Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19gianor1Lames2020cassetta2icavallidirossfoglie_dautunnoamici.futuroierig1b9soltanto_unsognoamministra.bertolinimussirodolfoQuartoProvvisoriomariateresa.savinoelyravavvsimonemoriconi
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 05/01/2022

NON E' UN CAPELLO MA...

Post n°4148 pubblicato il 05 Gennaio 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Quanto sto per raccontarvi non bilancerà mai tutte le aggressioni e le morti assurde delle donne per mano di uomini molesti, bestiali e soprattutto gelosi. Eppure accade che la cronaca ci racconti una storia al contrario: a Centocelle (RM) una donna di 48 anni e alta poco più di un metro e cinquanta, per due anni ha usato violenze inaudite nei confronti di suo marito, un ucraino di 49 anni. Lui, un uomo alto un metro e novantasette, ex pugile e campione di kick-boxing, ha subito di tutto e di più: quando c'era baruffa tra i due, erano sputi, ceffoni e acqua bollente versatagli addosso all'improvviso, quando invece erano ai ferri corti, allora lei era super cattiva: gli lanciava oggetti contro, telefonava all'albergo dove lui lavorava e mentiva dicendo che rubasse, insomma, lo umiliava in tutti i modi. La coppia ha un figlio dodicenne e per quel figlio, l'uomo ha sempre subito, non ha mai reagito e ha sempre cercato di evitare tragedie in casa. Tutto "sotto controllo" per lui fino al Natale del 2020, quando la moglie scoprì un capello biondo su una giacca.  E allora, altro che Edoardo Vianello e il suo "non è un capello ma un crine di cavallo", l'ira della donna non ebbe limiti e accadde il...finimondo. L'ucraino subì anche un assalto della donna che cercò di trafiggerlo con un coltellaccio, lo ferì alla testa con una statua di marmo lanciata con mira precisa  e fu il momento in cui l'uomo, non poté fare a meno di chiamare la polizia. Allora lei si chiuse in camera e ne uscì appena arrivarono i poliziotti: ne uscì con il labbro sanguinante e disse: "Mio marito mi ha picchiato!". A quel punto, anche grazie al figlio che testimoniò contro la mamma violenta e bugiarda (si era morso il labbro fino a farlo sanguinare), la donna donna fu arrestata e l'incubo per l'omone finì. Si è beccata due anni e due mesi di carcere, i giudici hanno creduto all'uomo e al figlio che hanno riferito dei due anni di violenze subite in silenzio dall'uomo, senza reagire mai. Una notizia sconvolgente: un gigante contro una nana e il gigante ne usciva sempre sconfitto! A volte non è il fisico che "fa la persona", ma l'anima e il cuore.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso