 11:34 via WEB
Infatti, favorire il privato significa per la politica, favorire gli amici e colpire il popolo. Un malaffare iniziato con la Lombardia (Maroni e Formigoni) e poi portato avanti da altre regioni per coprire altri buchi di bilancio. Altro che garantiti: ora arriveremo alla resa dei conti!!!! Buona domenica carissima Diana, un bacione.
(Rispondi)
 
g1b9
g1b9 il 29/11/20 alle 12:06 via WEB
Per colpa di questa sanità che bada solo al Covid, oggi è uno di quei giorni per me di dolori lancinanti e allucinanti, che, se potessi libererei tutti quanti dal governo, dalla politica e quant'altro... se hai il covid e sei vecchio ti fanno morire, se non hai il covid non puoi accedere ai medici, ai servizi senza la trafila covid manco a pagamento, per cui alla fine ti fanno morire per Covid comunque. E allora che fai? Stai peggio di un cane come me oggi..Ciao Carlo!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 12:15 via WEB
Scusami Giovanna, ma sono sintomi generici o sintomi strettamente legati al virus? In tal caso, perché non provvedi consultando il tuo medico di famiglia? Trascurare non è il caso, hai il dovere di riguardarti e il diritto di farti curare. Ti prego, non farci preoccupare più di quanto non lo siamo già di nostro. Serena domenica mia cara.
(Rispondi)
 
 
 
g1b9
g1b9 il 29/11/20 alle 13:01 via WEB
Non preoccuparti, non ho alcun sintomo da Covid, ma i postumi ormai cronici di un intervento di reimpianto di protesi all'anca, che mi hanno rovinato la postura della schiena per cui ho una vertebra che slitta e va a comprimere il nervo sciatico con dolori inimmaginabili. Sono mesi ormai che chiedo di poter fare dei controlli, ma non è possibile per via del Covid,ci sono periodi in cui gli analgesici proprio non mi aiutano per niente e il dolore è insopportabile, oggi per giunta è anche domenica.... Grazie , ma non è Covid..
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 17:21 via WEB
Non vorrei dire che mi hai tranquillizzato, offendendo il tuo problema piuttosto grave. Anzi, dirò di più, temo di avere il tuo stesso cruccio, ma senza accusare il virus, sono io che rimando sempre una visita per accertare la situazione. In verità, in verità ti dico che mi hai...scoraggiato definitivamente e...meno male!!!! Ti abbraccio Giovanna, buona serata.
(Rispondi)
 
licsi35pe
licsi35pe il 29/11/20 alle 12:07 via WEB
Il Coronavirus ha messo in ginocchio i sistemi sanitari di tutto il mondo. La sanità lascia molto a desiderare. Speriamo non dover arrivare anche noi alle "assicurazioni" come in America! Per il resto, la politica è da singhiozzo ininterrotto. Buon domenica, Carlo..*__*
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 12:18 via WEB
Legittima la tua preoccupazione e la condivido. Ora in questo drammatico frangente, stanno venendo al pettine i nodi che ci trasciniamo dietro da un bel po'. Hanno tolto molte risorse alla sanità pubblica, un bottino trasferito al privato e a scapito degli assistiti. Non augurerei a nessuno un finale all'americana: assicurazione per la salute....con quello che paghiamo allo stato, altro che welfare!!!! Buona domenica carissima Licia.
(Rispondi)
 
ambradistelle
ambradistelle il 29/11/20 alle 12:20 via WEB
Buona domenica a te!! Bacioni bacini bacetti!!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 12:21 via WEB
Sia lieta e serena per voi tutti questa domenica. Ciao Titti, un bacione.
(Rispondi)
 
chiedididario66
chiedididario66 il 29/11/20 alle 14:19 via WEB
Siamo arrivati alla pari con l'america. Chi ha i soldi si può curare, altrimenti muori. Evviva chi sostiene l'Europa, la nato e gli americani. Il Piave mormorò, non passa lo straniero. Invece ci hanno asfaltati. Siamo lo zerbino di tutti. Non comandiamo più noi l'Italia. Grazie alle politiche mafiose dei partiti, per avere il CADREGHIN.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 17:24 via WEB
Che dirti Dario, oggi, con quello che stanno combinando, dovremmo cambiare idea politica ogni mezza giornata. La sanità l'hanno mandata a farsi un giro, ma non è ancora ritornata, anzi è latitante definitivamente. Ciao bello, buona serata.
(Rispondi)
 
lascrivana
lascrivana il 29/11/20 alle 14:38 via WEB
La parola sanità è stata percepita male; pensano che siamo tutti sani e non serve un piano. Avrebbero dovuto chiamarla infermità. Buona domenica
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 17:26 via WEB
Se c'è un'infermità, quella è dei politici!!!! Purtroppo anche l'infermità è virale, si passa da parola a parola e chi l'ascolta viene contagiato. Tendiamo tutti...ad essere infermi di mente. Buona serata Laura.
(Rispondi)
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 29/11/20 alle 17:14 via WEB
Il Covid in generale, da Nord a Sud, ha fatto uscire dei sommersi... che molti sapevano, tantissimi sospettavano, altrettanti fingono di meravigliarsi...e comuque l'intera vicenda che investe la Calabria ha qualcosa di semplicemente grottesco.
& the show must go on!

Ciao Carlo!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 17:28 via WEB
La Calabria è solo la punta dell'iceberg, sotto c'è un massiccio grande quanto il Monte Bianco. Grottesco? Sì, ma noi ci conviviamo col grottesco!!!! Bye Elena, serena serata.
(Rispondi)
 
volami_nel_cuore33
volami_nel_cuore33 il 29/11/20 alle 19:37 via WEB
Non smettere di inseguire i tuoi sogni, ma nel contempo non perdere mai il contatto con la realtà, perché è da lì che devi partire. ELIO BLANCATO UN SORRISO PER UNA BUONA SERATA E UNA SPLENDIDA SETTIMANA NUOVA..CON IL SOLE E SPERANZA NEL TUO CUORE..AGNESE... ,CLIKKAMI....Buonanotte Carlo....
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 29/11/20 alle 20:01 via WEB
Sempre generosa. Grazie. Buona e serena notte. Ciao Agnese.
(Rispondi)
 
mariateresa.savino
mariateresa.savino il 01/12/20 alle 21:10 via WEB
Mai politico ha affermato cosa più vera. La Regioni hanno delapidato l'Italia per incompetenza amministrativa, disoneste collusioni e fame d'illeciti guadagni, nochè stipendi esagerati per i politicanti che continuano a farne parte.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 02/12/20 alle 08:04 via WEB
Lui lo disse in un orecchio di un amico. Molti lo pensarono ma non lo dissero a nessuno. I cittadini purtroppo bevvero l'amaro calice. Oggi, piangiamo tutti. Ciao cara, felice giornata.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.