Un blog creato da iuzzella il 30/04/2007

'na votata

lasciati trasportare dal ritmo incessante del tamburo, vivi e rispetta la vita

 
 
 
 
 
 

VOCI DEL POPOLO CONTADINO...ASCOLTA

Zi' Giannino e Antonio Matrone (o' lione)..ascolta

tratto dal documentario "voci del popolo contadino" diretto da Salvatore Raiola

 
 
 
 
 
 
 

CANZONE PER IUZZELLA

Quando nasciste tu forma d'argento

nasciste a lu tiempo

de la luna nova

'ncielo sulo e stelle pe curona.

Luna cresciente tu da stu giardino

cuglivi a uno a uno

tutti li culure

de la primmavera chiena 'e sciure.

A li tre notte de la luna chiena

tu ce si venuta

pe fare l'ammore

pe vasà tre vote chistu core.

Luna calante tu te si addormuta

comme a na palomma

ca ce vò murire

novi amanti statemi a sentire.

 
 
 
 
 
 
 

LU RUSCIU DE LU MARE


Canto passionale gallipolino, narra di un amore impossibile, impedito, in un periodo in cui le differenze di classe erano molto vive, tanto che l'autore le paragona al conflitto tra turchi e spagnoli, storici invasori della nostra terra.

'Na sira ieu passai de le padule,

e 'ntisi le ranocchiule cantare

Comu cantane belle a una una

pariane lu rusciu de lu mare

Lu rusciu de lu mare e' mutu forte,

la fiija de lu re, se da alla morte

Iddha se da alla morte e ieu alla vita,

la fiija de lu re, sta se 'marita

Iddha sta ssè 'marita e ieu me 'nzuru,

la fiija de lu re, me da nu fiuru

Iddha me da nu fiuru e ieu na parma,

la fiija de lu re, se da alla Spagna

Iddha se da alla Spagna e ieu 'nTurchia,

la fiija de lu re, la 'zzita mia

E vola vola vola, palomba, vola,

e vola vola vola, palomba mia....

....ca' ieu lu core meu te l'aggiu ddare

E vola vola vola, palomba, vola,

e vola vola vola palomba mia....

....ca' iue lu core meu, te l' aggiu dare.

...ascoltala

 
 
 
 
 
 
 

CARATTERI E ORIGINI DELLA TAMMURRIATA

immagine

L'elemento musicale costante di quasi tutte le feste dell'area vesuviana è la cosiddetta 'tammurriata'. Questo termine in realtà, è entrato in uso solo a partire dagli anni '70, in seguito al lavoro svolto dal musicista Roberto De Simone; prima invece si parlava di "cantata e abballata 'ncopp 'o tammurro" (canto e ballo sul tamburo). Questo tipo di espressione musicale, tipicamente campana, è riscontrabile nell'area vesuviana (Giugliano, Somma Vesuviana, Pomigliano, Terzigno), in costiera amalfitana (Maiori) e nell'area dell'Agro Nocerino-Sarnese, in provincia di Salerno. Si tratta sicuramente di un linguavvio musicale antichissimo, che risale addirittura a migliaia di anni fa: al Museo Archeologico di Napoli è conservato infatti un mosaico, realizzato tra il secondo ed il primo secolo a.C., proveniente dalla Villa di Cicerone a Pompei, in cui sono raffigurati dei 'musici ambulanti' con in mano castagnette, tammorra e doppio flauto.
Un linguaggio, una forma che è un vero e proprio 'rito' musicale, che affonda le radici nel remoto passato delle feste familiari; oggi invece lo si incontra soprattutto nelle celebrazioni mariane e nei pellegrinaggi, con evidenti segni di 'osmosi' tra elementi sacri e profani.

 
 
 
 
 
 
 

IL BALLO

La tammurriata, ballo che si esegue necessariamente in coppia, prevede varie fasi: all’inizio i danzatori eseguono dei gesti con i quali si valuta il rapporto con lo spazio ed il rapporto tra i danzatori stessi, dopodiché uno dei due assume un ruolo aggressivo, ricacciato o assecondato dall’altro. Questo momento è seguito da quello sicuramente più frenetico della danza, cioè la cosiddetta 'votata' (o rotella): il tamburo batte in uno, il cantatore cadenza su una nota molto prolungata o aggiunge dei versi più brevi ed i danzatori girano su se stessi o tra di loro.
La gestualità somatica che si riscontra nella tammurriata è tutta ritualizzata, cioè qualsiasi gesto che si compie assume un significato simbolico che può essere compreso appieno solo dagli stessi membri di quella comunità di cui la tammurriata esprime l’identità culturale. La tammurriata è il ballo contadino per eccellenza: la maggior parte dei gesti coreutici eseguiti sono tratti dal lavoro quotidiano (come ad esempio la simulazione dell’atto del vangare, seminare, etc.) oppure si tratta di gesti di imitazione degli animali, soprattutto gallinacei (il cui significato antropologico è analogo a quello riscontrabile nelle feste della Madonna delle Galline di Pagani, paese del salernitano, e della Madonna Avvocata dei Monti Lattari).
Ma questi gesti così carichi di simboli che rimandano alla terra, alla primavera, alla vita contadina ed al raccolto, vanno interpretati anche secondo una chiave di lettura strettamente connessa alla morte ed al sesso.
Non bisogna dimenticare difatti che il ballo sul tamburo è principalmente un ballo di corteggiamento, quindi le varie posizioni assunte dal corpo, in particolar modo delle mani, delle braccia e delle gambe, esprimono chiaramente diniego o consenso nei confronti dell’altro.
Tutto questo avviene all’interno di quello che gli stessi danzatori definiscono 'cerchio magico': un cerchio tracciato dalle varie coppie di danzatori con i loro movimenti (all’interno del quale poi ogni singola coppia traccia il suo proprio cerchio), dai suonatori e dagli 'spettatori', i quali tutt’intorno formano una barriera. Si delimita in questo modo lo spazio in cui agire, con chiara volontà di possesso dello stesso, dell’altro danzatore o di cacciata di quest'ultimo dall'area territoriale.
 
 
 
 
 
 
 

KALI NITTA

canto pugliese in dialetto grecanico

Tien glicea tusi nitta ti en òria
cìevò plonno pensèonta 'ss'esena
C'ettù mpì 's ti ffenèstra ssu agàpi mu
tis kardia mmu su nifto ti ppena.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

Evò panta ss'esena penseo
jati 'sella, fsichi mmu 'gapò
ce pu pao, pu simo, pu steo
sti kkardìa panta sella vastò
Larilò larilò lallerò, larilò larilò

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

Kali nitta se finno ce pao
plaia 'su ti vo pirda prikò
ma pu pao, pu simo pu steo
sti kkardia panta sella vastò.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

Tien glìcea tusi nìtta, ti en òria
C' evò e' plonno pensèonta 'ss'esèna,
C'ettu-mpì 's ti' ffenèstra-ssu, agàpi-mu,
Sii kardia-mu su nìfto ti ppena.
Evò panta ss'èsena penseo
jatì' sella, fsichi-mmu 'gapò
Ce pu pao, pu sìrno, pu steo,
sii kkardia panta sella vastò.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

C'isu mai de m'agapise, oriamo
e su ponise mai pu se mena;
mai citt' orria chili su en onitse
na mu pi loja agapi vloimena
T a'steracia, pu panu, me vlepune
Ca mo fèngo frifizzun nomena,
Ce jelù ce mu leone: sto n anemo
ta traudia pelisi, i chamena.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

Kalì nitta se finno ce pao
plaia 'su ti vo pirta prikò
ma pu pao, pu risno pu steo
sti kkardìa panta seno vastò.

traduzione

Buona notte

Com'è dolce questa notte, com'è bella
e io non dormo pensando a te
e qui sotto la tua finestra, amore mio
del mio cuore ti apro la pena.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

lo sempre a te penso,
perchè te, anima mia, amo,
dove io vada, o fugga, o stia
te sempre porto nel mio cuore.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

E tu mai mi hai amato, mia bella,
non hai mai avuto sofferenza da me
non hai mai aperto queste tue belle labbra
per dirmi parole benedette d'amore.

Le stelline dall'alto mi guardano
e di nascosto parlano con la luna
sorridono e mi dicono: "al vento
le canzoni fatte sono perdute"

 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Montemarano è un popolo!

Sale

Post n°31 pubblicato il 17 Febbraio 2008 da iuzzella

Sale, vulia mangiare na cent'anni sale
pe 'na donna ca' me disse su dissapitu

        

...tra amici in una sala affollata
uno scialle rubato
i sensi rapiti dal suono
il corpo guidato dal ritmo

...il tuo...

don pizzica

ci hai lasciato?
sarai con noi
...sempre...
nella pelle vibrante di ogni tamburello
nei cembali scossi dalla tua pizzica

ciao Pino

       

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/navotata/trackback.php?msg=4119950

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
>> IO LI AMO GLI IMPRENDITORI !!! su GUARDA FUORI...
Ricevuto in data 01/03/08 @ 16:46
“Con la presente, ai sensi (….) Le si comunica  la risoluzione del rapporto di lavoro intercorren...

 
Commenti al Post:
Cyr79
Cyr79 il 21/02/08 alle 00:33 via WEB
http://video.libero.it/app/play?id=45648bea352431082e358c5b8c09c85f non ti si può messaggiare!!
 
iuzzella
iuzzella il 22/02/08 alle 00:08 via WEB
il tuo primo commento...l'acqua della funtana...non c'è che dire, sei unico! non capisco che vuol dire "non ti si riesce a messaggiare" ma tanto sabato ci vediamo a piazza Dante, no? io sono al banchetto di ISF dalle 15 alle 18. bacio grande
 
mariella_matera
mariella_matera il 22/02/08 alle 20:32 via WEB
Ciao.. passavo per un saluto.. kiss!
 
JuventinoaVita
JuventinoaVita il 01/03/08 alle 17:14 via WEB
Entrando nella tua stanza non si può fare a meno di osservare che il ballo occupi un posto importante nella tua vita così come la musica per me nella mia. Un sorriso. Buona domenica. Marco
 
carlofedele
carlofedele il 07/03/08 alle 19:58 via WEB
Lunedi 10 marzo non si scenderà in piazza, ma i bloggers faranno finalmente sentire la propria voce a sostegno di chi voce non ha. Sui blog aderenti verrà pubblicato un messaggio unico che sarà inviato agli organi di stampa, alle associazioni sindacali, alle organizzazioni sociali, alle televisioni, alle radio e a tutti quei siti e blog di altre piattaforme impegnati sulle cose concrete. Vogliamo che la Rete dia spazio sempre più ampio alle problematiche dei nostri giorni, fatte di affanni, di libertà calpestate, di dignità messa all'angolo. Vogliamo che chi ci governerà sappia fin da ora le priorità della gente comune. Vogliamo spingere le associazioni sindacali e territoriali verso uno SCIOPERO GENERALE che definiamo "a prescindere" dal futuro Governo perchè questi fin da subito dovrà adoperarsi per un risanamento che parta dai deboli, dalle loro esigenze. Siamo vicini alle persone comuni, ai disoccupati, ai precari, ai pensionati, ai lavoratori che rischiano la morte ogni giorno, agli impiegati frustrati e mal pagati, agli studenti dal futuro incerto, alle famiglie che non ce la fanno più. Vogliamo creare un movimento di bloggers che non sia elitario, che non fa girotondi inutili, che non sia antipolitica.
 
joiyce
joiyce il 08/03/08 alle 15:38 via WEB
. . . . . . . . . . . . . . .*
. . . . . . . . . . .*. . . . . . . ** *
. . . . .. . . . . .*** . . * . . *****
. . . . . . . . . . .** . . **. . . . .*
. . . . . . . . . . ***.*. . *. . . . .*
. . . . . . . . . .****. . . .** . . . ******
. . . . . . . . . ***** . . . .**.*. . . . . **
. . . . . . . . .*****. . . . . **. . . . . . *.**
. . . . . . . .*****. . . . . .*. . . . . . *
. . . . . . . .******. . . . .*. . . . . *
. . . . . . . .******* . . .*. . . . .*
. . . . . . . . .*********. . . . . *
. . . . . . . . . .******* . ***
*******. . . . . . . . .**
.*******. . . . . . . . *
. ******. . . . . . . . * *
. .***. . *. . . . . . .**
. . . . . . .*. . . . . *
. . . . .****.*. . . .*
. . . *******. .*. .*
. . .*******. . . *.
. . .*****. . . . *
. . .**. . . . . .*
. . .*. . . . . . **.*
. . . . . . . . . **
. . . . . . . . .*
. . . . . . . . .*

AUGURONI!!!
 
mohamed21
mohamed21 il 22/03/08 alle 20:08 via WEB
carissima, ma quando ritorni ???
 
gigi.papagna
gigi.papagna il 05/10/08 alle 09:51 via WEB
bellissimo blog. Sono un pugliese appassionato della mia cultura. Devo dire che questo blog è davvero bello. Ciaooooooo ^^
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 
 
 
 

 

s'è detto tanto...
...mai troppo...
s'è urlato lo sdegno.
s'è marciato tutti sotto un solo colore
io non sapevo che dire...
ora già è un lieve sussurro
ma per queste immagini rubate non ci sono parole....
solo un profondo silenzio dinanzi all'orrore.

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

BALLANDO AL MASCHIO ANGIOINO

ebbene si..in questa folla ci sono anche io

 
 
 
 
 
 
 

BALLANDO A SCAPOLI...

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

totonnixCiroTroise84luicirpiccolo.mena62rosapacslippignaoalexcolmjacuvellapiramideaAlessandrino1965ragazzo_padovaenzadesalvosavydevaleriafurnaripatmarko
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
 
 
 
 
 
 

LA GIUGLIANESE

Vi dirò quel poco che so. La giuglianese è una tammurriata tipica di un paese in provincia di Napoli, Giugliano in Campania appunto. Adifferenza delle tammurriate dell'area vesuviana, la giuglianese, così come l'avvocata (tipiva di Maiori), non è un ballo di corteggiamento ma bensì di sfida. Strumento tipico e fondamentale è il "sisco" o flauto doppio, ede è questo strumento che scandisce i tre tempi della tammurriata, a differenza di tutte le altre in cui i tempi sono due e scanditi dal ritmo della tammorra. il video è stato girato a montevergine (AV), ma di questa festa e della "Mamma Schiavona" ne parleremo un'altra volta

 
 
 
 
 
 
 

DAL BLOG DI JOIYCE

“Se bruci i rifiuti,

la diossina brucerà il nostro futuro”.

 
 
 
 
 
 
 

..E PER CHI VUOLE APPROFONDIRE

..su segnalazione di Cyr79

 
 
 
 
 
 
 

IN TUTTA ITALIA RUBINETTI PROMOSSI

dal sito della repubblica:

È BUONA ma non ha marketing. Costa centinaia di volte meno della sua concorrente minerale ma manca dell'abito giusto. Ha una condotta irreprensibile ma paga il prezzo di un passato discutibile. È questa l'immagine dell'acqua del rubinetto che si ricava dalle analisi condotte da Repubblica nelle città italiane: un'istantanea che non pretende di offrire un quadro a 360 gradi, e che risente dei diversi parametri usati dai tecnici, ma tuttavia sufficiente per capire cosa si beve nelle nostre case.

Mentre gli italiani fanno la coda nei supermercati per mantenere il record mondiale degli acquisti di acqua minerale, dai loro rubinetti esce un'acqua che non solo rispetta i parametri di legge sulla potabilità, ma che spesso ha fatto registrare vistosi miglioramenti sul piano della qualità. Due casi per tutti: Milano e Firenze, che fino a ieri sedevano sul banco degli accusati, oggi vantano valori in linea con altre città da sempre fortunate.

"Forse il caso più emblematico è Milano", spiega Raul Martini, responsabile della divisione ecologia della Conal, la società che ha assemblato i dati provenienti dai vari laboratori e li ha incrociati con quelli forniti dalle ex municipalizzate. "Il capoluogo lombardo viene da una situazione disastrosa. Il livello di manganese e ferro era così alto che è stato necessario chiudere alcuni pozzi. I residui di trielina e clorurati sono arrivati a toccare picchi 200 volte sopra i limiti, tanto che hanno dovuto cambiare la legge per non chiudere l'acquedotto. E poi due falde che attraversano la città portavano i metalli pesanti dalle fabbriche di Sesto San Giovanni e i solventi dalle raffinerie che erano in funzione dove oggi sorge la nuova Fiera. Oggi invece l'abbandono di alcune attività industriali ad alto impatto ambientale e l'adozione di tecniche di trattamento più avanzate ha fatto registrare un miglioramento molto netto".


Un discorso simile si può fare per Firenze. Per anni chi veniva da fuori città restava sorpreso dalle zaffate di cloro che si levavano ogni volta che apriva un rubinetto per lavarsi la mani. Oggi un prelievo più diversificato, cioè meno basato sull'acqua dell'Arno, e migliori sistemi di purificazione hanno permesso di abbassare sensibilmente la quantità di cloro utilizzata.

All'estremo opposto troviamo Roma, una città che tradizionalmente vanta acquedotti di grande qualità, tanto da essere stata la prima a ipotizzare d'imbottigliare l'acqua pubblica. "Nella capitale si usano varie fonti, anche sorgenti di acqua gasata", continua Martini. "Certo, c'è molto calcio e magnesio ma questo è un problema per le lavatrici, non per gli esseri umani. Il mito dell'acqua super leggera, tanto rarefatta da sembrare eterea, è un falso sanitario. In assenza di specifiche patologie, come ad esempio i calcoli, un'acqua con una buona quantità di calcio va bene per tutti, ed è particolarmente raccomandabile per i bambini, per le donne in gravidanza e per chi soffre di osteoporosi".



 
 
 
 
 
 
 
Nell'area delle acque un po' dure, ma con i fondamentali a posto, troviamo Torino, Bologna e Bari. Mentre fanno storia a sé Napoli e Genova. A Napoli la presenza significativa di nitrati (che pure restano abbondantemente all'interno dei parametri di legge) può essere messa in relazione con lo sviluppo regionale dell'agricoltura, ma anche con un problema ormai strutturale: la moltiplicazione delle discariche abusive che inquinano le falde e che possono dare un contributo anche in questo campo.

A Genova il problema principale è costituito dalla presenza di acque salmastre che tendono a mischiarsi con le dolci. E la situazione rischia di peggiorare nei prossimi anni per colpa del riscaldamento globale: le acque tenderanno a concentrarsi per via dell'evaporazione e il cuneo salino a risalire man mano che la pressione del mare aumenterà. Il che vuol dire che i residui di sostanze indesiderate potrebbero aumentare e che sarà più difficile e costoso mantenere separati il circuito dell'acqua dolce da quello dell'acqua salata.

Mantenere i livelli piuttosto soddisfacenti che le analisi condotte da Repubblica mostrano potrebbe dunque diventare più difficile man mano che le condizioni climatiche si andranno aggravando. E infatti il tema delle garanzie sulla qualità e sulla quantità dell'"acqua del sindaco" sarà uno di quelli affrontati con più attenzione dalla conferenza sui cambiamenti climatici convocata dal ministero dell'Ambiente a settembre.

Tuttavia il problema principale che questi dati evidenziano è un altro. Il sistema pubblico è riuscito a correre ai ripari rimediando a errori anche gravi commessi in passato. Ha tenuto il passo di un'Europa che corre verso la qualità e la competizione sulla difesa dell'ambiente. Ha fornito un prodotto più che dignitoso. Ma non è riuscito a convincere il suo pubblico, a conquistarne la fiducia. E' rimasto prigioniero di una burocrazia che non sa comunicare. Mentre per vendere l'acqua bisogna far venire voglia di berla.