Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

mariateresa.savinoamici.futuroierimonellaccio19surfinia60g1b9Panthera_leo52EremoDelCuoreSpiky03cassetta2gianor1Lames2020icavallidirossfoglie_dautunnosoltanto_unsognoamministra.bertolini
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« NONNI SITTERMA IERI SE NE E' ACCORT... »

QUANTE STORIE PER UN PAIO DI SCARPE

Post n°3995 pubblicato il 31 Luglio 2021 da monellaccio19
 

 

 

 


E no, se cominciate a ridere, non mi darete la possibilità di spiegarvi. Alcuni giorni fa, è stato l'onomastico del mio 51% e come spesso accade, regali non ne scambiamo visto che il "catalogo" si sia esaurito per entrambi: non sappiamo più a cosa pensare e/o scegliere. Dopo oltre decenni e decenni, abbiamo esaurito tutto lo scibile e ci siamo impegnati a evitare i nostri crucci. Tuttavia, avendo notato queste scarpe in rete, ho deciso di farle una sorpresa, le ho ordinate e mi sono giunte in tempo per regalargliele. Beh, speravo di stupirla con effetti speciali e poiché non sono scienza ma scemenza, la reazione è stata una "sorpresa" anche per me. Delle originali scarpe  la struttura in particolare mi ha colpito: sono andato indietro nel tempo e ho ricordato come le nostre mamme erano solite comportarsi sessanta anni fa e oltre. Altro che pantofole o zoccoli casalinghi, erano armi improprie che si maneggiavano con estrema facilità e immediatezza, in casi estremi ma molto ricorrenti. Ho ragionato in questi termini osservando la bella calzatura femminile: c'è un tacco, c'è una fasciatura per il dorso, ma di suole non ne ho viste. Pertanto, se a quei tempi le nostre mamme passavano alle armi facili, quando mai ci beccavano se non c'era una bella suola dura da procurare almeno un bernoccolo? Quindi non solo ho visto bene nel passato remoto, ma ho visto anche meglio nel presente: "Amo', dolce cremino al gusto di pannocchia, lo so non avrei dovuto, ma quando le ho viste ho pensato ai tuoi piedini nr.38...per quel che vale quanto calzi, non hanno suola e sono aperte come non mai". Lesta come una poiana, ne prende una dalla scatola e impugnando il tacco, me l'ha lanciata contro. Pfuiiiiiiiiiiii...mi ha solo sfiorato, ma anche se mi avesse beccato in pieno, non mi avrebbe fatto male visto che l'unica parte con(t)undente era il tacco, ma centrarmi solo con quello sarebbe stato un colpo di... poi ve lo dico!!!

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: