Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

mariateresa.savinobc1959icavallidirossmonellaccio19Sono44gattinfilax6.2cassetta2surfinia60amici.futuroierig1b9ledautonoleggiLames2020sirdarius0Vince198capuzzoNoRiKo564
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 09/05/2022

CHE FACCIAMO? CAMBIAMO NOME!

Post n°4265 pubblicato il 09 Maggio 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

La "Tate Modern Gallery" di Londra, allestirÓ dal 6 ottobre 2022 al 12 marzo 2023, una mostra dedicata a Paul CÚzanne il grande pittore nato nel sud della Francia e ritenuto tra i grandi artisti dell'ottocento.á Saranno esposti 80 quadri del maestro e gli organizzatori delle mostra sono inclini a collocare, riadattando la sua posizione artistica a "un gigante della storia dell'arte ai tempi nostri". Una frase sibillina che dagli esperti e da chi va a braccetto con la pittura di tutti i tempi, non Ŕ andata gi¨ facilmente.á Il quadro che vedete su in foto sarÓ tra quelli esposti alla mostra, CÚzanne lo ha dipinto tra il 1866/1868 e il titolo orginale Ŕ "The Negro Scipio": olio su tela, raffigura un uomo di colore, seduto di spalle su uno sgabello e stremato dalla fatica, sta appoggiato al muro. Tanto per essere chiari, il dipinto si chiamerÓ "Scipio" e scomparirÓ l'etimo negro. La schiavit¨, tanto per ricordare qualche data, fu abolita nel 1815 e solo nel 1848 con una seconda, pi¨ chiara, ferma e decisa annunciazione, venne ribadita l'abolizione. CÚzanne, con il suo quadro molto eloquente, non fece altro che una protesta a modo suo, con il suo talento e la sua arte, richiam˛ la Francia che ancora in quegli anni, nelle sue colonie, insisteva con la schiavit¨ e tutto ci˛ che ne derivava. "Lo Scipione Negro" a suo tempo ha lanciato un messaggio univoco e categorico: si insisteva con il trattare i negri ancora come i secoli precedenti e nonostante le battaglie per abolire questa ignavia, c'era chi insisteva con il colonialismo perverso e verso gli uomini di colore.á La "Cancel culture" torna a colpire e duramente anche, le polemiche sono ovviamente partite e pare che l'ignoranza prevalga come sempre. Questi credono che cancellando, cambiando la storia, l'arte, e tutto ci˛ che ci perviene dal passato, spariranno tutti i soprusi esercitati sulle persone di colore. Ritengono che mutando un sostantivo, si possa portare rispetto a una persona, provassero a chiedere "informazioni dettagliate" al movimento "Black Lives Matter": spiegheranno a costoro che non sarÓ niente di cui cercano di annientare e cancellare le tracce, a cambiare i pensieri e le idee dei razzisti...marci dentro!á

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso