Creato da cosavuoichesia07 il 31/08/2007

Paura di me...

“L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.” – Italo Calvino

 

« Messaggio #90Merry Xmas 4 U »

Le nostre catene...

Post n°91 pubblicato il 06 Dicembre 2008 da cosavuoichesia07

Ho trovato questo testo su internet e ho voluto postarlo... 

"L’elefante incatenato 

Quando ero piccolo adoravo il circo, ero attirato in particolar modo dall’elefante che, come scoprii più tardi, era l'animale preferito di tanti altri bambini. Durante lo spettacolo faceva sfoggio di un peso, una dimensione e una forza davvero fuori dal comune ma dopo il suo numero,e fino ad un momento prima di entrare in scena, l'elefante era sempre legato ad un paletto conficcato nel suolo, con una catena che gli imprigionava una delle zampe eppure il paletto era un minuscolo pezzo di legno piantato nel terreno soltanto per pochi centimetri e anche se la catena era grossa mi pareva ovvio che un animale del genere potesse liberarsi facilmente da quel paletto e fuggire. Che cosa lo teneva legato? Chiesi in giro a tutte le persone che incontravo di risolvere il mistero dell'elefante qualcuno mi disse che l'elefante non scappava perchè era ammaestrato allora porsi la domanda ovvia:"se è ammaestrato perchè lo incatenano?" Non ricordo di aver ricevuto nessuna risposta coerente. Con il passare del tempo dimenticai il mistero dell'elefante e del paletto. Per mia fortuna qualche anno fa ho scoperto che qualcuno era stato saggio da trovare la risposta: l'elefante del circo non scappa perchè è stato legato a un paletto simile fin da quando era molto, molto piccolo. Chiusi gli occhi e immaginai l'elefantino indifeso appena nato, legato ad un paletto che provava a spingere, tirare e sudava nel tentativo di liberarsi, ma nonostante gli sforzi non ci riusciva perchè quel paletto era troppo saldo per lui, così dopo vari tentativi un giorno si rassegnò alla propria impotenza. L'elefante enorme e possente che vediamo al circo non scappa perchè crede di non poterlo fare: sulla sua pelle è impresso il ricordo dell'impotenza sperimentata e non è mai più ritornato a provare..... non mai più messo alla prova di nuovo la sua forza.......mai più! (tratto da "Lascia che ti racconti" di JORGE BUCAY)

Quante volte anche noi ci siamo comportati come l'elefante, incatenati ad un paletto, incapaci di fare alcune cose che pure saremo in grado di fare, solo perchè in passato ci abbiamo provato e non ci siamo riusciti, imprimendo così nella nostra mente e nel nostro corpo l'immagine e la frustrazione di non essere in grado...di averci provato e di non esserci riusciti, convincendoci che non siamo capacità, che non abbaimo possibilità.
Viviamo allora, come l'elefante, con la convinzione che se non ci siamo riusciti una volta e abbiamo fallito allora, dobbiamo continuare a fallire e quindi nemmeno proviamo più a mettere in atto dei cambiamenti e a spostarci da quella condizione, incapaci di vedere invece le enormi potenzialità che abbiamo, abbiamo di noi un'immagine distorta, che ci incatena. Per questo il mio motto è diventato "Spezza le catene che imprigionano il tuo pensiero e anche il tuo corpo sarà libero..." PdM

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/pauradime/trackback.php?msg=6048520

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
cagio81
cagio81 il 08/12/08 alle 04:05 via WEB
L'albatro Per dilettarsi, sovente, le ciurme catturano degli àlbatri, marini grandi uccelli, che seguono, indolenti compagni di viaggio, il bastimento che scivolando va su amari abissi. E li hanno appena sulla tolda posti che questi re dell'azzurro abbandonano, netti e vergognosi, ai loro fianchi miseramente, come remi, inerti le candide e grandi ali. Com'è goffo e imbelle questo alato viaggiatore! Lui, poco fa sì bello, com'è brutto e comico! Qualcuno con la pipa il becco qui gli stuzzica; là un altro l'infermo che volava, zoppicando deride. Come il principe dei nembi è il Poeta; che, avvezzo alla tempesta, si ride dell'arciere: ma esiliato sulla terra, fra scherni, camminare non può per le sue ali di gigante.
 
maresogno67
maresogno67 il 09/12/08 alle 21:55 via WEB
non ho certezze ne nel riuscire, ne nel fallire, ho lo sguardo che si perde forse troppo nelle sfumature ed il piacere per le piccole cose, penso che si potrebbe partire da qui, non credi??
 
 
cosavuoichesia07
cosavuoichesia07 il 14/12/08 alle 14:30 via WEB
Ognuno di noi sceglie da cosa partire alla ricerca di ciò che sta cercando...un abbraccio
 
maresogno67
maresogno67 il 18/12/08 alle 18:19 via WEB
ciao,ms
 
ametista.v
ametista.v il 22/12/08 alle 21:47 via WEB
Buon Natale...e che sia un Natale sereno e pino di gioia...con affetto, Ame!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

SALLY...

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

UNA POESIA ANCHE PER TE

"Osservate con quanta previdenza la natura, madre del genere umano, ebbe cura di spargere ovunque un pizzico di follia. Infuse nell’uomo più passione che ragione perché fosse tutto meno triste, difficile, brutto, insipido, fastidioso. Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza, la vecchiaia neppure ci sarebbe. Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati godrebbero felici di un’eterna giovinezza. La vita umana non è altro che un gioco della follia. Il cuore ha sempre ragione "- Erasmo da Rotterdam
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

ULTIMI COMMENTI

Grazzie!
Inviato da: Cuisine française
il 03/08/2013 alle 15:43
 
Ciao, che fine hai fatto? Gianni
Inviato da: maresogno67
il 03/10/2009 alle 22:13
 
ti lascio un saluto ....e una carezza..buona domenica..^___*
Inviato da: io_ribelle
il 19/07/2009 alle 13:38
 
mervaglioso :)
Inviato da: quaseda
il 15/07/2009 alle 13:34
 
non è impresa facile ma possibilissimaaaaaa
Inviato da: il_mio_angelocustode
il 10/07/2009 alle 20:57
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

maresogno67samantha.bozzatoforestales1958il.mio.paese.lagiannima.gmdeagatta80aladar28memmolo1naikeemHOLD_ME_TIGHTcianetti0col.direttoSAlys23weightlessgina251
 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

HO IMPARATO (1)



Ho imparato... che nessuno è perfetto... Finché non ti innamori.

Ho imparato... che la vita è dura...Ma io di più!!!

Ho imparato.. .che le opportunità non vanno mai perse.

Quelle che lasci andare tu...le prende qualcun altro.

Ho imparato... che quando serbi rancore e amarezza la felicità va da

un'altra parte.

Ho imparato...Che bisognerebbe sempre usare parole buone...

Perché domani forse si dovranno rimangiare.

Ho imparato... che un sorriso è un modo economico

per migliorare il tuo aspetto.

Ho imparato...che non posso scegliere come mi sento...

Ma posso sempre farci qualcosa.

 

HO IMPARATO (2)


Ho imparato... che quando tuo figlio

appena nato tiene il tuo dito nel suo piccolo pugno...

ti ha agganciato per la vita.

Ho imparato... che tutti vogliono vivere in cima alla montagna....

Ma tutta la felicità e la crescita avvengono mentre la scali.

Ho imparato.... che bisogna godersi

il viaggio e non pensare solo alla meta.

Ho imparato...che è meglio dare consigli solo in due circostanze...

Quando sono richiesti e quando ne dipende la vita.

Ho imparato...che meno tempo spreco...più cose faccio.

 

CI PARLIAMO DA GRANDI

Prendi ora il più lungo respiro
punta gli occhi nei miei
ci parliamo da grandi davvero
se vuoi
C'è un dolore che è un viaggio da fare
che come viene andrà
ci soffio ma non può bastare
per ora resta qua...con me
C'è una cura che è fatta di bene
ma il bene cos'è?
e' la fatica di un passo indietro
per fare spazio a te
Vale una vita quest'istante segreto
che piega tutti e due
che di un silenzio fa un saluto
e da una fa due vie
Tu vai
tu corri io sto
tu chiedi io do
siamo grandi o no?!
Perchè tutto l'amore che prendi
un giorno lo ridai
quel giorno si diventa grandi
o grandi non si è mai
Tu vai
tu corri io sto
tu hai chiesto io do
siamo grandi o no?!
Tu corri io sto
se la vita lo chiede
siamo grandi o no?!
C'è un cammino che è l'unica scelta
che domani farai
ci parliamo da grandi stavolta
sei pronta allora vai...se vuoi

 

Now we are free

 

BACI DOLCI, SENSUALI, APPASSIONATI...

 

IL MONDO CHE VORREI

Ed è proprio quello che non si potrebbe che vorrei ...ed è sempre quello che non si farebbe che farei ...ed è come quello che non si direbbe che direi ...quando dico che non è così il mondo che vorrei

Non si può sorvolare le montagne ... non puoi andare dove vorresti andare...Sai cosa c'è  ogni cosa resta qui...Qui si può solo piangere...e alla fine non si piange neanche più.

Ed è proprio quando arrivo li che già ritornerei ...ed è sempre quando sono qui che io ripartirei ...ed è come quello che non c'è che io rimpiangerei ...quando penso che non è così il mondo che vorrei.

Non si può fare quello che si vuole ...non si può spingere solo l'acceleratore...Guarda un pò ci si deve accontentare...
Qui si può solo perdere...e alla fine non si perde neanche più

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

L'AVVOCATO DICE...


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62.
Molte delle immagini presenti in questo blog sono reperite da internet, pertanto tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori.
Qualora l’uso delle immagini riportate in questo blog avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, i soggetti legittimati potranno darne comunicazione all’autore che provvederà ad eliminarle immediatamente dal blog.
Il contenuto di questo blog è proprietà intellettuale dell’autore e come tale è protetto dal diritto d'autore ai sensi della legge 22 aprile 1941 n. 633. L'usurpazione della paternità di testi e immagini  è pertanto perseguibile a norma di legge. E' vietata la riproduzione, in qualunque forma, se non con il consenso scritto ed esplicito dell'autore.

 

PICCOLI PENSIERI

 

 

 

"La vita non ha senso a priori.....prima che voi la viviate, la vita di per sé non è nulla...
sta a voi darle un senso e il valore non è altro che il senso che scegliete."
(Jean-Paul Sartre)

 

 

 

 

 

 

 

LA VITA...TRA EQUILIBRIO E FOLLIA

 

 


 ...perchè la vita è un brivido che vola via...
...
è tutto un equilibrio sopra la follia...