Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

merizeta21ossimoraCherryslsurfinia60QuartoProvvisorioamici.futuroierifrutto.dibosco.iosiamoliberidigirarenatars6AngeloSenzaVelijigendaisukeelima58ParStranoscreamssj84the_nameless
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 317
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« Appunti di lettura 2021Appunti di lettura 2021 »

Appunti di lettura 2021

Post n°2226 pubblicato il 28 Luglio 2021 da ossimora


N.34
Emanuele Trevi
Due vite
Neri Pozza 
Premio Strega 2021
Finisco di leggere  ( si legge in un soffio) questo nuovo premio "Strega" 2021, dopo aver letto ed ascoltato una serie di pareri e discussioni , critiche , criticissime o più o meno "dense" che lo hanno preceduto e seguito.
 Tendenzialmente non mi è piaciuto ( e sono già diversi anni che i premi Strega mi sembrano deludenti)
 E' ben lontano dal piacere che può darmi un romanzo che poi romanzo non è ; e non è neppure una biografia , pur raccontando l'esistenza di due scrittori , amici dell'autore ManueleTrevi :  il primo , Rocco Carbone , scrittore calabrese e Pia Pera altra traduttrice / scrittrice (della quale mi sono incuriosita). Più che autobiografie si tratta di una riflessione "amicale" su due persone dell'entourage di Trevi .Pur non avendolo apprezzato particolarmente ed avendo una sorta di stupore per il suo successo allo "Strega" man mano che procedevo nella lettura mi sono segnata qualche" lampo"...

"L'origine della vita di Courbet con la sua cinquantina di cm per lato può sembrare addirittura minuscolo ; un effetto simile a quello del Cristo morto di Mantegna a Brera ...un altro capolavoro nel quale il sacro esplode dalle dimensioni ridotte.

Io non credo , non ammetterò mai che un dolore o una malattia servano a qualcosa , è solo una consolazione moralistica e comunque rinuncerei volentieri a questi famosi "frutti della sofferenza ".Non siamo nati per divertirsi ma per resistere sappi , ma per resistere , rubare un pò di piacere ad un mondo che non è fatto per noi.

Perchè viviamo due vite entrambe destinate a finire , la prima è la vita fisica , fatta di sangue e respiro , la seconda è quella che si svolge nella mente di chi ci ha voluto bene .E quando anche l'ultima persona che ci ha conosciuto da vicino muore , ebbene allora davvero noi ci dissolviamo , evaporiamo e inizia la grande ed interminabile festa del nulla dove gli aculei della mancanza non possono più pungere nessuno 

...Semmai la capacità più auspicabile è quella di arrendersi a se stessi perchè una parte consistente del dolore che si prova dipende dalla volontà di rimediare all'irrimediabile e dunque di avvelenare quello che è con quello che potrebbe essere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ossimora/trackback.php?msg=15574192

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
jigendaisuke
jigendaisuke il 28/07/21 alle 20:53 via WEB
Wow! Appena premiato e già l'hai letto!
(Rispondi)
ossimora
ossimora il 01/08/21 alle 10:13 via WEB
si , ne avevo sentito parlare nei gruppi di lettura ; c'era chi lo schifava proprio e non comprendeva il perchè del premio e chi lo adorava...a dirti la verità neanche io ho ben compreso il perchè di un premio così importante ad ...un piccolo libro!
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.