Blog
Un blog creato da pasquale.zolla il 17/04/2012

pasqualezolla

Il blog di Pasquale Zolla

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

Amare in libertà

Post n°271 pubblicato il 11 Febbraio 2019 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

 

San Valentino: Festa dell’Amore 

La tradizione di San Valentino quale protettore degli innamorati risale all’epoca romana, 496 d.C., quando Papa Gelasio I volle porre fine ai lupercalia, gli antichi riti dedicati al dio della fertilità Luperco.

Il clou della festa si aveva quando le matrone romane si offrivano spontaneamente e per strada alle frustate di un gruppo di giovani nudi, devoti al selvatico fauno Luperco. Ad alleviare il loro dolore era lo spettacolo dei corpi di quei baldi giovani, che si facevano strada completamente nudi.

Per battezzare la festa dell’amore Papa Gelasio I decise di spostarla al giorno precedente, dedicato a San Valentino, facendolo diventare il protettore degli innamorati.


Agurje a ki sape amà

 

Nd’u jurne d’a fèste d’a ‘mmòre vògghje

 

i ‘gurje fà a ki kapace éje

 

d’amà ògnè jurne, è mamme, è papà,

 

è papanònne. Agurje è fèmmene

 

ka nze sparagnene maje è ka sònne

 

‘sèmbje d’alluvére ammòre nd’u se sapè

 

sagrefekà kume a nesciune avete

 

ò’ munne sape fà. Agurje a l’ummene

 

k’è kumbagne lóre arrespettèjene,

 

i mugghjére lóre è i spòse lóre.

 

Agurje a ki p’alluvére se ame,

 

sènze aspettà ‘na jurnate fessate

 

d’ò kalannarje pe nu vase se skagnà

 

ò ‘na supprése peccenènne. Agurje

 

a tuttekuande kuille ka sanne vulè

 

bbéne, pe trècindesessandacinghe jurne,

 

è, sòpattutte, a ki ‘a ‘mmòre éje

 

kapace d’u sapè nd’u timbe addemustrà,

 

sènze u dà maje pe skundate.

 

Bbune Sanvalendine a tutte vuje!

 

 

 

 

 

Auguri a chi sa amare

 

Nel giorno della festa dell’amore voglio

 

fare gli auguri a chi è capace

 

di amare goni giorno,alle mamme, ai papà,

 

ai nonni. Auguri alle donne

 

che non si risparmiano mai e che sono

 

esempio di vero amore nel sapersi

 

sacrificare come nessun altro

 

al mondo sa fare. Auguri agli uomini

 

che rispettano le loro compagne,

 

le loro mogli e le loro fidanzate.

 

Auguri a chi si ama per davvero,

 

senza attendere una data

 

del calendario per scambiarsi un bacio

 

o una piccola sorpresa. Auguri

 

a tutti coloro che sanno voler

 

bene, per tutto l’anno,

 

e, soprattutto, a chi l’amore è

 

capace di saperlo in tempo dimostrare,

 

senza darlo mai per scontato.

 

Buon San Valentino a tutti voi!

 
 
 

La Madonna di Lourdes

Post n°270 pubblicato il 08 Febbraio 2019 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

 

La Vergine Maria apparve a Bernardette Subirous nella grotta di Massabielle, tra i Pirenei, per ben 18 volte.

Le parlò nel dialetto locale e le indicò il punto in cui scavare con le mani per trovare quella che si rivelerà una sorgente d’acqua, al contatto della quale sarebbero scaturiti molti miracoli.

Tutto ebbe inizio l’11 febbraio 1858, quando Bernardette si recò a raccogliere legna secca nel greto del fiume Gave, insieme ad una sorella e un’amica.

Un rumore che proveniva dal cespuglio che si trovava nella grotta attirò la fanciulla alla quale apparve la Vergine presentandosi come Immacolata Concezione, che papa Pio IX l8 dicembre 1854 confermò e promulgò come dogma del concepimento immacolato di Maria.

L’11 febbraio, per volontà di Papa Giovanni Paolo II, si celebra anche la giornata mondiale del malato.


Arrape sóp’a mè u kòre tuje

Ò Vèrgene Marìje, ka degnate

te sì de te fà vedè da na krjature

skunusciute, nu peregrine faje

de mè ka sóp’a sta tèrre kambe

dind’a umertà è nd’a semblecetà

de figghje de Dìje è anzingheme

a dì grazjune pe tutte l’ummene.

Purte ‘a speranze è arredune

‘a feduce nd’i cigghje è nd’u skurde

d’u kambà mìje è nd’i devesjune

d’u munne a ndò u male fòrte éje.

Uarde k’ammòre de mamme i mesèrje

d’u kurje mìje è d’u kòre mìje

è akkurdeme de penetènze fà

d’i sbagghje mìje passate affenghè

u kòre tuje arrumane sóp’a mè

arrapirte verzanneme grazje pekkè

pòzza kambà akkuabbasce d’a’mmòre

tuje devine ka me rennarà digne

d’a mbenite kròne ka kunnuce

è surgime d’u alluvére kambà!

 

Apri su di me il tuo cuore

O Vergine Maria, che degnata

ti sei di manifestarti ad una fanciulla

sconosciuta, fai un pellegrino

di me che vivo su questa terra

nell’umiltà e nella semplicità

di figlio di Dio e insegnami

a pregare per l’intera umanità.

Porta la speranza e ridona

la fiducia nelle ferite e nell’oscurità

della mia vita e nelle divisioni

del mondo dove il male è potente.

Guarda con amore di madre le miserie

del mio corpo e del mio cuore

e accordami di fare penitenza

dei miei errori passati affinché

il tuo cuore resti su di me

aperto versandomi grazie perché

possa vivere quaggiù dell’amore

tuo divino che mi renderà degno

dell’eterna corona che conduce

alle sorgenti della vera vita!

 


 


 

 
 
 

La candelora

Post n°269 pubblicato il 01 Febbraio 2019 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

 

Passagio tra massimo buio e freddo e quello di risveglio della luce

La festa della candelora cade il 2 febbraio ed è una ricorrenza che segna un po’ il passaggio tra l’inverno e la primavera.

Da febbraio in avanti, infatti, le giornate iniziano ad allungarsi e si va pian piano verso la stagione più calda: la bella stagione!

Anticamente questa festa veniva celebrata il 14 febbraio (40 giorni dopo l’Epifania e la denominazione di Candelora deriva dalla somiglianza del rito del lucernario, di cui parla Egeria nella sua Peregrinatio Aetheriae (24,4): “Si accendono tutte le lampade e i ceri, facendo così una luce grandissima!”

Papa Gelasio I (492/496), durante il suo episcopato, ottenne dal Senato l’abolizione dei pagani Lupercali, che furono sostituiti dalla festa cristiana della Candelora.

Nel VI secolo la ricorrenza fu anticipata da Giustiniano al 2 febbraio, data in cui si festeggia ancora oggi.

A chi ama il vernacolo di Lucera (Fg), oltre alla poesia di seguito, voglio far conoscere detti e proverbi della mia Città, tratti dal mio dizionario: Parle kume t’ha fatte mammete, che evidenziano con altre espressioni ciò che era previsto per i giorni della merla di fine gennaio.

P’a sanda kannelóre ò nèveke ò chjòve d’u virne seme fóre, ma k’u sóle ò tira vinde d’u virne sime dinde. = Per la candelora con la neve o con la pioggia dell’inverno siamo fuori, ma con il sole o con il vento dell’inverno siamo dentro.// A’ kannelóre ‘a vernate éje fóre! Se vóte ‘a vècchje arraggiate: - Nenn’éje fóre ‘a vernate si nen spunde ‘a vukake; si vuje èsse chjù sekure, kuanne kalene i meteture. = Alla candelora l’inverno è fuori! Dice la vecchia arrabbiata: - Non è fuori l’inverno se non fiorisce il rovo; se vuoi essere più sicuro, quando arrivano i mietitori.// A’ kannelóre ògnè galline face l’óve. = Alla candelora ogni gallina fa l’uovo.(Per la candelora riprende la vita anche nel pollaio).


‘A Kannelóre

‘Na kannéle s’appicce, ‘n’avete,

‘n’avete angòre è ttuttekuande

i vambecèlle lòre arresblènnene

è zumbettjèjene mbacc’è krjature,

è vecchjarille, è fèmmen’è l’ummene

è allustrekèjene ‘a chjìse de ‘na lustre

kavete, prufumate de cére è nginze,

ka, pure si n‘nn’éje angòre premavére,

‘na dòce prumèsse de timbe bbèlle

te dace. Kannelóre, Kannelóre:

pigghje a kavece u virne k’u fridde

suje è k’u jéle suje è kk’a lustre

kavete tuje arresciuscetìje

frònne, frutte è fjure k’i lòre

kelure bbèllassaje è appure l’alme

d’i ummene de bbòne è kkative vulundà!

La candelora

Si accende una candela, un’altra,

un’altra ancora e tutte

le loro fiammelle brillano

e saltellano sui volti dei bimbi,

dei vecchietti, delle donne e degli uomini

e illuminano la chiesa di una luce

calda, odorosa di cera e incenso,

che, anche se non è ancora primavera,

una dolce promessa di bel tempo

ti dona. Candelora, Candelora:

scaccia l’inverno col freddo

suo e col suo gelo e con la luce

tua calda risveglia

foglie, frutti e fiori con i loro

bellissimi colori e anche l’animo

degli uomini di buona e cattiva volontà!


 


 

 
 
 

I giorni della merla

Post n°268 pubblicato il 28 Gennaio 2019 da pasquale.zolla
Foto di pasquale.zolla

 

In giorni della merla

Sono, secondo tradizione, gli ultimi tre giorni di gennaio e, sempre secondo la leggenda, sarebbero i tre giorni più freddi dell’anno.

Si narra che una merla dal bellissimo piumaggio bianco, era sempre strapazzata da gennaio, mese freddo e scuro, che non aspettava altro che lei uscisse dal nido in cerca di cibo, per scatenare freddo e gelo.

Stufa delle continue persecuzioni, un anno la merla fece provviste che bastassero per un mese intero e poi si rinchiuse nel suo nido. Rimase lì, al riparo, per tutto il mese di gennaio, che all’epoca durava ventotto giorni.

All’ultimo giorno del mese la merla, credendo di aver ingannato il perfido gennaio, sgusciò fuori dal nido e si mise a cantare per prenderlo in giro.

Gennaio, furioso, se ne risentì e chiese tre giorni in prestito a febbraio. Avutoli, scatenò bufere di neve, vento, gelo e pioggia.

La merla si nascose allora in un camino e vi restò ben nascosta aspettando che la bufera passasse.

Trascorsi i tre giorni e finita la bufera, la merla uscì dal camino, ma a causa della fuliggine il suo bel piumaggio candido si era tutto annerito.

E da quel giorno non solo tutti i merli nascono di colore scuro, ma è nato anche il detto:”Se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà mite; se invece sono caldi, la primavera arriverà in ritardo.

In questa leggenda l’unica verità è che nel calendario romano il mese di gennaio durava solo ventinove giorni.


I jurne chjù fridde

I jurne chjù fridde ognè anne

sònne l’uteme trè de jennare

è kkuiste avvenute éje pekkè

‘na mèrle l’éve ngire pegghjate

è ghisse, k’avéve vindòtte jurne,

a frebbare mbriste addummannaje

trè jurne è kkuille akkunzennìje.

Jennare tanne se skatenaje

ke trumminde de néve, vinde, jéle

è akkue è ‘a mèrle se nzerraje

dind’a ‘na cemmenére, ma kuanne

ascìje, stéve sì bbòne nzalute,

ma u bbèlle suje chjumagge s’ére

ngregiute p’a felinje d’a cemmenére.

Da tanne frebbare aspètte angòre

ka jennare i redarrìje i jurne

suje pekkè nen vóle ghèsse u mése

chjù kurte è Ddìje, da Patre bbune,

p’u akkundandà, ògnè kuatte anne

nu jurne de chjù i have dunate

è dde vindinòve u face addevendà!

 

I giorni più freddi

I giorni più freddi dell’anno

sono gli ultimi tre di gennaio

e ciò è avvenuto perché

una merla l’aveva deriso

e lui, che aveva ventotto giorni,

a febbraio chiese in prestito

tre giorni e quegli acconsentì.

Gennaio allora si scatenò

con bufere di neve, vento, gelo

e pioggia e la merla si rifugiò

in un camino, ma quando

uscì, era sì salva,

ma il suo bel piumaggio si era

ingrigito per la fuliggine del camino.

Da allora febbraio aspetta ancora

che gennaio gli ridia i giorni

suoi perché non vuole essere il mese

più corto e Dio, da buon Padre,

per accontentarlo, ogni quattro anni

un giorno in più gli ha dato

e di ventinove  lo fa diventare!

 



 

 
 
 

Per non dimenticare

Post n°267 pubblicato il 22 Gennaio 2019 da pasquale.zolla

 

Il razzismo hitleriano

 

Il giorno della memoria è una riorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno per ricordare lo sterminio di milioni di ebrei ad opera dei nazisti, un fenomeno reale e documentato, che avvenne nel cuore dell’Europa in tempi non tanto lontani.

Hitler aveva convinto i tedeschi del fatto che la prima guerra mondiale era stata persa per colpa del tradimento e del’intrigo dei politici, dei comunisti e, soprattutto, degli ebrei, che erano colpevoli di aver inquinato la razza tedesca, destinata ad assumere un ruolo di comando nel mondo intero.

Hitler odiava talmente gli ebrei da considerarli una razza inferiore rispetto alla razza ariana a cui appartenevano i tedeschi, portatori di malattie e morte, incarnavano il male sotto ogni punto di vista ed erano coloro che aveva crocefisso Gesù.

L’inizio della seconda guerra mondiale, con l’invasione della Polonia, segnò un deciso cambiamento di rotta nelle politiche dei nazisti a danno degli ebrei cominciando a confinarli in ghetti che, nel 1942, i gerarchi delle SS  adoperarono per mettere in pratica ciò che avevano definito la “soluzione finale: il loro sterminio.


U jenucidje d’i ‘bbréje

 

U jenucidje d’i ‘bbréje ‘na paggene

 

éje d’u libre de tuttuande i gènde

 

da kuje ne nz’avarrìje maje luà

 

u sèngalibre d’a mammòrje. Fuje

 

nu fatte maje prime viste pekkè

 

maje decise éve state ‘n’accedetòrje

 

a tavuline de tanda krestjane.

 

L’azjune da vèstje feruce fujene,

 

ma ki i facìje kuase nurmale éve,

 

né demunijeke è nnè mustruse.

 

I krestjane mbregiunate, dind’a kambe

 

da file spenate cerkunnate, nume

 

ne ndenèvene. ‘A lóre dindirindà

 

éve kuèlle d’u nnummere sckaffate

 

nd’a karne d’u vrazze mangine. Èppure

 

gnune de lóre kakkèvune éve state

 

kuanne libbere kambave nd’i pajìse

 

a ndò èvene nate. Alladdinde, mméce,

 

trattate venèvene kume si maje

 

ò munne fussere ‘sestute. Èvene

 

ninde avete ka karne da macèlle.

 

‘A vòce de kuèlla gènde, d’i figghje lóre,

 

adda servì a nen skurdà, a n’naccettà

 

ke ndeffrènze è rassegnazjòne i ‘ccidje

 

k’angòre ògge succiudèjene, Bbesugna

 

avezà kuillu tabbane de ndeffrènze

 

k’akkemògghje u delóre d’i martere.

 

Necessarje éje ka ògge i giuvene

 

sanne, kapiscene è kumbrènnene

 

ka tuttekuille ka stòrje éje state,

 

‘a stòrje d’i jurne nustre éje

 

ka nda tanda pajìse repetènne se stà.

 

 

 

 

 

 

 

L’olocausto degli ebrei

 

L’olocausto degli ebrei una pagina

 

è del libro dell’umanità

 

da cui non si dovrebbe mai togliere

 

il segnalibro della memoria. Fu

 

un evento senza precedenti perché

 

mai era stato deciso lo sterminio

 

a tavolino di tanta gente.

 

Le azioni furono mostruose,

 

ma chi le fece  era pressoché normale,

 

né diabolico e né mostruoso.

 

Le persone imprigionate, in campi

 

circondati da filo spinato, nomi

 

non avevano. La loro identità

 

era quella del numero impresso

 

sulla carne del braccio sinistro. Eppure

 

ognuno di loro era stato qualcuno

 

quando liberi vivevano nei paesi

 

dove erano nati. Lì, invece,

 

erano trattati come se mai

 

fossero esistiti. Erano

 

niente altro che carne da macello.

 

La voce di quella gente, dei loro figli,

 

deve servire a non scordare, non accettare

 

con indifferenza e rassegnazione le stragi

 

che accadono ancora oggi. Bisogna

 

alzare quel manto di indifferenza

 

che copre il dolore dei martiri.

 

È necessario che oggi i giovani

 

sappiano, capiscano e comprendano

 

che tutto ciò che è stato storia,

 

è la storia dei nostri giorni

 

che in molti paesi si sta ripetendo.

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pasquale.zollaletizia_arcuriiside505carina608montanaro.linoSEMPLICE.E.DOLCEles_mots_de_sablemoon_ImauriziocamagnasrTBnodopurpureopuntoeacapodgl2impelgioMadameNoire
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom