Creato da betulla64 il 22/12/2005
Il coraggio non mi manca. E' la paura che mi frega. (Antonio Albanese)

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Oroscopo

immagineVergine (23 agosto - 22 settembre)


"La mia ferita emotiva più profonda è stata anche una fonte inesauribile di gioie". Non ti rivelerò perché questa frase è molto importante per me: è una questione troppo personale. Ma tu, Vergine, potresti fare un'affermazione simile? Potresti interpretare la tua vita in modo da vedere un'esperienza dolorosa come una fonte di intuizione, ispirazione e vitalità? Il 2009 sarà l'anno ideale per compiere questo cambio di percezione. E il periodo intorno al solstizio d'inverno è il momento perfetto per cominciare. (Rob Brezsny)

 
 

Blo(g)cco Note

Sulla via che mi porta al lavoro c'è una casa abbandonata che, mi hanno detto da qualche giorno, è abitata dai fantasmi.
Non lo sapevo. Ma appena me l'hanno detto ho pensato: la compro io.
 

ARCHIVIO DEI POST

  '06 '07 '08 '09
gen x x x x
feb x x x -
mar x x x -
apr x x x -
mag x x x -
giu x x x -
lug x x x -
ago x x x -
set x x x -
ott x x x -
nov x x x -
dic x x x -
 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Ultime visite al Blog

mariomancino.mbetulla64mdfacsdiscoinferno86mipiace1956annabaralisnicolabillaScottDouglasforestales1958cosimo.nettunomiracolo.iounlumedaunnumebagninosalinaronutellottaaatanksgodisfriday
 

Ultimi commenti

 

Sul comodino...



Preghiera della sera
 


 

Parole in musica

"El canto tiene poder,
tiene la fe que alucina,

la voluntad colectiva,
puede ser ola en el mar"

(Josè Seves)


 
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine

immagine
immagine
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Non conto un cazzo
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Messaggio #619Messaggio #621 »

Post N° 620

Post n°620 pubblicato il 17 Dicembre 2008 da betulla64
 




Comincia un sabato sera. Un po' di nevischio e il barometro ad acqua che segnala una bassa pressione da paura. Il meteo prevede una perturbazione particolarmente intensa e tu pensi “ecchesarà mai! In quarant'anni ho visto nevicate che voi umani.....” Poi ti svegli la domenica mattina e la nevicata continua ma mica è la prima volta no? Arrivi a sera con 40 centimetri in cortile e pensi che forse sarebbe meglio mettere le catene all'auto, vai a dormire e ti risvegli nel secolo scorso. Niente luce, niente riscaldamento, niente comunicazioni, solo neve che scende a metri e tu pensi “dai che stasera smette” e spali, spali, spali. Quanto pesa un metro cubo di neve? Quanti metri cubi di neve ho alzato, spostato per rispostarli dopo un'ora perchè non sai più dove, non c'è più spazio.... La notte vai a letto che le braccia non le senti più e invece di dormire ascolti la neve che si assesta sul tetto. Gli scricchiolii sinistri sono i suoi o è il tetto che cede? E nevica, nevica, nevica. Papà. Lo avresti mai detto che sarei salita su un tetto? In questo posto dimenticato da tutti, il Dio delle piccole cose mi ha fatto dimenticare le vertigini e mi ha messa davanti ad una realtà che farebbe tanto incazzare se ce ne fosse il tempo: una casa abitata da due uomini, otto donne  (di cui tre quasi ottantenni) e due bambine. La protezione civile è Bertolaso che sicuramente parla da qualche parte, ma noi senza corrente elettrica ce lo stiamo perdendo. Pensi ai soldati mandati ovunque, basta che un torrentello faccia i capricci, guardi il tuo paese sepolto, guardi i due metri e mezzo di coltre bianca sul tuo tetto e decidi che di casa ne hai una sola e sali e spali, spali, spali fino a che non ci stà più, fino a che non ne puoi più e ti arrendi. Nevica, sei fradicia e vorresti una doccia, ma non hai acqua calda. Non hai più vestiti asciutti e non sai come asciugarli, i capelli gocciolano giù per la schiena e non puoi accendere un phon... Di colpo il rumore del frigo che parte. Alleluia! Accendi la tv per avere notizie sulla strada bloccata, sul treno che non arriva e non parte e scopri che i canali son saltati. Dopo un'ora di ricerca trovi un tg1 che non si vede ma si sente e aspetti che finiscano di parlare di finanziaria, di Fini che parla delle leggi raziali, della chiesa che s'incazza, di Fini che replica, di cinque bombe finte a Parigi e di qualche altra stronzatina in diretta dal 2008 e si fanno le 8 e 20 quando qui, nel profondo '800 arriva la voce di Gianfranco “intrepido” Bianco che dovrebbe fare servizio pubblico e invece intervista una bimbetta che ha saltato la scuola e i suoi nonnini che le prepareranno il bollito misto “per scaldarsi” e ti cascan le braccia. Mangi con quello che hai in frigo e vai a dormire perchè domani, che poi è oggi, tocca risalire sul tetto, tocca riprender la pala e fare quallo che han fatto i tuoi avi per secoli, solo che loro eran sudditi, mentre tu, chissà perchè, ti credevi di esser cittadina.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/palabras/trackback.php?msg=6125315

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
elaj
elaj il 17/12/08 alle 11:18 via WEB
carissima Bet....io abito più in basso. ...la situazione è diversa solo per la neve un pò più bassa...e perchè la pioggia ha preso il posto dei fiocchi da lunedì...MA senza luce....riscaldamento..ecc...ecc....lo sono ancora... 4° gradi segna il termometro in cucina...e da lunedì sera sono accampata a casa dei miei...casa per 2...dilatata improvvisamente per 7...però almeno luce e calduccio ci sono....Ma io voglio casa mia...uffa e...non mi è piaciuto per niente sentirmi dire dalla mia vicina Rumena...che lì saranno anche indietro ma che 4 giorni senza corrente elettrica non sono mai stati... no comment.... speruma 'n bin...
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 19/12/08 alle 10:27 via WEB
Sperando che la corrente ti sia tornata.... qui sempre strada bloccata e comincia davvero a farsi pesante. Alla tua vicina rumena chiedi se dalle parti sue sono mai scesi 2 metri e mezzo di neve (calcolati per difetto) poco più di due giorni e magari se vuoi, falle leggere questo :) Buon natale a te e alla tribù... bet
(Rispondi)
quotidiana_mente
quotidiana_mente il 17/12/08 alle 12:33 via WEB
Ho sentito che mancava la l'elettricità dalle tue parti a... la 7? Potrebbe essere, visto che è l'unico TG che guardo (Blob a parte), o forse alla radio. Lo so, certe parti sembrano dimenticate dagli Dei dell'informazione. Oggi ho smesso le galosce ma sono pronta ad indossarle nuovamente per venirti a dare una mano. Tranquilla, non verrei da te in bici.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 19/12/08 alle 10:30 via WEB
L'elettricità è tornata (almeno a casa mia... in altre parti del paese no), il problema è che siamo isolati, quindi, bici o non bici, galosce o non galosce, non ti farebbero passare... sigh! :)
(Rispondi)
whosthere
whosthere il 18/12/08 alle 19:15 via WEB
mi viene freddo solo a guardar le foto.... bacio
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 19/12/08 alle 10:30 via WEB
Spalando non si sente molto il freddo :D
(Rispondi)
hesse_f
hesse_f il 23/12/08 alle 17:31 via WEB
ieri sera avevo scritto un commento...di quelli che riescono "così bene" solo una volta nella vita. Ora scopro che non c'è nulla...uffff. Non ti davo però soluzioni o escamotages di rilievo. Mi uniformavo alla tua fatica...e come dice Whos, sentivo freddo solo a guardare...I tuoi auguri non solo sono stati apprezzati, ma faranno morire d'invidia il mondo dei blogger...Grazie quindi...LA VERA a.b. (il clone quindi chi é????!!!)buone feste bet...
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

Radiobet


 

È tempo di...



* * *

  
* * *

immagine
* * *


 

Parole al vento...

 "Laudato sie, mi signore,
cun tucte le tue creature..."


immagine


"El bosque precede al ombre
pero le sigue el desierto"
 

"Grande importante malattia quella di Basedow!... tutti gli organismi si distribuiscono su una linea, ad un capo della quale sta la malattia di Basedow che implica il generosissimo, folle consumo della forza vitale, il battito di un cuore stremato, e all'altro stanno gli organismi immiseriti per avarizia organica..."

da "La coscienza di Zeno"