Un blog creato da paghe_contributi il 19/06/2007

Paghe e contabilità

Scienze naturali ed economiche

 
 
 
 
 
 

I LIBRI DI WALTER CAPUTO

LA PIZZA AL MICROSCOPIO (con Luigina Pugno) - 1° edizione 2016 (rassegna stampa)

L'ANALISI PER FLUSSI E IL RENDICONTO FINANZIARIO - 2° edizione 2011

CASI SVOLTI DI CONTABILITA' E BILANCIO - 1° edizione 2007

CORSO BASE CONTROLLO DI GESTIONE - 2° edizione 2009

PAGHE E CONTRIBUTI - 6° edizione 2011

CASI SVOLTI DI PAGHE E CONTRIBUTI - 3° edizione 2008

CORSO BASE DI CONTABILITA' E BILANCIO - 6° edizione 2011

T.F.R. 2007 - COSA CAMBIA E COSA FARE - 1° edizione 2007

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« LABORATORIO DI MUSICA E ...GESTIRE LA TENSIONE di C... »

DEFINIZIONE DI RISK MANAGEMENT di Mauro Del Pup

Post n°295 pubblicato il 01 Ottobre 2009 da supergigia2000

Estote parati, dunque, potrebbe essere questo il motto del mio blog che verterà sui temi del Risk Management ossia, la gestione del rischio. Lo scopo è quello di far conoscere questa professione, quella del risk manager, ancora poco diffusa e direi troppo spesso confusa almeno qui in Italia.

E’ bene adottare da subito una definizione univoca di ciò che significa Risk Management, uno standard insomma, come amano gli amici ingegneri . E allora cosa c’è di meglio se non affidarsi ai documenti prodotti da FERMA – Federation of European Risk Management Associations - che, assieme alle altre associazioni dei risk manager europei, ha prodotto il seguente documento denominato Standard di Risk Management. Una lettura valida sia per chi è già risk manager, sia per chi svolge anche un’altra attività, ma vuole approcciare a questi termini in maniera chiara e semplice.

Risk Management significa letteralmente “Gestione del Rischio” dove per rischio s’intende la probabilità di accadimento di tutti quegli eventi che possono comportare perdite o danni per l’azienda e le persone coinvolte (es. danni alle strutture, danni alle persone fisiche, danni economici o di immagine). E’ fondato su una metodologia logica e sistematica che consente, attraverso step successivi, di identificare, analizzare, valutare, eliminare e monitorare i rischi associati a qualsiasi attività, in modo da rendere l’organizzazione capace di minimizzare le perdite e massimizzare le opportunità.

Il primo passo fondamentale per il risk manager (che non deve essere considerato un esperto di questa o quella area aziendale, bensì un coordinatore delle diverse funzioni aziendali nell’ottica di ottimizzare la gestione del rischio), è quello conoscere in modo preventivo i rischi (quali sono gli eventi potenzialmente dannosi, con quale frequenza si possono manifestare e quale impatto possono avere). Senza la conoscenza del rischio non c’è possibilità di preparare o di adottare azioni correttive e preventive migliorative. Ma avremo modo di parlarne.

Un ultimo dato. All’inizio del 2003 l’UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) ha effettuato un’indagine tra le imprese italiane per valutare il grado di interesse, conoscenza e applicazione del Risk Management. Dall’indagine è emerso che in generale la conoscenza teorica e pratica del RM è ancora abbastanza limitata e troppo spesso assimilata al concetto di “sicurezza sul lavoro”. Inoltre solo un terzo circa delle aziende intervistate svolge effettivamente attività di RM consistente per lo più in una gestione del programma assicurativo (altro tema, quello delle assicurazioni, di cui parlerò diffusamente in questo blog, con l’ottica di chi sta dall’altra parte del mercato assicurativo). Di conseguenza i rischi riconosciuti sono quasi esclusivamente quelli assicurabili e l’obiettivo primario è quello di risparmiare il più possibile sulle polizze, il cui costo è concepito come un’uscita infruttifera dalle casse dell’azienda, senza essere minimamente confrontata con le perdite potenziali che potrebbe generare il manifestarsi dell’evento negativo. Spero, allora, di potervi appassionare a questa materia che è trasversale alle varie attività che si svolgono in azienda e quindi potervi fornire spunti di riflessioni e punti di osservazione originali, che magari potranno essere utili anche nella vostra professione. A presto allora.

tratto da: http://maurodelpup.postilla.it/2009/10/01/estote-parati/

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

massimo.dinicstudio.arsasraffaele_racioppipaghe_contributicdlgrossoc2006afamilaneseangelperryMagica.SoaveCHARLOTTE.DEGRENETbebtradincompanyJoker_Jolly2012profborrellipavimjetsrlgloze66
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

L'AUTORE DEL BLOG: CHI E' WALTER CAPUTO ?

Ha un diploma universitario in Amministrazione Aziendale, con specializzazione in Finanza. E’ laureato in Economia e Commercio e in Scienze Statistiche. Insegna sia materie matematico - fisico – statistiche che economico - giuridico - fiscali. Su questi temi: contabilità, controllo di gestione, paghe e contributi, matematica, divulgazione scientifica ha scritto decine di libri. Inoltre ha pubblicato più di 270 articoli di divulgazione scientifica. Da giugno 2016 è coautore del blog Cibo al microscopio. Da novembre 2012 è cofondatore di Risparmiare Fare Guadagnare. Da novembre 2008 è science writer per Gravità Zero, corporate blog di divulgazione scientifica. Da giugno 2007 è autore di un Blog di Scienze naturali ed economiche.

I suoi articoli si leggono qui.

Il suo profilo Linkedin, Facebook, Twitter, Google+

Qualcosa di divertente sull'autore di qusto blog.