Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

nuvolabianca_1968musa2005monellaccio19licsi35peALEKO64piagiudettiferrari181977lucia.romeimago1965ambradistelleprovetvdivinacreatura59Joker_Jolly2012adema6Vince198
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 18/11/2020

BLOCCARE AMAZON PER LE FESTE NATALIZIE?

Post n°3734 pubblicato il 18 Novembre 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

In oltre vent'anni di invasioni numerose e più o meno pacifiche, siamo a un punto di non ritorno: le vendite online sono una realtà insormontabile e saldamente radicate in tutte le società.  Sembra ieri quando a metà degli anni ottanta, vi furono le prime avvisaglie recepite con le aperture di ipermercati stratosferici e immensi: i commercianti ovunque cominciarono a protestare, avvertendo il forte disagio che queste strutture "dall'ago al carro armato", avrebbero nel breve periodo compromesso le attività, quanto meno quelle così dette di vicinato. Così fu e non caso lo slogan della Coop, una delle più forti e più competitive catene sui territori, era "Voglio vivere alla Coop".  Un danno che si è sviluppato negli anni, un andazzo che ha bruciato poco alla volta, negozi su negozi e disperso clientele fidelizzate che hanno giustamente puntato sugli iper: ok, nessun ha cambiato il mondo, i negozi hanno chiuso (non tutti) e alla fine ci siamo abituati a consumare presso le grandi strutture. Poi arrivò la vendita online: tutti a provare, tutti contenti e senza mettere fuori il naso, il solito ago o l'impossibile carro armato,  erano pronti dietro la porta di casa. Ordini e ricevi subito la merce, qualunque cosa senza dimenticare che il prezzo è giusto, anzi, no: è più basso dei negozi. E' il progresso, conviviamo con esso e non servono le proteste, i cortei o le assemblee: si prende atto di una realtà incontestabile e ci si...abitua!!!! Dopo esserci tutti adeguati, però non abbiamo pensato ad un caracollata epidemia che avrebbe sconvolto il pianeta: ora più che mai, stare a casa e consumare con Amazon o altri simili concorrenti, è d'uopo. Già, che altro potremmo desiderare? Pensate che io aspetto il giorno in cui ordinerò una pizza dal PC e non avrò fatto a tempo a pagare con la carta, che dal monitor uscirà una mano e mi porgerà la pizza ordinata e...fumante!!!! Sono arrivato al punto, questa era solo l'incipit del post: in Francia sono incazzati neri, quelli già sono sempre incazzati, ma stavolta chiedono che a dicembre per le feste natalizie, Amazon si fermi, non venda nè l'ago, nè il carro armato. Fermo, immobile per consentire ai negozi, ai commercianti e a tutti coloro che sono danneggiati dalle vendite online, di poter lavorare srenamente nel favorevole periodo festivo! Beh, ora esprimete la vostra opinione: secondo voi, perdurando o meno questa situazione e a prescindere dal virus, sarà mai possibile fermare il...mondo? Io non credo,  o meglio, ritenevo si potesse fare nella metà degli anni ottanta. Oggi è troppo tardi. Ancora una volta sono idealista e sparo caxxate, ma un "Voglio vivere in Amazon" non l'ho sentito ancora. Ma non credo ve ne sia bisogno. Già viviamo in e con Amazon e stiamo bene, aspettando la prossima rivoluzione.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso