Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

lascrivanaNoRiKo564monellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_scassetta2GavPulambradistellenavi51icavallidirossSpiky03magid1sabrina.vassallichiedididario66alberto.gambinerilicsi35pe
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 01/09/2020

VOI NON SAPETE CHI SIAMO NOI? NO! E VORREMMO SAPERLO!

Post n°3659 pubblicato il 01 Settembre 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

E non se ne parla quasi più! Ricordate? All'apice dello scandaletto, fiumi di parole, servizi in tv, i giornali pieni di nomi appena accennati e in attesa di conferme. Chiacchiere in attesa di certezze: la questione non passò sotto tono, erano in ballo i 600 euro presi dai professionisti e commercialisti che colti dal covid e frenati nelle loro attività, potevano accedere al bonus per fronteggiare la comune crisi che impediva un po' tutti nel lavoro. Vennero a galla, nomi di politici che si erano rivolti all'INPS per ottenere il bonus di 600 euro. Purtroppo, per non sparare nomi a caso, si cercò disperatamente di  avere certezze e così fu. Molti  furono scoperti e nominati, altri prima che venissero a galla i loro nomi, si sono fatti avanti ammettendo le loro responsabilità. Non era giusto che politici, onorevoli e altri molto vicini ad alcuni partiti, avessero avuto l'ardire di chiedere un piccolo aiutino nonostante la loro posizione salda e non bisognosa di oboli. Insomma i nomi di alcuni signori non certamente onesti e ligi, furono chiariti e accertati e guarda caso, ognuno di loro, addusse giustificazioni improponibili e irricevibili per cui avevano dovuto chiedere il bonus. Credo che una buona parte di costoro facessero capo alla Lega e Salvini non poté far altro che sospenderli per la loro ignavia. Poi lentamente, dopo polemiche e accuse varie, del caso non si è più parlato, anzi, Tridico presidente dell'NPS  comparve alla camera per spiegare come e a chi fossero stati dati soldi. Parlando la lingua del politichese che solo loro parlano, fece la sua dichiarazione e promise che avrebbe fatto i nomi di cinque persone che ancora oggi mancano all'appello. A tutt'oggi, nulla si è saputo e con molta calma, con fare tipico delle commissioni camerali, si è pensato di sollecitare il presidente INPS a fare 'sti benedetti nomi. Macché, sul tavolo da gioco è comparsa immediatamente una "carta" che ha buttato all'aria la partita e la soluzione è che Tridico non svelerà mai quei nomi fino a quando il garante della privacy non lo autorizzerà. Politicamente corretto  direi e vi inviterei d'ora in avanti, ad aver paura di questa frase "politicamente corretto": è il cappio inesorabile dietro il quale si nascondono trappole, scuse e ignobili progetti per inibire o alienare qualsiasi verità che possa dar fastidio a tutti. Pertanto, perdendo ancora tempo e facendo giri virtuosi tipici dell'Italia che non va, ora la commissione chiederà direttamente al garante di autorizzare i "famosi" predoni del bonus di cui al contrario di altri politici, non si riesce a conoscere l'identità. Resteremo in attesa e speriamo che il tempo non scorra indarno, temo anzi, che ne passerà parecchio visto che oggi sono tutti impegnati e presi dai problemi del covid, ma alla fine sapremo quei cinque nomi? Mah...sono perplesso e sottolineo che il garante della privacy non possa alienare la diffusione dei nomi dei politici (?) birichini e ancora coperti da un grande e spesso velo che la stessa politica si adopera stendere per coprire gli...amici. Convincetevi tutti, siate sempre dubbiosi su questo tema dei politici: non avere fiducia dei vecchi già noti alle masse, è una verità mentre dei nuovi quelli appena scesi in campo, spesso si tende a credergli. E' vero, quando entrano per la prima  volta nella congrega, sono stimabili e brave persone, poi quando cominciano ad entrare nell'ingranaggio perverso dei giochi di potere per sentirsi sentirsi in odore di beatificazione, cambiano pelle, sono altre persone e volenti o nolenti fanno parte del gioco e non possono permettersi altro che intrupparsi e omologarsi, confondendosi nella pletora dei signori padroni del nostro paese. Oggi più che mai per come stiano andando le cose. Ne vedremo ancora delle belle e non dite che non vi avevo avvertito. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso