Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

 

http://twitter.com/Carlo Trailer

Carlo Carrera: la monelleria


 

 

 

Cinguettio png | PNGEgg

 

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19MARGO129diego2020200un_uomonormale0surfinia60g1b9e_d_e_l_w_e_i_s_slascrivanamariateresa.savinogianor1DOCTORDENTambradistellecassetta2Spiky03licsi35pe
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« ATTENTI A QUEI DUEUOMINI E DONNE »

SUICIDARSI A 20 ANNI

Post n°3942 pubblicato il 06 Giugno 2021 da monellaccio19
 

 

 

 

Ci si può ammazzare per tante ragioni, ma per il colore della pelle e per il maledetto pregiudizio che ormai aleggia subdolamente in questa società marcia e ipocrita, no...non lo possiamo accettare. Seid Visin era un giovane "ITALIANO" di Nocera Inferiore (SA). Di etnia etiope, all'età di sette anni era stato adottato da una famiglia della città campana. Una vita serena, tranquilla, accettato da tutti, il ragazzo si era fatto notare per le sue doti calcistiche, se la cavava bene, tanto era bravo che il Milan lo scelse per farlo giocare nelle sue squadre giovanili. Animo sensibile e pronto a farsi largo, era grande amico del portiere Donnarumma attuale titolare della nostra nazionale, aveva ricevuto una bella accoglienza su al nord dove si è trattenuto un paio di stagioni per poi passare al Benevento, più vicino a casa. Seid sognava, progettava il suo futuro e desiderava inserirsi nella società andando oltre un semplice pallone. Lasciò il calcio professionale e passò nella squadra "Atletico Vitalica" dove praticava il calcio a cinque e quindi meno impegno per iniziare a studiare e procurarsi i titoli necessari per affrontare il mondo del lavoro. Queste diverse esperienze tuttavia, cominciarono a procurargli fastidio, portava sulle sue spalle il grave fardello degli sguardi della gente, di chi lo guardava stranamente, di chi evidentemente con letale pregiudizio, magari manifestava la sua avversione: entrava in un supermercato e subito pensavano che avrebbe rubato qualcosa, le donne anziane si stringevano la borse addosso per paura di  essere scippate da quel ragazzo che era sicuramente un clandestino giunto come tanti altri nel nostro paese. Una vita che cominciava a pesare troppo, un sentirsi a disagio anche se saliva su un mezzo pubblico: tutti a guardarlo con occhi torvi, tutti ad aspettarsi atti violenti e/o di disturbo! Aveva anche provato a lavorare, ma la gente non voleva farsi servire da un "negro". Insomma, lentamente e sempre più gravosamente, Seid ha dovuto fare i conti con il mondo che lo circondava ovunque fosse. Il ragazzo, ha lasciato una lettera prima di suicidarsi, ha compreso che non avrebbe potuto lasciare questo mondo senza spiegare ai  suoi cari il perché del suo insano gesto. Una lettera che lascia l'amaro in bocca, un pezzo di carta dove c'è la storia di un italiano con la pelle scura, quelle pelle che non poteva cambiare assolutamente, ma che poteva essere "vista" dagli altri in un modo diverso, il guardare un ragazzo al di là della sua origine, un bravo giovane con tanti sogni e voglia di vivere. "Dentro di me è cambiato qualcosa, come se mi vergognassi di essere nero, come se temessi di essere scambiato per un immigrato, come se dovessi dimostrare a chi non mi conoscesse, di essere come loro, un italiano...bianco". Questo è stato il saluto di Seid Visin, la sua giustificazione per essersi tolto la vita. Almeno qualcuno lo sta piangendo!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Rispondi al commento:
elyrav
elyrav il 09/06/21 alle 08:03 via WEB
Ma tu pensa soltanto su FB sono iscritta ad un gruppo "Aiutiamoci" ... uno pubblica una ricerca di aiuto e le risposte quali sono??? Intanto impara l'italiano e solitamente questa è una delle più frequenti. Poi il resto "ma cosa vuoi anche gratis?" ... se sono su un gruppo di aiutiamoci magari anche, no? Veramente purtroppo io credo che non sia solo una questione di razzismo, siamo tutti razzisti uno contro l'altro. Serena giornata :/
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: