Acqua nel serbatoio della benzina? L'automobilista deve essere risarcito

Post n°18 pubblicato il 15 Settembre 2015 da danielaconteroma
 
Foto di danielaconteroma

Ecco una buona notizia per gli automobilisti: se, a seguito del rifornimento di gasolio, l'autovettura subisce danni per la presenza di acqua nel serbatoio, hanno diritto al risarcimento danni. E' quanto ha stabilito il Giudice di Pace di Perugia con la sentenza n. 400, depositata il 18.04.2015.

La sentenza sopra citata offre interessanti spunti soprattutto per il paragone dell'automobilista con il consumatore, con conseguente responsabilità del benzinaio/venditore nell'ipotesi di danni conseguenti alla vendita del bene di consumo (nel nostro caso, il gasolio).

 

CONTINUA LA LETTURA

 

Avv. Daniela Conte


 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Sky vs Mediaset: arriva Rai 4, sarà trasmessa sul canale 104

Post n°17 pubblicato il 14 Settembre 2015 da danielaconteroma
 
Foto di danielaconteroma

In questi ultimi mesi gli organi di stampa hanno dato ampio risalto alla notizia che Mediaset ha proposto a Sky, come condizione per continuare a trasmettere Canale 5, Italia 1 e Rete 4 sui canali 104, 105 e 106 della pay-tv, il pagamento di un fee, ovvero di una somma di denaro. Sky, tuttavia, non ha accettato la proposta e, a partire da martedì 8 settembre, le tre reti del Biscione sono state criptate e rese non più visibili per i milioni di abbonati alla pay - tv.

 

CONTINUA LA LETTURA

 

Avv. Daniela Conte

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Treno soppresso: ecco a cosa si ha diritto

Post n°16 pubblicato il 14 Settembre 2015 da danielaconteroma
 
Foto di danielaconteroma

Buone notizie per i passeggeri: in caso di improvvisa soppressione del treno, hanno diritto al rimborso del costo del biglietto e al risarcimento dei danni patrimoniali documentati. Questo è quanto ha stabilito il Giudice di Pace di Frosinone, con una sentenza che merita di essere segnalata perchè fornisce interessanti chiarimenti in merito al foro del consumatore applicabile in questi casi e alla vessatorietà della clausola contrattuale che prevede il rimborso del solo costo del biglietto.

 

CONTINUA LA LETTURA

 

Avv. Daniela Conte

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Infortunio in itinere: si all'indennizzo se avvenuto in occasione di lavoro

Post n°15 pubblicato il 08 Settembre 2015 da danielaconteroma
 

 

La Cassazione civile a S.U. ha stabilito che l'infortunio in itinere deve essere indennizzato se vi è il collegamento con l'occasione di lavoro.

La Corte di Cassazione civile a S.U., con la sentenza n. 17685 - depositata ieri 07.09.2015 -, fa chiarezza in materia di infortunio in itinere, istituto molto controverso in giurisprudenza: è stato, infatti, stabilito l'importante principio secondo cui deve avvenire in occasione di lavoro. Vediamo di seguito le motivazioni di questa importante sentenza.

Infortunio in itinere: la fattispecie e la decisione dei Giudici di merito

Facciamo una breve premessa: l'infortunio in itinere è una particolare fattispecie rientrante nell'ambito degli infortuni sul lavoro che ricorre allorquando il lavoratore si infortuna mentre percorre, con qualsiasi mezzo di locomozione, il tragitto da casa al lavoro o viceversa, oppure - se lavora in più posti - il tragitto tra due luoghi di lavoro.
Nel caso di specie, una donna viene investita mentre si sta recando a piedi presso l'istituto geriatrico dove lavora, e decede a seguito dell'infortunio subìto. Il marito, anche in rappresentanza dei figli minori, cita in giudizio l'Inail affinché venga accertata e riconosciuta la natura di infortunio sul lavoro, con conseguente indennizzo.



Roma, 08.09.2015

Avv. Daniela Conte



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Decreto attuativo del Jobs Act: le novità in materia di lavoro part-time

Post n°14 pubblicato il 30 Agosto 2015 da danielaconteroma
 
Foto di danielaconteroma

È ormai ben noto che il governo Renzi sta emanando i decreti attuativi della L. 10.12.2014 n. 183, conosciuta come Jobs Act. Nella Gazzetta Ufficiale n. 144 del 24.06.2015 (Supplemento ordinario n. 34) è stato pubblicato il D.Lgs.Avv 15 giugno 2015 n. 81, nel quale è contenuta la nuova disciplina dei contra­­­tti di lavoro e la revisione della precedente legislazione in materia di mansioni lavorative; il decreto è entrato ufficialmente in vigore il 25 giugno e ha sostituito la disciplina contenuta nel D.Lgs. n. 61/2000. In questo articolo ci occupiamo, in particolare, della nuova disciplina in materia di contratti di lavoro a tempo parziale (comunemente noti come part-time).

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

 

Avv. Daniela Conte

 

RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

Elemento.Scostantesognimondoenrico505mi.descrivoA.g.a.rtastoexploramagikpen64danielaconteromaprefazione09belladinotte16dg.dinoRicamiAmolacey_munropulletrobianco
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom