Creato da madis3a il 10/10/2005

Occhio_della mente

BLog con testi di proprietà dell'autore

 

oggicisononuvoleesole

Post n°637 pubblicato il 16 Novembre 2014 da madis3a


c'è stato il tempo

delle fragole sulle labbra,

delle guance accese al sole,

il tempo dei capelli arruffati dal sale,

della madre che sgridavadal balcone

e insieme alle urla sotto casa,

dei calci al pallone e del gelsomino.
c'è stato questo tempo maestoso,

cocente,dei tagli sulla pelle,

del sale leccato sulle labbra

c'è stato il vento e tanta pioggia,

e sopra le zagare fiorite e il profumo dei limoni

 c'è stata la grandine scrosciante,

 come pietre sulla testa,

 sull'ombrello divelto dal temporale,

ancora prima la neve,

i fiocchi da guardare scendere

come piume interminabili 

era il tempo delle coperte pesanti

degli inverni dai piedi freddi,

delle scarpe bagnate

c'è stato il tempo giovane 

 

 

@mad

 

 
 
 

Jeremy

Post n°636 pubblicato il 09 Settembre 2014 da madis3a

Il treno passa alle quattro della notte,
sulla ferrovia di River-Cold.
Sbuffando fischia alla luna
imitando il coyote,
e nel silenzio della valle
canticchia il suo ciù ciù .
Risveglia Jeremy il barbone,
che dorme nella panchina
della piccola stazione di River-Cold.

Jeremy il barbone,
voleva partire per l’Australia..
-Non ha soldi Jeremy,
nemmeno tanta fame,
Chiedeva soldi al semaforo e alla stazione.

E così ogni mattina tra le macchine ed il tram
egli ritrovava la sua savana.

Intorno a Jeremy vivono due mosche,
gli ronzano intorno zri,, zrrr , zrrr
come quelle sugli ippopotami
nei documentari
della national Geographics,

Jeremy lo hanno trovato tra le valigie
del terminal aeroportuale
,
disteso su di un panca
in attesa in attesa di partire.
Le sue mosche dormivano
e con loro Jeremy
nel sonno che non finisce .

@mad

o

 
 
 

nessuntitolo

Post n°635 pubblicato il 02 Settembre 2014 da madis3a
Foto di madis3a

ti regalo il vento,

annodato al profumo

dei tamerici,

.

 
 
 

titolo tet7

Post n°634 pubblicato il 25 Settembre 2013 da madis3a

Nel  mare agitato del tuo cuore
>>>>>  io scesi lentamente, 

                meditavo di 
>>>>>                nuotarti vicino come un pesce ,
                                    >>>>>almeno per un mattino,
>>>>>Il tempo di scoprire un nuovo sole.
>>>>> poi      Mi cadde un intimo

                                      sorriso sul tuo seno.

>>>>>                                 Al buio con la musica nelle

                                                                       dita m’inseguisti,
>>>                                              >>e Il sogno malandrino

                                          >>>>>      divenne danza.,

 

                                                                                  @mad                    (copyright)

 
 
 

d

Post n°633 pubblicato il 30 Agosto 2013 da madis3a

L'essenza dell'amore è la luna

in lei si scioglie il sale dei baci.

L'essenza della terra sono le albe

e i tramonti,

in loro si condensa l'amore 

e la battaglia tra il giorno e la notte.

L'essenza del mare è qui negli occhi

silenziosi che lo ascoltano mentre il vento

trasporta le nuvole sopra le isole.

L'essenza di quelle isole è il suo profumo

che giunge al mattino, quando il

traghetto  si ferma giù al porto,

e la gente scende con gli occhi lucidi e

salati.

L'essenza di quello che scrivo è ancora

dentro quello che ho da scrivere .

 
 
 
Successivi »
 

BISTRO FADA

 

NOCOPY

Page copy protected against web site content infringement by Copyscape

 

AREA PERSONALE

 

CONVERSAZIONE - P. GAUGIN - 1899

immagine 
 

IL GIORNO (F. HODLER)

immagine
 

NOCOPY2