Creato da desertoblue il 10/05/2005

Di tutto il Nulla...

Voglio levarmi di torno e ricominciare da capo . Ho lasciato la bibbia sul bordo della strada, inciso le mie false iniziali sul tronco di un albero secco. Me ne vado ma tornerò quando sarà ora di levarsi di torno e ricominciare da capo senza l'illusione di un amore...

 

 

occhi

Post n°200 pubblicato il 12 Ottobre 2018 da desertoblue

Se il mondo non ti vede ..., è lì che tu vedi il mondo...

 
 
 

.

Post n°199 pubblicato il 02 Dicembre 2014 da desertoblue

Non si dovrebbe andare in fondo ..
in fondo all'amicizia..
in fondo all'amore..
in fondo alle apparenze.. 

Non si dovrebbe andare in fondo
con l'unico risultato che ci resti..
in fondo....

 
 
 

.

Post n°198 pubblicato il 28 Gennaio 2014 da desertoblue
Foto di desertoblue


.

.

.

.

Mia madre mi diceva ... " figlio quando righerai dritto..." 
e io d'istinto curvavo in tutto....

Mio padre mi diceva ... " tutto qua..."
e io pensavo...,almeno ho osato , almeno ho visto , 
almeno ho rischiato e mi sono sentito vivo...perdendo ...

Chi mi ha amato aspettava un mio cambiamento,
ma alla fine cambiavano amore...

Mia figlia immersa nella vita ,
confondendomi col nulla....

Cosa sono mai vorrò capirlo, seguo gli ultimi
battiti di questo mio irregolare
pulsare...

Il mio nome su una parete e lo sguardo di Lei
nella mia valigia... 

 
 
 

.

Post n°196 pubblicato il 03 Ottobre 2013 da desertoblue
Foto di desertoblue

.

.

.

.

.

Un foglio mano tremante...
una figlia essenza nell'assenza.
Baratto ,  in cambio di riposo ,
le mie lettere,le mie storie,
le mie notti...,
le mille luce colorate...

Una donna amata ,lacrime spezzate,
solchi di sabbia,
polpastrelli a chiamare fantasmi
in ombre...

Oggetti e note inutili nel ricordo ,
non ci penso e il mio viso,
il mio corpo non mi appartiene,
nel piacere...

Io qui e tu......

Cosa dico , cosa scrivo ,
specchio della mia scrivania
in eterno disordine...

Un foglio e la mano tremante. 

 
 
 

.

Post n°195 pubblicato il 02 Settembre 2013 da desertoblue

Non so leggere e non so scrivere...
per aver letto e scritto di tutto.

Senza di te e sai cosa intendo.

Vivo nell'eterna sindrome del mio arto
fantasma...,ma questo lo avevo detto già...
con l'ansia  di sbagliarmi sostituita con
la rassegnazione della cetrtezza.

Senza di te e sai cosa intendo.

Resto per andarmene senza voltarmi,
non avendo nulla da guardare e nessuno nel dire
addio...

Senza di te e sai cosa intendo. 

 
 
 

Sovente ed ingenuo

Post n°194 pubblicato il 18 Giugno 2013 da desertoblue

 

 

L'anima della mia pelle brucia , ortiche le tue mani ,
rughe le tue ali...

Brucia tutto intorno e a volare non si è mai stati capaci..
fango e fiamme a masticare non sono più in grado

Un' assenza cronica dalla certezza della presenza ...
il rombo della mia moto e un sorriso da rubare ma vecchio
sono per illudermi...

Ma tutto non importa ,si vive con un effimero stomachevole  ,
vomitare non basta a star meglio ...

Sovente ingannevole che tutto possa cambiare e il tempo scorre
con mani che ti modellano scambiandole con carezze.... 

 
 
 

.

Post n°193 pubblicato il 29 Marzo 2013 da desertoblue

Le notti senza amore sono le più coraggiose...,
da far passare ...
quelle senza un volto a cui posare lo sguardo...,
senza mani da stringere...
le sue.
Le notti senza amore sono le più ingannevoli...,
che a cascarci dentro è facile come
perderti, se mai ti avessi avuto...
Le notti senza amore sono viaggi in moto
respirando libertà...,
senza nessuno a cui chiedere o dire
 dove andare,
Le notti senza amore sono quelle in cui in un
attimo devi decidere …
decidere se stringere i tuoi occhi
 nelle mani di chi….e riporre il tuo cuore nel
cassetto dei ricordi e non sapere...
Le notti senza amore sono le più immense in cui
il giorno non nasce mai, in cui anche il 
mare fa paura...
Le notti senza amore sgrani tutte le parole dette
e non dette come un rosario 
in echi di cattedrale...
Le notti senza amore sono come sguardi alla luna,
sognando e credendo di 
vedere chissà ché...
Le mie notti senza amore sono semplicemente senza 
vita...senza te...

 
 
 

L'amore

Post n°192 pubblicato il 09 Febbraio 2013 da desertoblue

L’amore mi ha insegnato ad essere…,
mi ha insegnato ad odiare e voler la morte.
L’amore mi ha insegnato  la sofferenza
della solitudine…,
mi ha insegnato la penombra della scrittura.
L’amore mi ha insegnato l’essere
ridicoli…,
mi ha insegnato mutazioni, giravolte,
tradimenti.
L’amore mi ha insegnato il perdono…,
mi ha insegnato la ricerca.

L’amore mi ha insegnato l’attesa infinita…,
mi ha insegnato a piangere.
L’amore mi ha insegnato a leggere il viso…,
mi ha insegnato il silenzio dell’ascolto.
L’amore mi ha insegnato il viaggio del
cammino…,
mi ha insegnato a confinare il mio Destino 
dal mio Fato.
L’amore mi ha insegnato  la conoscenza della
mia ignoranza…,
mi ha insegnato ad avere sete.
L’amore mi ha insegnato come incassare
i miei pensieri e domande che strappano la pelle…,
mi ha insegnato il ….sempre…
L’amore mi ha insegnato ad essere.

 

 
 
 

.

Post n°191 pubblicato il 29 Novembre 2012 da desertoblue

Sto invecchiando...passaggio inevitabile...
invento i miei giorni, perdendoli come sabbia fra le mani.
Antichità di un tempo a cercar mani e andare...,
ma in fondo mi portavo.
Sabbia nei miei occhi a fermarmi non servì ma consumati
ora sono, in pensieri, sogni e ricordi...
Stanco delle mie parole, di questo tempo, 
stanco nel non appartenere.
Resta accesa dentro me senza capire il
perchè o cosa...
Dietro le quinte di un amore ...di più non mi permetto , 
più ideale un backstage a facilitare
a chi viene dopo di me...
Uomini antichi vestiti di falsa modernità,
immersi in spaventose solitudini
a seminare ambigui sorrisi.
Resto fuori , o dentro , dipende la linea del 
tuo confine , con le mie partenze
in anticipo senza preavviso.
Non si ama nelle partenze tanto meno
nei ritorni...
Si ama nel vuoto, nella morte del respiro...
del
....resta....


 
 
 

.

Post n°190 pubblicato il 11 Ottobre 2012 da desertoblue

Scrivo ...,ti scrivo...,mi scrivo..
le tre del mattino non fisso e non dormo...
il buio mi opprime la luce mi spiazza.
Torno alle mie braccia del tempo in alto,
in basso, all'immensità di montagne e il profumo di
un fiore alle mie spalle a pensare senza violare una realtà...
Risate alcool e voglia di volare ,
resto ad osservare credendo di essere invisibile ,
inebriandomi del suo sorriso...
Un sorriso fuori posto se mai ce ne fosse uno...
schiavo senza catene ma sempre schiavi si è...
Parto con il cuore del ritorno ma ad un treno
senza rotaie è sempre un incognita...
Banalità che escono dalle mie mani...

 
 
 

.

Post n°189 pubblicato il 12 Agosto 2012 da desertoblue

Lasciami qui....che la strada la sentirò da me.....
al tuo viale più sicuro non respiro... 

Dimentica le mie mani, il mio odore ,la mia voce....
dimentica il mio tenerti a me senza parole... 

Non capisco e non capirai ma la miseria di un amore ribaltato
sputando pallottole ingoiate non ho più saliva... 

Donare senza aspettare il ritorno è la mia condanna
è la mia salvezza...

Continuerò a cercarti senza  trovarti , senza immaginarti,
meglio del vederti andarmene via... 

 

 
 
 

.....

Post n°188 pubblicato il 02 Agosto 2012 da desertoblue

Mugugnando sulle rotaie mi feristi sul gomito legandomi al tuo ghigno quindi sfoderai un broncio covato da tempo per questo momento.E, sapientemente, tu confondi un tarlo con la sveglia mancasti all’ora stabilita adirandoti con dio deflagrato dal suo e gola lingua non arriva al gomito e il sangue colora la tua bocca rossetto in stile campo di concentramento.Al cartaio dissi che non sapevo contare e mi servì con frutta e verdura pagando con la radice quadra di un molare.Assecondando il fischio del treno è possibile definire la partenza il preambolo dell’ arrivo della chioma di chiodi lo sbuffo del tuo predire troppo vicino a calarmi sul fondo troppo lontano per tirare il freno.

 
 
 

Nell'attesa

Post n°187 pubblicato il 26 Luglio 2012 da desertoblue

Cleopatra, bigodini tra i capelli,seduta sulla tazza, legge Der Spiegel.Io di là, a lavare i piatti mentre i cani discutono sul gioco degli incastri.Non mi spiego il gesto dell’arpia.Dico solo che non avrei potuto fare di meglio.L’orologio è indietro di due ore,l’umore è sceso al pianterreno.Redimere un verdetto gusto ammoniaca comporta una corrosione a lungo termine.La pigione l’ho pagata, il rubinetto perde,i vetri sono sporchi e i cani dissolti.Il bagno è ancora occupato.

 
 
 

in me..

Post n°186 pubblicato il 12 Giugno 2012 da desertoblue
Foto di desertoblue

Alzo lo sguardo tra i miei pensieri e l'orrizzonte ...Cambio il mio passo silenzioso che confondi con segreti...ho un altare e non una sposa, per scelta o per perdita non ricordo più...Annuso la vita in parole ,gesta, e nel non stupirmi  si finisce nel stupire...al primo amore mi fermai e all'ultimo mi persi.Alzo lo sguardo tra i miei pensieri e l'orrizonte....Dicono che devi avere pazienza e di smussare gli angoli del mio essere , che il mio orgoglio mi distrugge...io dico dov'eri prima che tutto ciò s'innescasse , resto in piedi con l'anima spezzata , con il mio ultimo vestito nuovo e senza grinze... Alzo lo sguardo tra i miei pensieri e l'orrizonte...Cercami che carità non chiedo , e non confondere lamia dignità con l'orgoglio , non confondere il mio restare solo al rifiuto della prostituzione di sentirsi amati come in una foto dai colori delle tue matite.... Alzo lo sguardo all'orrizonte e tu che ascolti non capendo ti dono i miei pensieri... 

 
 
 

.

Post n°185 pubblicato il 18 Marzo 2012 da desertoblue

Vedo ...,no per volontà ...
Disteso in questo mio letto...
di storie e promesse non date,
di attese e solitudini,
di sogni e sudori...

Vedo me senza me ...
stanco d'immagini e parole...,
gesta e rumori...,
di comprensioni e prostituzione...

Vedo e sento e vomito...
disteso in questa ruota di criceto...
vomito...
vomito...
vomito...

 

 

 
 
 

Senza...

Post n°184 pubblicato il 09 Dicembre 2011 da desertoblue

.

.

Veliero senza oceano...

Gioia senza sorrisi...

Fuoco senza fiamma...

Amore senza parole...

Contadino senza terra...

Vita senza respiro...

Padre senza figlia...

.

.


 
 
 

.

Post n°183 pubblicato il 11 Novembre 2011 da desertoblue
Foto di desertoblue

La strada. La strada e un orizzonte che cambia faccia due volte al giorno. Niente che mi auguri buon viaggio. Nessun addio. Solo io, l’aria da spaccare in due e la mia nuvola rombante. Questo è il mio pensiero e stato ogni volta che prendo la mia vecchia Guzzi.leggo di viaggi in moto e dopo un pò tutti si assomigliano..., posti incantevoli, curve e tornanti su moto belle , moderne , sicure , costose , equipaggiate e pine di elettronica....ma....il Saltare in sella, e lasciarsi le rovine di tutte le battaglie alle spalle. ? non sempre i paesaggi sono incantevoli a volte scorrono monotoni, i pali della luce, quelli che imitano le più banali cartoline di Parigi, quelli che ricordano la lancia di Don Chisciotte. La moto è il mio cavallo. Io, un fantino di fango con la criniera schiaffeggiata come una bandiera dal vento. L’autostrada è deserta. Ma non per molto. E’ un rigagnolo a malapena visibile, successivamente s’ingrossa, avanza la piena, pesci di ferro e vetro affollano tutte le arterie.Faccio un ultima sosta per carburare la Guzzi e lo stomaco. Rendo sazia la mia Signora Guzzi, in primis, che si aggiudica gli sguardi di centauri in gruppo ...e già bisogna essere in gruppo per sentirsi di appartenere ...io no io e la mia Signora Guzzi ci apparteniamo e il resto fa parte del viaggio , di battiti del cuore che susseguono e non si fermano. Adesso mi aggiro a passi lenti nel labirinto di un Autogrill, non c’è nulla che attragga il mio interesse, e il mio corpo senta già la mancanza di risalire in sella. All’uscita una ragazza sui vent’anni, con un chilo di rossetto color porpora sulle labbra, mi domanda se la moto scura parcheggiata là fuori è mia, qualche complimento, fissa la mia chioma lunga: non è frequente incontrare un viaggiatore di oltre quarant’anni con i capelli lunghi fino quasi al culo. “Ma sono tutti tuoi?”, mi domanda con un espressione stupita. e io : “No, più della metà li ho rubati a Dio.” Gira i tacchi senza salutare e raggiunge un’amica incollata al cellulare. Decido di non mangiare, mi attanagliano i pensieri e prendo un caffè al volo. Via, si riparte. La destinazione non l’ho ancora decisa. Forse tutto mi porta a Sud.Questo è un racconto di un viaggio o non viaggio dove lascio a voi la sceta d'immaginare .Il sole è caduto in basso, la seconda faccia dell’orizzonte.

 
 
 

.

Post n°182 pubblicato il 26 Luglio 2011 da desertoblue

Quando si è giovani la morte non ci appartiene...
è casualità o evento di altri ma non nostra...

Quando si è giovani ci si sente grandi e
invicibili...

Quando si è giovani ci si sente oltre , è tutto
è vecchio , il mondo nelle mani, capaci di cambiare...

Quando si è giovani non si ascolta , il cuore
pulsa di coraggio e l'osare...

Quando si è giovani l'orrizonte è impaziente
allo sguardo ...

Quando si è giovani il piacere è un accumulare
spasmodico...

Io non sono nè giovane nè
vecchio...

Io non sono nè grande nè
piccolo...

Io nè adulto nè infantile...

Quando si è giovani non si pensa
alla vita che ti tocca...

Quando si è vecchi si pensa alla vita
che ti ha toccato e che non
sapevi.... 

 
 
 

.

Post n°181 pubblicato il 01 Maggio 2011 da desertoblue

 

Lavo le mie mani con assurda follia in
movimenti confondibili nella teatralità di un tempo....
lavo nel tuo stupore che conosci , lavo e sfuggono ai tuoi
occhi sospiri e incapacità...

Vivo nel delirio di comunicare , sapendo di non avere
la dignità per una illusione ad un ascolto...

lavo le mie mani che nulla toccarono al
tuo dire...
al mio essere tradito e offeso da pensieri
alti come cancelli, pesanti come muri...

Ho tegli su queste mani schernite nel stringere
cio che non capisco ma che sento .... 

 

 
 
 

.

Post n°180 pubblicato il 15 Marzo 2011 da desertoblue

Quante vite dovrei essere per essere ...
Miseria miserabile ad un grido imbavagliato
ma esso va oltre...

Quante vite per amare per amore...
ma esse si spendono senza memoria
mani mozzate nel raccogliere...
e tutto mi va oltre...

Quante  vite nell'ascoltare ...
ma mai impareremo finche saremo presi
nell'essere ascoltati...

Quante vite... 

 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: desertoblue
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 53
Prov: BO
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

desertobluechipuodirlo1972le_parole_dellanimacentauro1973cercasole0Sky_EagledayanapaezOssimoroTossic0krystel3cattedraledesertalughe_sardaRaso_appuntitov_e_n_u_s_i_a_2011aquilablu80
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIMI COMMENTI

falle scorrere nelle tue vene ...
Inviato da: desertoblue
il 30/01/2014 alle 14:44
 
E continuo a leggerla e rileggerla...per trovare la forza...
Inviato da: margherita
il 30/01/2014 alle 01:38
 
proteggi il tuo cuore e proteggerai anche me.....
Inviato da: desertoblue
il 29/01/2014 alle 20:57
 
GRAZIE WALTER...TI HO SEMPRE NEL CUORE...
Inviato da: margherita
il 29/01/2014 alle 00:06
 
...già....
Inviato da: desertoblue
il 28/01/2014 alle 21:19
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30