Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 172
 

Ultime visite al Blog

chiedididario66prolocoserdianalascrivanae_d_e_l_w_e_i_s_sun_uomonormale0cassetta2mariateresa.savinomonellaccio19simona_77rmambradistellelicsi35pecarloreomeo0ReCassettaIIg1b9soltanto_unsogno
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 04/02/2021

UOMINI E DONNE: VISIBILI MA...FANTASMI

Post n°3811 pubblicato il 04 Febbraio 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

Il popolo della notte: quegli uomini e donne invisibili che dopo essersi aggirati per tutta la giornata in città, si portano verso gli angoli più bui e meno frequentati del centro, delle stazioni metropolitane o ferroviarie, dove sistemarsi per la notte. I clochard, i barboni se preferite, esseri umani che per piena indigenza e assoluta mancanza di mezzi, devono dormire per strada e ripararsi dal freddo intenso dell'inverno in città come Milano o del nord in genere. Quando il freddo morde, uccide in tutti i posti, essere fuori e in presenza di altre patologie, ci sono persone che rischiano la vita puntualmente ogni notte. Eppure per loro si muovono associazioni e volontari sempre in giro per raggiungerli e offrire loro assistenza per la notte: coperte, bevande calde, controlli medici in presenza di patologie anche leggere. La Caritas poi, mette a disposizione di costoro pasti caldi e luoghi per dormire con un tetto sulla testa. Molto spesso, non si possono accontentare tutti questi bisognosi ma talvolta, essere senza fissa dimora e passare anche la notte all'addiaccio, è una scelta di vita. Era questa la vita di Umberto, un clochard di settantacinque anni, trovato morto a Milano in zona stazione ferroviaria Porta Garibaldi, da agenti della Polfer. A causa del freddo e magari di altre patologie, l'uomo non ha chiesto aiuto, è morto senza dare alcun segno. Indagando sulla sua persona, la polizia ha trovato in una cassetta di sicurezza messa a disposizione dalla Caritas per i senza tetto: 100 mila euro in contanti, 19 mila euro in titoli azionari, e una pensione attiva di 750 euro mensili provenienti dalla Germania. Una scelta di vita pazzesca, un vivere ai margini della società lontano dai parenti e girovagando per la città. Chiarina, sua sorella, sostiene che da quando è sparito nel nulla, lo hanno cercato ovunque, ma senza mai ritrovarlo. Tra le altre carte, risulta il possesso di una casa in Calabria, sua regione natia e la proprietà di due furgoni con relative assicurazioni pagate. Umberto se ne è andato così  in un  solitario viaggio verso l'infinito, senza alcuna condivisione con nessuno, se no i suoi amici vagabondi. Perché? Perché rendersi invisibile, pur possedendo il necessario per vivere la sua vita anche da solo? Perché scegliere il sacrificio, la vita di strada e l'essere emarginato? Ci vuole coraggio oppure l'amarezza, il dolore di certe situazioni familiari lo hanno alienato al punto tale da fuggire e da imboscarsi per rendersi invisibile. Quanti stereotipi, quanti luoghi comuni coinvolgono i barboni? La retorica li descrive come fannulloni e pronti a chiedere elemosina per poi ubriacarsi in qualche osteria. Cosa sappiamo di vero? Quali storie nascondo al punto di passare come fantasmi vestiti di cenci e  senza un passato, senza un futuro. Un sacrifico fatto per mera scelta: un vivere ai margini della società, ma con coscienza e gusto per la libertà ambita da un uomo desiderso solo della solitudine.  R.I.P. Umberto.




 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso