Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19elyravconsolino.diegofrancesco_stracciaing.spinanicolaspalmierosEremoDelCuoretrenkausnella22ndivinacreatura59ormaliberaanastasia_55soltanto_unsognog1b9giampaolopurelli
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 28/09/2021

E DELLE NASCITE QUANDO NE PARLEREMO?

Post n°4051 pubblicato il 28 Settembre 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

L'argomento non è nuovo, se ne parla poco oppure si discute in sedi private. Sono stati pubblicati i nuovi dati ISTAT sulle nascite in Italia. Beh, chi è attento a leggere questi numeri, si rende conto che la situazione peggiora e non solo per il covid. Dobbiamo tornare al 2014 per comprendere come da tale anno le nascite sono in calo: nel 2020, in piena crisi epidemiologica, abbiamo registrato solo 404 nascite; procedendo con calcoli statistici, nel 2021 si prevede un range, una forbice, tra 385 mila e 395 mila nascituri. Orbene, il trend negativo è costante dal 2014 e con una aspettativa di vita sugli 80 anni, 400 mila nascite inducono i calcoli a prevedere tra alcuni anni, una popolazione italiana con poco più di trenta milioni di unità, contro i 59 milioni attuali. Il presidente dell'Istat è chiaro nel commentare questi numeri che preoccupano, si parla da tempo di questa emergenza, ma pare che nessuno dia molta importanza al cambio della nostra fisionomia iniziale. Questo arretramento non inficia solo l'invecchiamento della popolazione italiana, ma si rispecchierà fortemente e inevitabilmente, sulla nostra economia. Muoversi in tempo senza attendere che accada ciò che è stato previsto, non è nelle corde di questo paese, c'è tempo forse? E aspettare l'ultimo momento, non comporterà il solito pasticciotto tipico della nostra politica? La fretta è nemica assoluta del far presto e del  far bene!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso