Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 176
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19rachelefra05foscolo0fed.79solindimario290554vincesimone1franca_guidiadrianotessachrome_mgeattimobilipiercaccoavv.manauzzidiodato6belfagor1961
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« FIGLIA VIRTUOSA O PADRE ...DISCUTIBILI OPINIONI »

SAREBBE ORA DI DARSI UNA CALMATA

Post n°4332 pubblicato il 08 Agosto 2022 da monellaccio19
 

 

 

 

 

 

"Riprendiamoci la nostra libertà".  I giovani specialmente, stufi di accontentarsi dei social evitando di uscire il meno possibile, hanno atteso con ansia il momento di riconquistare la libertà assoluta e per riprendere le care e sacre abitudini del precovid.  Ora, siamo in grado di osservare che i ragazzi sono tornati alla grande e purtroppo sono tornati anche a scontrarsi tra di loro e/o a scontrarsi con adulti che ignari delle loro pretese, dei loro scopi e dei loro freni inibitori, hanno dovuto beccarsi violenze gratuite e accettare situazioni molto pericolose per la loro salute. C'è una forte recrudescenza di violenza gratuita e perversa, dopo essere stati fermi per due anni,  hanno dato fuoco alle polveri, hanno raccolto tanta di quella rabbia dentro, che oggi basta una piccola scintilla per scatenare l'inferno. Si picchiano ovunque, si scontrano dappertutto e si menano come se fosse un gioco.  Un'aggressività inaudita, cercano il modo per esaltarsi e i social sono il miglior luogo per esibire le loro bravate. Tik Tok è una base per queste esibizioni e francamente mettono a repentaglio non solo la loro sicurezza, ma anche quella degli altri che disgraziatamente e inconsciamente, si trovano nelle vicinanze.  Linus, il noto dj, da grande saggio ha argomentato il problema su "Oggi": pur essendo d'accordo con lui, non condivido un dettaglio molto importante. Secondo lui le famiglie di costoro non vanno coinvolte perché non sono al corrente di ciò che combinano e di cosa siano capaci di provocare, quindi i genitori (là dove ci siano) non hanno colpe secondo Linus. Ecco, dissento e purtroppo le famiglie sono sempre coinvolte: educazione, rispetto, diritti, doveri e tutto ciò che eticamente serva a questi ragazzi, non escludono le famiglie. Secondo me hanno le loro responsabilità più o meno evidenti. Voi che pensate? 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=16402150

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
cassetta2
cassetta2 il 08/08/22 alle 09:49 via WEB
Le cose brutte accadono e noi non possiamo prevederle. Crescere dei figli rispettosi e in grado di affrontare situazioni impreviste è compito della famiglia. Altrimenti compratevi un gatto.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/08/22 alle 10:28 via WEB
Sono un assertore convito della buona educazione, dei sani principi e del rispetto del prossimo. Non posso pensare a una famiglia che eviti di operare su questi principi etici. Certo, poi abbiamo anche chi concorre a dare una mano alle cattive interpretazioni, in tal caso, si cerca di puntare in tutte le direzioni imputate.
(Rispondi)
 
 
robbie_790
robbie_790 il 08/08/22 alle 16:28 via WEB
Si certo, continuiamo a scaricare sui genitori qualsiasi problema della società italiana anzichè aiutarli... la scuola non esiste ed i genitori (abbandonati) devono sopperire.. il lavoro non c'è ed i genitori devono farsi un mazzo tanto per mantenere la famiglia... e così via... è la società che non ha capito che i giovani vanno indirizzati perchè sono una risorsa per il paese e per l'economia in generale.. siamo un paese di mentalità vecchia. E lasciate stare i genitori che sono anche troppo bravi.. voi vi riferite ai casi di figli cresciuti in ambienti difficili che crescono fra mille difficoltà in assenza di qualsiasi servizio sociale... ma lo stato e la collettività non hanno mai nessuna colpa... sentiamoci tutti responsabili di questa situazione e magari le cose cambieranno in futuro.. Siamo ormai alla frutta...
(Rispondi)
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/08/22 alle 17:51 via WEB
Come abbia avuto la possibilità di replicare ad altri amici, qui non si può eludere nessuno. La famiglia è il perno essenziale e prioritario per la crescita di un bambino. Sappi che si inizia dai primi vagiti e si continua almeno fino alla maggiore età. Certo, dopo la famiglia c'è la scuola, ossia, il secondo soggetto preposto non solo per l'acculturamento dei bambini sin dall'asilo, ma anche per seguire la crescita e la formazione (con i genitori) del futuro uomo. Certo, sono d'accordo con te sulla scuola che in questi ultimi anni abbia perso la sua funzione primaria di "palestra di civiltà", quindi un appoggio venuto a mancare lasciando soli i genitori. Se poi vi siano problemi di altra natura, allora lo stato mette a disposizione altre soluzioni per aiutare chi ne avesse bisogno. Ma anche in questo caso, non funziona tutto a dovere. Concludo: non hai tutti i torti nell'argomentare, ma i genitori non si escludono assolutamente dalle responsabilità. Devono provvedere nel loro contesto e fino alla maggiore età a forgiare, formare, educare e rispettare la società civile. I ragazzi non vanno abbandonati assolutamente!!! Se poi è difficile perché i problemi a monte sono gravi, allora ci sono gli istituti previsti per il recupero. Grazie Robbie, buona serata.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
ely il 08/08/22 alle 11:25 via WEB
Purtroppo non sempre nonostante l'educazione che dai i figli seguono la retta via. Ma si deve intervenire in questo caso. Poi spesso ci sono ragazzini lasciati allo sbando dalle famiglie. Secondo me sì, si deve intervenire e i genitori devono fare il loro lavoro. Serena giornata
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/08/22 alle 11:54 via WEB
Genitori e scuola. Non dimentichiamo che subito dopo la famiglia c'è la scuola che è anche palestra di civiltà. Entrambe formano la base essenziale per formare e forgiare i giovani. Buon giorno carissima.
(Rispondi)
 
 
 
elyrav
elyrav il 08/08/22 alle 12:33 via WEB
Sì infatti. Sicuramente genitori che devono fare la loro parte e scuola. Hai ragione. Quest'ultima non l'ho citata ma hai ragione eccome!!! Buongiorno :)
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/08/22 alle 17:37 via WEB
Sono pilastri della formazione di ogni bambino: prima la famiglia e poi la scuola, sono a collaborare entrambe integrandosi per seguire crescita sociale e cultura. Ciao Ely.
(Rispondi) (Vedi gli altri 8 commenti )
 
 
 
 
elyrav
elyrav il 09/08/22 alle 10:02 via WEB
Già. La scuola ultimamente ha perso per via di alcuni genitori che per partito preso difendono i ragazzi dai prof/maestri. Io non ho mai difeso mia figlia, se non una volta, dall'educazione dei prof/maestri. Magari ne parlavo in separata sede ma davanti a mia figlia il docente aveva ragione. Serena giornata
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/08/22 alle 10:23 via WEB
Quello che citi, è un fenomeno molto strano: è da un bel po' di tempo che si verificano gesti plateali e senza alcuna grave ragione che possa giustificali. Genitori che aggrediscono verbalmente e in taluni casi, anche materialmente gli insegnanti. Un modo di fare che non tende a costruire la dovuta collaborazione tra le due parti, ma a sfasciare letteralmente il rapporto tra due entità importanti. Questo è un altro fenomeno negativo da abbattere, altrimenti sarà...guerra continua!!!! Serena giornata maia cara Ely.
(Rispondi)
 
 
 
 
elyrav
elyrav il 09/08/22 alle 11:16 via WEB
Infatti. Tu pensa che i genitori vengono "manipolati" dai figli a distruggere le figure educative. Mi chiedo se i figli se ne rendono conto oppure è una cosa che accade così. Senza premeditazione. Sicuramente è una cosa da abbattere. Serena giornata :)
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/08/22 alle 17:03 via WEB
Beh, alcuni ragazzi sono molto furbi e cinici. Riescono a imporre candidamente le loro storie manipolate e passano per poverini innocenti. Ma del resto, esistono anche insegnanti carogne capaci di fare altrettanto. Se il clima fosse più disteso e più sereno forse funzionerebbe meglio la collaborazione. Buona sera cara Ely.
(Rispondi)
 
 
 
 
elyrav
elyrav il 10/08/22 alle 09:49 via WEB
Eh sì da entrambe le parti si dovrebbe remare dalla stessa parte. Nella vita si trova di tutto meglio forse abituarsi a questo ed altro pur restando nei limiti. Serena giornata
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 10/08/22 alle 10:42 via WEB
Appunto, e se le cose andranno ancora in tal modo, sarà molto difficile che avvenga. Buon giorno Ely.
(Rispondi)
 
 
 
 
elyrav
elyrav il 10/08/22 alle 12:14 via WEB
Eh già :( buon pranzo
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 10/08/22 alle 12:19 via WEB
Buon pranzo a te Ely.
(Rispondi)
 
g1b9
g1b9 il 08/08/22 alle 11:54 via WEB
Io penso che le famiglie siano sempre responsabili per come hanno cresciuto i figli e preparati alla socialità, anche se la scuola dovrebbe fare la sua parte oltre l'indottrinamento politico. I figli inoltre sono sotto la diretta responsabilità dei genitori fino alla maggiore età, per cui sono coinvolti, anche se il Dj non è d'accordo. Più tardi spero che le responsabilità diventino loro in tutto e per tutto, mentre invece mi pare non sia proprio così e spesso siano proprio i genitori a pagare per le malefatte dei figli ! Indubbiamente è una brutta società, dove la mancanza di valori porta soltanto all'imbruttimento delle persone, abituate ormai a vivere la loro vita col copyright dei social! Buona giornata Carlo.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/08/22 alle 11:58 via WEB
Indubbiamente v'è un concorso di responsabilità: sono coinvolti famiglie, scuola e social. Principalmente sono loro i maggiori responsabili, ognuno nella sua misura. Abbiamo spesso lasciato correre e il tempo non depone affatto a favore della formazione dei giovani. Non si deve mollare quando le sirene che cantano sono tante. Buon pranzo mia cara Giovanna.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
OgniGiornoRingrazio il 08/08/22 alle 18:31 via WEB
Per onestà intellettuale devo dire che i ragazzi stanno mostrando un abbruttimento comportamentale che è la fotocopia di quello degli adulti . Troppe volte ho visto rispondere in maniera arrogante e rabbiosa a chi cercava di spiegare una situazione. Alzare la voce sembra una cosa normale per ottenere quello che si vuole e non si sentono ragioni.Quindi gli adulti alzano la voce, i ragazzi alzano le mani. Ci stupiamo?Forse dovremmo fare tutti un passo indietro abbassare i toni e riscoprire la cortesia..il dialogo costruttivo... Un sorriso Simona
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/08/22 alle 19:02 via WEB
Certo i cattivi esempi non giovano alla formazione dei giovanissimi. Ecco perché la famiglia tradizionale sta perdendo i sui requisiti centrali e prioritari. Le responsabilità non possono essere dismesse, fino alla maggiore età, un padre e una madre devono occuparsi di un figlio. La scuola che dovrebbe affiancare e collaborare con la famiglia, sta perdendo il suo ruolo vitale e decisivo. Spero vi siano riforme per recuperare il suo ruolo centrale. Si disciplinino anche i social...sono veleno!!! Grazie e buona serata Simona. Carlo.
(Rispondi)
 
surfinia60
surfinia60 il 08/08/22 alle 18:43 via WEB
Mi chiedo, allora le famiglie a cosa servono se non a dialogare e ascoltare il disagio dei giovani? chi dovrebbe occuparsene secondo il 'signor' Linus? Le istituzioni? la scuola? Ma per piacere!!!! Saluti
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/08/22 alle 18:57 via WEB
Io sono del parere che la famiglia sia il nucleo centrale, essenziale e prioritario. I bambini sin dalla tenera età, vanno seguiti, plasmati, educati e formati. La scuola poi, deve associarsi ala famiglia poiché diventa la seconda entità importante per loro: la scuola accultura e amplia la formazione che abbia già avviato la famiglia. La scuola purtroppo è cambiata: mutamenti che lasciano molti vuoti e che richiedono interventi nuovi, chiari e precisi. Buona serata mia cara Surfy.
(Rispondi)
 
EremoDelCuore
EremoDelCuore il 08/08/22 alle 19:48 via WEB
Carissimo hai perfettamente ragione! la famiglia dev'essere al corrente, e cercare per come si può di aiutare i giovani. Penso che alla fine sia proprio la famiglia che può aiutargli a prendere una giusta via piuttosto che operatori esterni. Anche perchè avvisare la famiglia non vuol dire dare delle colpe, ma trovare un modo per aiutarsi. Un caro saluto! Spero che la tua estate prosegua bene!! Buona serata!
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 08/08/22 alle 19:59 via WEB
La famiglia, un concetto che va sempre più smarrendosi in un contesto moderno e sociale che non fa parte della nostra cultura. Quindi, è la famiglia che deve occuparsi e preoccuparsi dei figli sin dai primi vagiti. Fino alla maggiore età, il compito è arduo perché deve prendersi cura della formazione, l'educazione, il rispetto e l'educazione civica e sociale. Grazie mia cara, procede tutto bene. Piacevole serata.
(Rispondi)
 
neopensionata
neopensionata il 09/08/22 alle 04:00 via WEB
Ogni giorno è uno spicchio di vita da godere e da gustare. Non sprecarlo, approfitta di ogni istante, di ogni battito di vita perché in ogni respiro c'è posto per un'emozione. (Alessia S. Lorenzi).
Buon martedì bye Jole con amicizia.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/08/22 alle 09:38 via WEB
Deliziosa e piacevole giornata a te, mia cara Jole.
(Rispondi)
 
MARGO129
MARGO129 il 09/08/22 alle 11:32 via WEB
Ciao Carlo.. i genitori sono i primi educatori.. poi viene la scuola e poi non dimentichiamoci del contesto sociale dove vivono e crescono.. ed è proprio quello dove i ragazzi si formano in positivo o in negativo a secondo degli incontri che fanno... A volte i genitori ne vengono a conoscenza troppo tardi.. e quando lo scoprono diventa difficile porre rimedio... Oggi fare i genitori caro Carlo.. è diventato davvero molto difficile... Una serena giornata di cuore ...
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/08/22 alle 17:09 via WEB
Certo, la situazione è molto più difficile e sono tante le sirene cattive che cantano. Bisogna tener buon conto dei contesti in cui vivono. C'è molto rilassamento in giro, per tante ragioni molti genitori non riescono a seguire i figli e questo è un gran male. Bella serata mia cara Margò.
(Rispondi)
 
e_d_e_l_w_e_i_s_s
e_d_e_l_w_e_i_s_s il 09/08/22 alle 18:08 via WEB
In perfetto accordo con te, Carlo. Per niente con Linus. La famiglia, che è la prima forma di società, non può e non deve sottrarsi al suo compito. Buona serata, ciao
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/08/22 alle 18:15 via WEB
Giusto e ricordo che la scuola, a seguire, è la seconda entità destinata non solo ad acculturare, ma a definire il lavoro iniziato dalla famiglia. Nei paesi civili dovrebbe andare così. Buona sera mia cara Elena.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.