Pensieri in Cucina

"Nella ricetta c'è tutto ....tranne l'essenziale" - (G.Marchesi)

 
 

ON LINE

 

ISTRUZIONI PER L'USO

Fate CLICK sulle foto per ingrandirle !!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

claudiomirandamarcobaldinellinadiamattavelli.52alboaspanoantoAdeleSimioliagriflorsncpasqualetomaiuolo1macfelixlucio.colizziclabag70geniola.danieletorregiulia2004stefanosalvi1verdidgl8
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

ho apprezzato moltissimo questo articolo. Complimenti da...
Inviato da: diletta.castelli
il 07/10/2016 alle 17:24
 
Davvero molto interessante il mondo delle salse, bel post....
Inviato da: Mr.Loto
il 28/06/2016 alle 18:18
 
Grazzie!
Inviato da: Blog tendresse
il 31/07/2013 alle 09:25
 
Grazie Giorgia!! Mi impegnerů a farlo, promesso!!
Inviato da: lucio.colizzi
il 10/03/2013 alle 15:01
 
Ciao Lucio! Ť da un pů che t seguo su ABC e volevo farti...
Inviato da: Giorgia
il 08/03/2013 alle 18:28
 
 

SECONDI 1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo blog fa parte del gruppo i migliori blog! (ricette di cucina)

 

 

« Risotto al cavolo cappuc...PASTICCIOTTO AL KIWI »

Piselli a CECAMARITI con i MORZI

Post n°21 pubblicato il 11 Febbraio 2009 da lucio.colizzi
 
Foto di lucio.colizzi


Oggi sono stanchissimo e non mi va proprio di pensare. Quindi questa sera mi rifugio nella tradizione (almeno non ho paura di ricevere commenti negativi !! perché…la tradizione è tradizione, si fa così …e basta!!...o quasi).


Prima di tutto cominciamo col dire che CECAMARITI nel Salento ha due significati a seconda se lo si usa come sostantivo (il CECAMARITI) in questo caso altro non è che un formato di pasta fresca con cui prima o poi vi farò qualche ricetta (o meglio…la farò a me e la racconto a voi). La seconda accezione indica un “modo di fare, ovvero un modo di cucinare qualcosa”, ovvero fare qualcosa “a CECAMARITI”.


E di questo secondo significato che vi voglio parlare questa sera, e per farlo vi racconto un aneddoto.


 Da noi si racconta che quando una moglie vuole preparare qualcosa di buonissimo al marito, ma contemporaneamente avere tutto il tempo per fare altro …..capisci a me: fare shopping, o incontrare qualcuno, etc, etc, etc, è sufficiente cucinargli i piselli a cemariti. Appena il marito rientra a casa li assaggia esclamando: “bravissima mogliettina mia !!! sono ecccceeeezionaaaaaliiii!!!, per essere così buoni chissà quanto tempo hai dovuto dedicare alla cucina !"


Il gioco è fatto!…il marito è stato letteralmente “accecato” dalla bontà del piatto e non vede che la moglie se la spassa di qua e di là !!


 Lei invece ha impiegato esattamente cinque minuti per farlo, perché dovete sapere che questo piatto è stato pensato dai contadini per non buttare via i piselli cotti con la tecnica che vi ho già descritto in un mio precedente post, e rimasti dal giorno prima.


Ecco la ricetta


Prendete delle fette di pane (l’ideale sarebbe: casereccio, di farina di grado duro o di farina di orzo, e che sia un po’ raffermo), tagliatele a cubettini friggeteli in padella con un po’ di olio extravergine d’oliva. Sono buoni quando avranno preso una consistenza croccantissima. Il pane fatto in questo modo si chiama “MORZI” ovvero “pezzetti”.


In una pentola fate un fondo con olio extra, aglio (che poi eliminerete), qualche foglia di salvia o rosmarino o entrambi, del peperoncino piccante. Quando il fondo è ad una buona temperatura tuffateci i piselli precedentemente cotti alla pignata, saltateli bene schiacciandone quancuno ogni tanto con il mestolo. Aggiungete i cubettini di pane, continuate a saltare e poi togliete dal fuoco. Versatele in un tegame, e quando sono ancora caldissimi stendete alcune fette di lardo o guanciale, che si scioglierà con il calore e riempirà di profumo la vostra casa (ad onor del vero, quest’ultimo passaggio l’ho inserito io e non fa parte della ricetta tradizionale…che posso farci, non riesco proprio ad evitare di dare il mio tocco!…..decidete voi se farlo).


 


Fatto !! I piselli a CECAMARITI sono serviti…….il marito è soddisfatto……..e la moglie pure!!


 


alla prossima 


 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lucio.colizzi
Data di creazione: 27/12/2008
 

FOTOGRAFIA GASTRONOMICA

Il mio piatto dal titolo "Il Porcino di Mare" ha vinto il concorso nazionale fotografia gastronomica "anche l'occhio" 2007.

Il Porcino di Mare

 






 





 

 





 





 





 
 




 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31