Creato da mari27_ il 28/03/2007

inferenze

false verità

 

 

« SoffocareElogio di chi... »

Sogno fraudolento

Post n°231 pubblicato il 27 Agosto 2009 da mari27_

Il tempo di alzarsi, lavarsi, vestirsi e sarebbe stata pronta per uscire.
Le mancava soltanto una cosa: non sapeva dove doveva andare.

Da quando si era trasferita aveva perso ogni desiderio di contatto umano, ed ogni mattina, svegliandosi in quel letto umidiccio, le ci voleva un po' per rendersi conto di dove si trovasse. Aveva perso le sue coordinate, il senso dell'orientamento, tutto.

Le capitava addirittura di svegliarsi la notte sapendo di aver sognato di essersi svegliata al mattino e di essersi chiesta dove fosse.
Non che le importasse realmente, ma alla fine avrebbe dovuto vincere la battaglia contro la esatta conoscenza della sua condizione spazio-temporale. Questo era davvero importante. Come ogni battaglia con se stessa prima ancora che con il mondo che la circondava.

Ecco: adesso doveva capire soltanto dove fosse diretta.
Saltò sul letto a gambe incrociate ed occhi in su, come se dovesse apprestarsi ad interferire con gli affari celesti, ed in pochi secondi aveva deciso.

Aveva preso in mano la sua vita, sì. Lo aveva fatto, nel bagliore della luce mattutina che adesso in realtà inondava la stanza dandole anche un tantino di fastidio. Ancora guardando in su, come se dovesse sfidare la volontà di un drago sperando di vincerla e sapendo di non poterlo fare, pensò che per andare nel luogo deciso doveva alzarsi, lavarsi, vestirsi eccetera.

Così con andatura spavalda e lenta si recò nella stanza da bagno. Lì, tuttavia, accadde l'inevitabile: non una goccia d'acqua veniva giù dal rubinetto, che anzi la osservava dal basso gorgogliando con voce roca.

E allora decise di nuovo. Decise che non poteva uscire. Decise di tornarsene a letto, ad attendere di addormentarsi ancora, e di svegliarsi di nuovo, senza sapere per un millesimo di secondo dove si trovasse esattamente. Per poi ripetere lo stesso cerimoniale.

Però era padrona della sua vita.  

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/occhinegliocchi/trackback.php?msg=7575416

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
puccitommaso
puccitommaso il 29/08/09 alle 18:28 via WEB
Ogni stanza Ŕ un mondo in movimento. La camera da letto, il bagno la cucina sono spazi dove ciascuno si muove la mattina appena alzato. Ogni casa ha Pareti domestiche dove uno puo sognare a occhi aperti e addormentarsi per risognare ancora.
 
 
mari27_
mari27_ il 30/08/09 alle 10:32 via WEB
GiÓ...ma la mia attenzione si posava sulla insensatezza di coloro che affermano di controllare la propria vita, basandosi sul semplice fatto di poter decidere, per es. se uscire o meno di casa (in particolare, se l'uscita o meno viene determinata essa stessa da fattori esterni che il protagonistra si sforza di riconoscere interni a se stesso, quasi volesse proteggersi dallo stupore della propria inaffidabilitÓ). Grazie per il commento :))
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
EtÓ:
Prov:
 

ULTIME VISITE AL BLOG

anmicupramarittimaanimabileMITE_ATTACHET_2akterusEddie_Cranemari27_latino6921sem_pli_cezapata71inkubuzantoniamirafiorifortasse.requirisDanny_SinclairWIDE_REDspagnolosanmar05
 

FACEBOOK

 
 

BIG MY SECRET (THE PIANO, JANE CAMPION)

 

AREA PERSONALE

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18