Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 170
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19lalieno_2016starman67ambradistellemagid1lascrivanaamabed_2016e_d_e_l_w_e_i_s_sart.ufficiomobilificiopedrettirosanna.rbrmonicagramantierimaskeralisa.camiportineria5
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 03/04/2020

I TEMERARI CONTRO I PAVIDI?

Post n°3525 pubblicato il 03 Aprile 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

A Las Vegas, è stata scattata questa foto: sono uomini e donne senza tetto "parcheggiati" (mai un verbo fu così azzeccato) in un area a cielo aperto; per mancanza di posto, resteranno lì in attesa che si verifichino le loro condizioni di salute a causa del coronavirus.  Questa foto, tra le tante viste e riviste sui giornali, in tv e sul web, mi ha mortificato: dovrei come voi magari, essere abituato alle visioni del malefico virus e dei suoi danni procurati sul pianeta. Sono stato toccato molto da questa foto che di umano, di sensibilità e rispetto per il prossimo, non  ha proprio nulla. Parliamo di Las Vegas, una metropoli americana ricchissima, paradiso del gioco, dei casinò che pullulano in città con alberghi lussuosi annessi e una vita sfrenata e danarosa. Non hanno luoghi, posti o altro per poter detenere queste persone in condizioni più agevoli e meno aberranti? Sono morti di fame? Non hanno le carte di credito? Sono poveracci? Beh? Voi siete americani, siete quelli che non devono chiedere mai niente a nessuno, siete capaci di accettare quello che dice "belli capelli" con estrema arroganza e sicumera: "Se moriranno fino a 100.000 persone, avremo fatto un buon lavoro". Sposate con leggerezza queste uscite da galantuomo di Mr. Trump? La vita e la morte sono pari per voi? Chi è un povero cristo non è degno di vivere e di essere aiutato? Questa è la vostra filosofia di vita? Questi sono i modelli che vi interessano? Mi girano i gorgioni solo a immaginarvi con i vostri soldi, con le vostre posizioni e con in vostri valori rivolti a un dio che è solo ricchezza, buona posizione e tanta, ma tanta ipocrisia. Mezzo modo rinchiuso in casa per tentare di abbattere le epidemie, l'altra metà della terra invece, pronta a mettersi in gioco con la follia e contro la morte. L'Inghilterra vi è molto vicina, vi imita e anche per l'altro "belli capelli" Johnson, per lui è solo una questione di numeri: la follia del gregge, decimiamoci così senza rancore e andiamo avanti così senza estrema severità? E  la Svezia? Tutti liberi, tutti fuori e chi la dura la vince? Beh siamo alla lotta dei temerari (coloro che se ne fregano del virus) contro i cacasotto che per colpa del virus, si sono chiusi in casa e non mettono fuori il naso per paura. Siamo a questo? Se fosse realmente così, quando finirà questa storia? Il virus libero di muoversi in una metà del pianeta, si sposterà e dove si fermerà? Ridicola questa storia: nelle Filippine Duterte ordina di sparare a vista chi si muove fuori di casa. Passiamo alle maniere forti? Ammazzare per non morire? Ma veramente ci siamo bevuti il cervello? In Ecuador bruciano i cadaveri colpiti dal virus, soluzione veloce, indolore e spazza problemi. No, non è possibile, questa è merda che va oltre il coronavirus, abbiamo perso la tramontana e ognuno procede come vuole senza farsi problemi. Quindi battaglie tra gente che se ne strafotte di morire e causare la morte ad altri, e gente che segue le regole, sta in casa a farsi le palle e ubbidisce perché il virus sia sconfitto e cancellato dalla nostra vita. Maniere forti e maniere logiche, gente povera e gente ricca. Siamo alla resa dei conti? Ci dobbiamo preoccupare delle sconfitta e dell'eventuale pareggio? O ci basta solo che ci girino le palle e ce ne stiamo tranquilli a casa aspettando gli esisti di tutta questa brutta storia. E la frase "Domani è un altro giorno" chi la dice? Noi cacasotto o voi menefreghisti che del prossimo non ve fotte niente? 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso