Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 172
 

Ultime visite al Blog

un_uomonormale0chiedididario66prolocoserdianalascrivanae_d_e_l_w_e_i_s_scassetta2mariateresa.savinomonellaccio19simona_77rmambradistellelicsi35pecarloreomeo0ReCassettaIIg1b9soltanto_unsogno
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 20/02/2021

A VOLTE NON CI SI RENDE CONTO...

Post n°3827 pubblicato il 20 Febbraio 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Lo so, provate a non dare l'Iphone a una bambina di quattro anni che fa i capriccetti perché ci vuol giocare! O ancora, negateglielo se dovete fare la doccia e lei fa la monella perché non ci sta a rimanere buona e serena! Quanto accaduto in Ohio (USA) a Emily Schmitt, sarebbe accaduto ovunque e quindi parliamo di un eccesso di fiducia che sarebbe un problema per tantissime mamme. Emily, 30 anni, accontenta la figlia Carsyn e le da il telefono giusto il tempo per una doccia velocissima: quando esce nota la bimba ferma nel bagno serena su uno sgabello, la lascia smanettare e ancora nuda si asciuga i capelli con il fon davanti allo specchio! La signora non si è resa conto che la piccola Carsyn provvedeva inconsciamente a scattare foto e a mandarle in "Snapatch", a tutti coloro che erano nella lista. La donna ha capito la leggerezza e l'imbarazzo del suo gesto, quando ha ricevuto il primo commento: "Complimenti, bel culo". Improvviso momento critico, un rimanere di sasso per quanto supponeva fosse accaduto: la figlia muoveva il telefono "ad capocchiam" e scattava con altrettanta svogliata velocità, foto a destra e a manca. La lista della Emily era bella ricca: amici, colleghi, clienti (lei un agente immobiliare) vecchi compagni di scuola e chi più ne ha più ne metta, c'è stata una copertura totale: si fa prima a dire chi non abbia ricevuto almeno una foto, che no tutti quelli che ne abbiano ricevute alcune in più! La poverina non sapeva come uscirne, aveva messaggi in continuazione e voleva spiegare che fosse un puro e semplice contrattempo scatenato dalla figlia. Una storia magari anche divertente ma l'imbarazzo non solo suo, si è diffuso tra i suoi conoscenti: la Schmitt ha chiesto scusa a tutti coloro che erano presenti nell'elenco lunghissimo della sua "Snapchat",  e a parte i complimenti per il culo e forse qualche altra parte del suo corpo, si è confortata anche con chi le abbia detto che aveva ricevuto foto tutte mosse e si intravedeva un piede, una gamba, un muro, un "applique" luminoso, ma di intimo proprio niente. Vabbè, quelli erano i più "sfigati", oppure mentitori sfacciati che hanno negato ciò di cui magari si sono rallegrati! Signori e signore, che dirvi? Le leggerezze si pagano, a volte ci si mette la faccia e...qualcosa altro, mentre l'imbarazzo è totale. Evitate questi incidenti, sapete che facilmente i bambini smanettino senza sosta e prima o poi, beccano il percorso giusto!!!! Meno male che con lo "Snapchat" non si rischiano salvataggi e delle  foto, nessuno ha potuto fare screenshot, altrimenti ora sarebbero in rete ovunque e in un modo anche volgare. La piccola meritava una sculacciata? Ma no, poverina, che poteva sapere e/o immaginare? Io invece la sculacciata l'avrei data...alla mamma!  Quando ci vuole...ci vuole!!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso