Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

http://twitter.com/Carlo Trailer

Carlo Carrera: la monelleria


 

 

 

Cinguettio png | PNGEgg

 

 

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

Arianna1921un_uomonormale0monellaccio19surfinia60elyravMARGO129girolamizzolascrivanasgbona.agedstudionannucciuntochable85euceladelorispasellomimmobosco1968shopdirtydream
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 18/09/2021

SI METTE MALE...PER IL CANE

Post n°4041 pubblicato il 18 Settembre 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Un cinquantenne di Fano, ogni sera da bravo e premuroso marito, chiamava il suo cane con il guinzaglio in mano vicino all'uscio di casa: "Andiamo bello, e l'ora della solita passeggiata". Il cane non vedeva l'ora e puntualmente correva dal padrone pronto per uscire: "Cara, stasera prendo la macchina così lo porto in spiaggia e si sfrena come piace a lui". Non accadeva tutte le sere che usasse l'auto, ma capitava e questo insospettiva la moglie. La donna non serena e con il dubbio che qualcosa non filasse liscio, decide una bella sera di seguirlo e accertare la sua destinazione. L'uomo puntava verso un paesino all'interno: appena giungeva presso un'abitazione, scendeva con il cane, entrava e ne usciva dopo un'ora e mezza per rientrare a casa. La donna sente puzza di tradimento e la prova definitiva la fornisce il cane "nemico dell'uomo": appena rientrava dopo che era stato circa tre ore fuori, il cane poco dopo, ambiva ad uscire di nuovo. E no, allora tu non passeggi da nessuna parte, non vai al mare, non sei ai giardinetti e ovvio che vorresti uscire di nuovo. Il marito aveva l'amante: inchiodato al muro per il suo strano comportamento e per la fragile complicità del cane, la storia è saltata fuori e la donna ha chiesto il divorzio. Allora, cominciamo dall'uomo: fosse stato più intelligente avrebbe cercato un complice diverso e organizzato meglio le sue sortite maligne. Infine torniamo al cane: poverino, si è guastata la nomea, per niente fedele e malandrino, lo ha tradito con i suoi scodinzolamenti vicino alla porta appena rientrava. I due sono stati cacciati di casa dalla donna! Che fine faranno? Staranno ancora insieme? Saranno ancora amici? Oppure, appena usciti di casa dopo la scenata delle moglie, l'uomo si è seduto sul marciapiede e con il cane accucciato accanto gli avrà detto: "Mio caro, la vita non funziona come pensi, tu sei fedele per antonomasia e lo sei per sempre, ma i padroni non lo sono e quindi non ti fidare di loro. Pertanto adesso devi scegliere, se vuoi rimanere con me ti devi adattare ed essere sempre complice e disponibile ai miei insegnamenti. La carne urla e tu devi starci, coprirmi e non tradirmi. Se non ti va, quella è la strada e vai a cercarti un padrone con altri proponimenti". Secondo voi il cane, dopo 'sta paternale, che ha fatto?

 

 

N.B. Se vi interessa c'è un nuovo post sul mio blog: "Alle falde del sorriso".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso