Creato da: donulissefrascali il 29/10/2005
Rinnovamento Sociale per la partecipazione di tutti ai diritti umani.

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

mariano6KillerEisonarialdoeric65vla.cozzatoniscolellabrunom3piamavellilaviniascsttecnicocalvipino.dibenedettopantaleoefrancamt1967_1967ciarlie7351caligola_99
 

Sognando Itaca-1

 

Sognando Itaca-2

 

Sognando Itaca-3

 
Citazioni nei Blog Amici: 51
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

Tag

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

links

 

 

 
« STATO SOCIALE E ASSIS...LA LEGGE NELL'ATTIVIT... »

CRISTIANESIMO E POTERE

Post n°281 pubblicato il 17 Agosto 2009 da donulissefrascali

CRISTIANESIMO  E  POTERE 

Per definire le ripercussioni,i comportamenti tra il potere e una realtà religiosa, come potrebbe verificarsi con il Cristianesimo o altra religione, è essenziale definire cosa si intenda per potere,e cosa realmente rappresenta. Nel suo significato generale "Potere" indica il compito, la capacità di operare e di produrre effetti e può essere riferita sia ad individui che a gruppi di organizzazioni sociali. Inteso poi in senso prettamente sociale, in rapporto alla vita dell'uomo  nella società, il potere diviene un compito e una capacità dell'uomo,inserito come dirigente nell'organizzazione di una struttura pubblica, per determinare la condotta dei suoi simili. L'uomo non è solo il soggetto, ma anche l'oggetto del potere, perchè il potere deve avere una funzione sociale. E' potere sociale il compito del padre di impartire ordini ai figli: di un governo di impartire comandi ai cittadini, mentre non è una funzione dell'uomo di potere il controllare gli ordini e il gestire in senso dittatoriale i suoi compiti. Da quanto premesso ,deve determinarsi la natura di un rapporto tra Cristianesimo e potere, che deve essere assolutamente rispettoso della dignità di ambedue.          

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/partecipare/trackback.php?msg=7533151

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
dragonshare
dragonshare il 19/08/09 alle 22:53 via WEB
il tutto ruota nella domanda...ma io come individuo a chi devo endere conto?Questa domanda implica le nostre scelte e i nostri comportamenti
(Rispondi)
 
 
donulissefrascali
donulissefrascali il 20/08/09 alle 17:46 via WEB
Gent.mo Dragonshare,ti chiedi a chi devo rendere conto? Le nostre scelte e i nostri comportamenti sono legati alla nostra volontÓ di dialogo e di confronto con i nostri simili. Il dialogare e il confrontarci Ŕ quello che ci aiuta ad essere veramente noi stessi. Don Ulisse
(Rispondi)
 
 
 
dragonshare
dragonshare il 21/08/09 alle 18:48 via WEB
la mia affermazione era generalizzata a qualsiasi scelta....porto un esempio pratico...per un credente,il fatto di credere di dover rendere conto delle proprie azioni a Dio,lo porta seppur con i suoi limiti e la sua imperfezione a cercare di rispettare le regole....ma per una persona che non crede in nulla pu˛ far scaturire un concetto egoistico e malvagio della vita,che sfocia nella violenza e nell'abuso di potere....quindi il rendere conto a qualcuno delle proprie azioni fa la differenza...
(Rispondi)
 
 
 
 
donulissefrascali
donulissefrascali il 22/08/09 alle 09:53 via WEB
Carissimo Dragonshare,Ŕ bellissimo ed interessantissimo il tuo commento che sfocia nella volontÓ di attuare il dialogo e il confronto con i suoi simili: consiste proprio in questo la differenza, che poi fa superare l'egoismo, la violenza e l'abuso di potere.Don Ulisse
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
MÚtÚo France il 28/06/18 alle 10:02 via WEB (Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.