Creato da ossimora il 20/10/2004
Juliet Berto: "Bisogna tenere a mente il colore della propria ferita per farlo risplendere al sole"

vignetta del giorno

 

Area personale

 

antonia nella notte

 

blog in inglese

immagine

IL MIO BLOG

IN INGLESE

(più o meno...)

 

Tag

 

Ultime visite al Blog

amici.futuroieriQuartoProvvisorioCherryslgianor1jigendaisukeossimoraFajrje_est_un_autresurfinia60lascrivanaPerturbabileStratocoversmariomancino.mdeborahconlahdiamante961
 

Ultimi commenti

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 317
 

ICONE

 

 

 

 

 

          

          

 

 

 

 

 
 
     Blog counter

    Registra il tuo sito nei motori di ricerca

     Blog Directory

Migliori Siti

 

 

 

     Libertarian Political Blogs Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

 

« Appunti di lettura 2021Appunti di lettura 2021 »

Appunti di lettura 2021

Post n°2197 pubblicato il 12 Gennaio 2021 da ossimora

Come un respiro

N.5
Ferzan Ozpetek
Come un respiro
Mondadori
Roma , quartiere Testaccio,a casa di Sergio e Giovanna è una normale domenica che si consuma fra pranzi della festa con altre due coppie di amici Giulio ed Elena ( medico internista ) ed Annamaria ( incinta perplessa) e Leonardo.
IL cicaleccio fra amici di lunga data , certi sotterranei incroci di storie e di sguardi lasciano intravedere colore , calore , amori ed intrecci , atmosfere dei film più noti di Ozpetek.
La storia è introdotta dalla prima lettere di Elsa  da Istanbul alla sorella Adele ; entrambe abitavano quella stessa casa nel cuore di Roma , cinquanta anni prima ed in quella casa si era consumata la passione di entrambe per Vittorio e la sua tragica fine  .
Da quella casa era partita la fuga di Elsa verso Istanbul  e quella di Adele verso una nuova vita ed una rimozione silente dell'accaduto.
Elsa torna a Roma per ritrovare la sorella e si presenta agli amici spaesati raccontando chi è e perchè ha suonato a quella casa. 
La sua vita si interrompe tragicamente  davanti ai loro occhi e la loro storia viene poi raccontata puntigliosamente da Adele che corre a cercare di ritrovare la sorella ...ma la perde definitivamente . 
In realtà c'è  nel romanzo tutta una serie epistolare di Elsa da Istanbul dove racconta la sua vita parallela fra amori , affari , incontri. Qualche gradevole scorcio di Istanbul e del suo fascino.
Gli amici sono appena abbozzati e fanno da ascoltatori /spettatori...
Un altro romanzo chewing gum che si consuma in un batter d'occhio.
Ci sono tutti i temi cari ad Ozpetek , il Bosforo, l'hammam , l'amicizia di gruppo, la convivialità , la passione la tragedia , il caso , manca la musica...
Un pò piatto, fin troppo semplice  e prevedibile la trama.

"Quello in cui ho scelto di vivere è un microcosmo che è allo stesso tempo un non luogo e tutti i luoghi del mondo , un crocevia di storie , destini casualità.Credo di essere diventata anche più paziente e tollerante .Contrattempi che un tempo non avrei sopportato ora mi scivolano addosso."

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: