Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 173
 

Ultime visite al Blog

MARGO129lisa.dagli_occhi_blumonellaccio19un_uomonormale0licsi35pemariateresa.savinoSpiky03divinacreatura59cassetta2lascrivanaelyravtempestadamore_1967pgbassig1b9Cherrysl
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 12/04/2021

SIAMO FUORI DI TESTA

Post n°3882 pubblicato il 12 Aprile 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Dopo oltre un anno dall'assedio del covid, siamo a recepire i primi risultati di analisi, studi ed effetti collaterali, sui danni che la maledetta epidemia abbia procurato agli uomini. Le nostre condizioni personali, le nostre paturnie, la nostra salute mentale, sono oggetto di verifica costante e puntuale: alcuni istituti e alcuni scienziati, giustamente, hanno approfondito i vari aspetti e le varie opportunità che abbiano spinto molti all'autolesionismo e al suicidio. Sono cifre importanti e per la loro gravità, meritano valutazioni che aiutino a capire quanto vi sia oltre il covid19 e quali riflessi o ripercussioni, abbia generato il dannato virus. Poiché le piattaforme digitali, i social e la rete in genere siano risultati i nostri corrispondenti più trafficati e più usati nel lungo tempo, si sono ricercate le cause e i collegamenti opportuni per evidenziare eventuali mancanze nei rapporti che prevalentemente abbiamo e ancora intratteniamo con il digitale. A prescindere dallo smartworking e dalla DAD, peraltro anche loro hanno contribuito a minare la nostra stabilità psichica oltre che fisica, si è notato come tutti i social, più o meno, abbiano manifestato la loro carente policy nei confronti degli utenti.  Il prolungato isolamento che stiamo vivendo ci ha portato a soffrire di insonnia e in molti casi addirittura abuso di alcool e droghe; il peso è notevolmente aumentato in tanti soggetti (io sono nel novero di questi ultimi) e altre modeste reazioni magari non gravi, si sono evidenziate. Ma i social avrebbero potuto e dovuto dare un aiuto concreto se le loro politiche di autolesionismo fossero evidenti e marcate. Sotto la lente di ingrandimento sono state poste una quarantina di social e le risultanze sono effettivamente disuguali e notevoli. Facebook per esempio, è forse stata l'unica piattaforma a fronteggiare debitamente (mi riferisco a tutto il pianeta) il suicidio, l'eutanasia e tutte le minacce manifestate direttamente in rete con mezzi immediati e generosi. In molti casi sono stati evitati gesti tragici  e drammatici. Instagram, Parler e Reddit al contrario, sono assenti, mai pubblicati interventi e messaggi che possano aiutare l'utenza e tentare di bloccare gesti insani. Youtube, TikTok e Twitch hanno superato l'esame, infatti oltre ad aver ben definito i "mali" personali degli utenti, hanno posto l'immediato supporto per le chiamate da parte degli instabili e degli autolesionisti. Grind e Tinder sono sufficientemente a posto mentre Clubhouse è stato bocciato poiché non ha  previsto alcuna situazione particolare e bisognosa di aiuto. Degli altri social non ne parliamo nemmeno  e sono fuori dai dati raccolti. Concludo evidenziando come sia necessario, importante e vitale che tutti i social entrino nell'ordine di idee, per organizzarsi contro questa instabilità mentale degli utenti, le reazioni, i gesti eccentrici e le minacce talvolta velate, esistono, sono tante e non vanno mai sottovalutate. Perciò l'aiuto effettivo e reale al di là dei messaggi e degli annunci, è quello di indicare a chiare lettere le organizzazioni atte a dare assistenza ai soggetti instabili, ad indicare parenti e amici pronti a intervenire, indirizzi mail e perché no? Numeri telefonici. Questa è la vera funzione del social che ci tiene alla salute dei propri iscritti e ricordiamoci che sono tante le vittime in tutto il mondo. Se non si può aiutare un amico anche virtuale, che razza di social sarebbe? 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DE PROFUNDIS CHE CI COSTA CARO

Post n°3881 pubblicato il 12 Aprile 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Sabato sera 10 Aprile 2021, RAI 1 è spirata serenamente e definitivamente.

Ne danno il triste annuncio, Mediaset e Maria De Filippi.


 

 

 

Il de profundis era previsto: nonostante gli sforzi e le proposte che RAI 1 abbia messo in onda, non è mai riuscita a sfiorare nemmeno lontanamente, lo share che la sanguinaria Maria raccoglie ogni sabato sera. Ora va in onda con "AMICI" ma anche con "TU SI QUE VALES", non ha mai concesso vittorie ai programmi messi in onda sul canale portante della RAI. Hanno provato di tutto e di più, rilanci di programmi già andati in onda, riproposizioni interessanti e tanto altro ancora, ma le percentuali e i numeri della De Filippi sono paurosi, difficili da raggiungere, insomma, una gioiosa macchina da guerra imbattibile e mostruosa. Eppure chi ha buona memoria sa come il sabato fosse a totale appannaggio di RAI 1: i varietà, i programmi di Proietti, di Panariello, di Fiorello, di Ranieri sono chimere che non tornano, solo la buona e brava Carlucci tenta umilmente di far fronte alla passionaria Maria, talvolta ha anche avvicinato lo share ma sono poche le occasioni. Ma si possono trasmettere nuovi varietà? Personaggi diversi che arricchiscono la serata? Farebbero ascolti e potenzialmente vincere la gara? Non scordiamoci che il sabato sera per fronteggiare la De Filippi, c'è stato chi abbia ottenuto buoni ascolti: mi riferisco a Alberto Angela e ai suoi programmi culturali: grande successo di pubblico e interesse per la cultura, quella con la C maiuscola. Penso che si possa fare di più, nomi e personaggi ci sono, c'è da impegnarsi, spendere qualche soldino dei nostri soldi, ma non possiamo permetterci di perdere il sabato sera in tv: è il termometro della popolazione e quando si capisce cosa voglia le gente...si provvede. Certamente no con le repliche!!!!! L'utente paga e deve essere...servito.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso