Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

lascrivanaNoRiKo564monellaccio19e_d_e_l_w_e_i_s_scassetta2GavPulambradistellenavi51icavallidirossSpiky03magid1sabrina.vassallichiedididario66alberto.gambinerilicsi35pe
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 10/09/2020

COME ELIMINARE IL FASTIDIOSO ATTACCO...

Post n°3668 pubblicato il 10 Settembre 2020 da monellaccio19
 

 

 

 

No, non è una racchetta da tennis, ma un semplice scacciamosche elettrico. Le mosche sono più fastidiose d'estate e questo lo sappiamo, ma munirsi di attrezzi vari o altri strumenti per tenerle lontano, non è sempre è utile; alcune sopravvivono a qualunque trappolone si tenda e questo le sollecita ancor di più a romperci le scatole. Come ogni estate, anch'io ho dovuto battermi con loro e mi sono servito di una racchetta elettrica. Diciamo che abbattuta la più tignosa, il campo si libera e specie quando si è a tavola all'aperto, le cose vanno un po' meglio. Non è andata bene ad un anziano di ottanta anni. In Francia, nella sua casa in Dordogna, il nostro amico si è messo a tavola e ha cominciato a mangiare quel poco che si era preparato da solo. Aveva appena masticato il primo boccone quando una mosca, attratta dal cibo, ha cominciato a ronzargli attorno sempre più pressante e fastidiosa. L'uomo non la sopportava e così munito della racchetta elettrica, ha cominciato a menar colpi  e sventagliate a destra e a manca per liberarsi del fastidioso volatile. Man mano che mancava... l'omicidio, si innervosiva sempre di più e nella rabbia prorompente, saettava colpi maldestri e poco precisi. Improvvisamente, durante questo scontro impari, a causa di una perdita della bombola di gas che era in cucina, una scintilla ha procurato una esplosione paurosa facendo cadere il tetto e distruggendo la cucina. L'uomo si è appena ferito e nulla di grave: gli amici e i parenti provvederanno a rimettere su casa e tetto. Poteva andare peggio, non s'era avveduto della perdita di gas e con l'attrezzo che rilasciava scariche elettriche, l'esplosione è stata fatale. Come dite? Ah...la mosca che fine  ha fatto? Sarà perita nello scoppio e di lei si sono perse le tracce. Pensavo nella mia fervida fantasia, che si fosse salvata, come spesso accada, e magari era fuori alle porta di casa, che attendeva il nostro amico per vedere come fosse andata per lui. C'è una frase, un luogo comune per indicare mezzi e sistemi sproporzionati, quando si vuol eliminare un problema: "E' come ammazzare una mosca con le cannonate!". Bene, magari con le cannonate la si becca, ma con una forte e disastrosa esplosione, non è mica detto!!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso