Creato da Licia.Cutaia il 26/03/2008
Psicologo, psicoterapeuta relazionale - Tel: 3392436046 - Via Antonio De Gregorio 15 - Palermo

TARIFFE

NUOVE TARIFFE 2018:

 

TERAPIA INDIVIDUALE 30,00 €

TERAPIA DI COPPIA 50,00 €

 

VAI AL MIO SITO

 

VISITA IL MIO SITO

   www.liciacutaia.it

Per chi ama metafore, storie e filmati, visiti il blog

blog.libero.it/favolosamente

 

Sono Licia Cutaia ed ho creato questo blog con il fine di presentarmi, di far conoscere il mio approccio professionale e condividere con i visitatori alcuni miei articoli, immagini, fimati e considerazioni che esprimono i miei interessi, la mia sensibilità, la mia professionalità.

In fondo al blog troverete il mio curriculum vitae e gli articoli che descrivono il modo in cui lavoro.

Potrete contattarmi al mio cellulare o al mio indirizzo di posta elettronica, sia per un consiglio sia per intraprendere un percorso terapeutico. 

 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

La forza non deriva dalle capacità fisiche,

ma da una volontà indomita.

(Mahatma Gandhi)

 

Area personale

 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

CORPO - MENTE - EMOZIONI

 

 

 

Nell'uomo corpo e mente sono indissolubilmente connessi

L'uomo è costituito  da corpo, dalla mente e dallo spirito.

Lo spirito è curato dalla fede, il corpo dalla medicina, la mente dalla psicologia e dalla psichiatria

Quando il corpo ha un sintomo  - se un medico ne esclude la causa organica - esso può esprimere un disagio  di origine psichica.

Le emozioni sono processi della mente (hanno origine nel sistema limbico) sono decodificate dai nostri processi cognitivi (intellettivi) e sono nominate con il linguaggio.

Quando le emozioni disturbanti invece di essere connesse alla neocorteccia cerebrale si esprimono direttamente attraverso le vie autonome corporee, allora si costituisce il linguaggio organico.

IL CORPO COMUNICA

Se avete sintomi fisici che non hanno trovato un riscontro in una diagnosi medica, l'origine della vostra sofferenza potrebbe essere un conflitto emotivo individuale, relazionale, comunicativo!

In questi casi, è opportuno parlarne con il vostro medico di fiducia e valutare l'opportunità di richiedere una consulenza psicologica.

 
 

 

 
« I GRUPPI DI MUTUO AIUTOCINQUE BUONI MOTIVI PER ... »

ANSIA ED ATTACCHI DI PANICO

Post n°17 pubblicato il 05 Aprile 2009 da Licia.Cutaia

L' ansia è un'emozione con una sensazione di costante minaccia e paura immotivata.


Gli attacchi di panico sono crisi d'ansia estreme, sconvolgenti, con i sintomi dell'ansia al massimo dell'intensità, fino alla paura di morire, impazzire o perdere il controllo. 
I disturbi da attacchi di panico sono caratterizzati da ripetuti attacchi di panico, imprevedibili, inaspettati e non provocati né da una malattia medica né da una sostanza.

Essi irrompono all'improvviso nella vita di un individuo destabilizzando il suo equilibrio emotivo e relazionale. Spesso la conseguenza comportamentale nel soggetto è la paura che l'episodio possa ripresentarsi con la stessa intensità: questo stato di allarme pervasivo costituisce l' ansia anticipatoria, in breve la si potrebbe definire un continuo stato di apprensione di "paura di avere paura".

L'attacco di Panico può presentarsi con o senza Agorafobia

L'agorafobia si ha quando una persona teme ed evita posti e situazioni da cui secondo lei sarebbe difficile o imbarazzante allontanarsi (ad es.: un viaggio in treno, in autobus, una fila al supermercato), oppure quelle situazioni in cui pensa di non poter avere un aiuto sufficiente nel caso di un malessere o un attacco di panico (ad es.: una strada solitaria, un luogo affollato, un posto lontano da casa). Capita quindi che, dopo gli attacchi di panico, una persona sviluppi un processo di evitamento, per cui limita sempre più i suoi movimenti e le sue attività lavorative e sociali.
L'attacco di panico ha un'origine spesso di tipo relazionale e comporta un intervento psicoterapico urgente.

Spesso chi soffre di attacchi di panico richiede la presenza costante di una figura di sostegno che la supporti qualora si presenti l'attacco di panico. Tale figura - il cosiddetto accompagnatore- risente pertanto della pervasività del disturbo. In questo caso il fattore relazionale si manifesta in modo pregnante.

In taluni casi può essere necessario ricorrere all'utilizzo di farmaci.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/obiettivosalute/trackback.php?msg=6838766

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento