Creato da movimentoscio il 31/05/2006

SCIO'

libero movimento contro la mafia

 

 

« Messaggio #48Messaggio #51 »

Post N° 50

Post n°50 pubblicato il 06 Aprile 2007 da movimentoscio

Tra le uova, gioie e dolori
di Luca Maci


Giornate intense queste prepasquali siciliane, nel bene e nel male.
Forse qualcosa comincia a cambiare; dopo tante richieste, mosse da più parti in più occasioni, la commissione parlamentare antimafia ha proposto un codice di autoregolamentazione dei partiti per la scelte dei candidati nella formazione delle liste elettorali, prevedendo l’esclusione dei cittadini rinviati a giudizio per reati connessi all’associazione mafiosa, l’estorsione, l’usura, il riciclaggio. In realtà, purtroppo, il codice etico, che dovrebbe trovare attuazione già dalle prossime elezioni amministrative, rimane applicabile ai candidati ai consigli comunali e provinciali, prevenendo così eventuali successivi scioglimenti per infiltrazione mafiosa degli stessi. Bene, ma non basta; perché in tal modo ci ritroveremo comunque, come già accade, personaggi “indesiderati” a rappresentarci nelle più alte sedi democratiche (consigli regionali e  parlamento), probabilmente anche con cariche di primo piano, di alta responsabilità controllo e garanzia.
Velocemente, si dovranno trovare degli strumenti con i quali ampliare queste regole all’intera rappresentanza politica, pretendendone la rigida applicazione, senza se e senza ma. Ma qui il problema sarà quasi paradossale: riuscirà la politica a svolgere contemporaneamente il ruolo di controllore e di controllato? Scusate se ne dubitiamo, pur sperandoci.
E qui subentra un’altra responsabilità morale, quella degli elettori; già perché qualcuno poi li voterà questi personaggi del malaffare mascherati da gentiluomini! Per cui anche l’elettorato dovrà impegnarsi a non votare più tali personaggi già quando, seppur non indagati e/o condannati, si sappiano essere, come si dice, “in odor di mafia”.
Certo per questo occorre rimettere, cosiccome invece l’attuale legge elettorale nega, il diritto/dovere di scelta dei propri delegati ai cittadini. Nel caso in cui, poi, questa tanto agognata “pulizia” interna della politica sia impedita da una qualche legge in vigore, si metta in conto di rivederla nell’ottica, ora, di un vero garantismo (non più alibi), della giustizia e della libertà della collettività, perfino al di sopra delle singole libertà individuali quando queste finiscono per essere lesive del bene comune. Si neghi pure, allora, cosiccome previsto dalla Costituzione, il diritto di voto, attivo e passivo, nei casi di “indegnità morale”. Si approntino nuovi strumenti, e si ripeschino le decantate proposte (si veda ad es. il disegno di legge Lazzati), che mirano a tranciare i consolidati rapporti mafia-politica che la Sicilia e l’Italia intera subiscono ormai dal lontano ’43.

Fortunatamente sono passati già da tempo gli anni in cui si affermava che”la mafia non esiste” ma ancora con gran travaglio si ammette l’interrelazione tra gli interessi mafiosi e la gestione del potere e degli affari attraverso pubblici rappresentanti e dipendenti.
I recenti arresti del trapanese hanno messo in luce la commistione d’interessi ed un perfetto coordinamento in un sistema di potere condiviso tra mafia, politica ed imprenditoria attraverso, tra l’altro, la gestione delle aree edificabili (in realtà agricole riconvertite, di concerto, a scopo di lucro) e delle costruzioni, l’imposizione di prezzi e fornitori, la manipolazione del mercato. Dalle indagini è resa evidente la volontà e la capacità di interferire, o addirittura di delineare, nelle decisioni politiche attraverso la manipolazione di strumenti pubblici come i Piani Regolatori Generali, attraverso un sistema corruttivo ben radicato e diffuso.
Speriamo, quindi, che questi fatti siano d’insegnamento e facciano da monito anche per la nostra realtà locale.

Infine, non resta che condannare un gesto più che spiacevole compiuto a Termini Imerese dove ignoti hanno sradicato l’albero piantato in memoria di Peppino Impastato, personaggio-simbolo dell’opposizione civile e pacifica allo strapotere mafioso. Anche nel caso in cui si tratti di una “ragazzata”, è inquietante che ci siano dei ragazzi che pensino comunque di calpestare la memoria di coloro i quali hanno lottato, e pagato con la morte, per la nostra libertà, e di infierire attraverso dementi slogan inneggianti alla mafia.

Intanto qualcuno rilancia con la caccia a Matteo Messina Denaro. In questa lotta, chi si ferma è perduto!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/movimentoscio/trackback.php?msg=2528089

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
>> hair restoration su hair restoration
Ricevuto in data 25/07/07 @ 10:01
hair restoration
>> buy diflucan su buy diflucan
Ricevuto in data 25/07/07 @ 14:34
buy diflucan
>> diflucin su diflucin
Ricevuto in data 25/07/07 @ 19:00
diflucin
>> diflucon su diflucon
Ricevuto in data 25/07/07 @ 21:11
diflucon
>> diflulcan su diflulcan
Ricevuto in data 25/07/07 @ 22:52
diflulcan

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 07/04/07 alle 06:04 via WEB
Hanno sradicato l'albero piantato in suo ricordo, quei suca minchia di Mafiopoli, ma le radici del suo esempio sono insradicabili, continuano a intrecciarsi nel vorticoso viatico delle nostre coscienze. guerrilla radio "LA MAFIA E' UNA MONTAGNA DI MERDA!!!" (Peppino Impastato) http://guerrillaradio.iobloggo.com/archive.php?eid=1520
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

SCIO’, libero movimento contro la mafia, nasce a Lentini dall’idea di un gruppo di ragazzi con l’obiettivo di promuovere campagne di sensibilizzazione alla lotta alla mafia ed all’astensione dal pagamento del pizzo.

Il movimento si propone come elemento aggregante per tutti i liberi cittadini e per le associazioni operanti, a vario titolo, nel territorio lentinese, attraverso la condivisione di ideali comuni, aconfessionali ed apartitici, nell’interesse e per il bene della nostra comunità, alla ricerca di un possibile riscatto, sostanziale più che formale, di un  popolo troppo e troppo a lungo ricattato, oppresso e mortificato.

SCIO’ vuole abbattere il muro dell’omertà, del consenso tacito o del mancato dissenso; SCIO’ vuole cancellare i tabù e dar voce alla ribellione; SCIO’ vuol dire NO ALLA MAFIA (!), in tutte le sue manifestazioni: perché la mafia non è solo quella dei mafiosi, quella degli estorsori o degli assassini; la mafia è un atteggiamento diffuso, spesso radicato nella vita dei siciliani, nelle case, negli uffici, nei rapporti commerciali, nella politica.

SCIO’ è un’intimazione, un urlo di liberazione.

SCIO’ è un marchio per la libertà.

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giuseppesapienzalucstopponilo_snorkialgoritmixmontalbanosmsalutoni.fulminecarmy.espositosalvocaraccioloOlly.95memole1980dgladoro_il_kenyagraziach1975joey84sstrong_passionviolette51
 

ULTIMI COMMENTI

. Quanta sofferenza ancora? L'umana società...
Inviato da: danilo
il 20/07/2009 alle 17:52
 
ciao, Stiamo organizzando tra i blogger un eco progetto, un...
Inviato da: rigitans
il 20/03/2009 alle 15:56
 
Navigando su internet ho trovato questo suo messaggio che...
Inviato da: Anonimo
il 11/11/2008 alle 13:07
 
IL PITTORE GAETANO PORCASI RACONTA LE PAGINE BUIE...
Inviato da: Anonimo
il 13/07/2008 alle 15:21
 
IL PITTORE ANTIMAFIA GAETANO PORCASI RACCONTA LA STORIA...
Inviato da: Anonimo
il 01/06/2008 alle 16:07
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

addiopizzo

immagine

immagine

immagine