Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

icavallidirossmonellaccio19cassetta2foglie_dautunnoamici.futuroierig1b9soltanto_unsognoamministra.bertolinimussirodolfoQuartoProvvisoriomariateresa.savinoelyravavvsimonemoriconiVince198carrozzeriafillak
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 06/01/2022

UN PENNELLO GRANDE O UN GRANDE PENNELLO?

Post n°4149 pubblicato il 06 Gennaio 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

E chi non se lo ricorda quell'uomo sulla bici che vagava nel traffico, recando alle spalle un pennello gigantesco? "Cinghiale" era il marchio di fabbrica e oggi, con la riproposta del datato spot pubblicitario del 1975, l'azienda di Mantova, attiva sin dal 1945 e a conduzione familiare già da tre generazioni, riceve un encomio importante, prestigioso e onorevole: "Marchio storico di interesse nazionale". Dal fondatore Alfredo Boldrini, resta tutto in famiglia con le nipoti Eleonora (Ceo) e Clio Calavalle (Direttore Marketing), mentre la mamma Catiuscia Boldrini, copre la carica di Presidente della società. Sono questi gli esempi qualificanti del nostro paese: aziende nate verso la fine della guerra, impiantate a dovere e avviate negli anni, contribuendo al grande boom economico degli anni sessanta. Fortemente legati al territorio e rispettosi dell'italianità e della tradizione, la famiglia Boldrini non solo ha condotto proficuamente l'azienda in tutti questi anni, ma ha diversificato il suo portafoglio puntando su Ricerca e Sviluppo di alto livello. Quanti grandi marchi abbiamo perso negli ultimi decenni? Erano vanto della nostra grande capacità lavorativa e imprenditoriale: nel volgere di poco tempo a partire dagli anni '50, siamo stati capaci si risollevarci in un paese distrutto dalla guerra, e pronti a rimboccarci le maniche per rialzare la testa e riprendere a lavorare. Oggi sono le piccole e medie aziende a dare ancora soddisfazione alla nostra economia; le grandi aziende, salvo qualche caso, sono tutte in mani straniere e anche se conservano i marchi e i nomi originali, non sono più animati come solo gli italiani onesti e produttivi sapevano e sanno fare. Auguri alla famiglia Boldrini e alla loro attività. Ad maiora semper! 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso