Pensieri in Cucina

"Nella ricetta c'è tutto ....tranne l'essenziale" - (G.Marchesi)

 
 

ON LINE

 

ISTRUZIONI PER L'USO

Fate CLICK sulle foto per ingrandirle !!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

claudiomirandamarcobaldinellinadiamattavelli.52alboaspanoantoAdeleSimioliagriflorsncpasqualetomaiuolo1macfelixlucio.colizziclabag70geniola.danieletorregiulia2004stefanosalvi1verdidgl8
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

ho apprezzato moltissimo questo articolo. Complimenti da...
Inviato da: diletta.castelli
il 07/10/2016 alle 17:24
 
Davvero molto interessante il mondo delle salse, bel post....
Inviato da: Mr.Loto
il 28/06/2016 alle 18:18
 
Grazzie!
Inviato da: Blog tendresse
il 31/07/2013 alle 09:25
 
Grazie Giorgia!! Mi impegnerů a farlo, promesso!!
Inviato da: lucio.colizzi
il 10/03/2013 alle 15:01
 
Ciao Lucio! Ť da un pů che t seguo su ABC e volevo farti...
Inviato da: Giorgia
il 08/03/2013 alle 18:28
 
 

SECONDI 1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo blog fa parte del gruppo i migliori blog! (ricette di cucina)

 

 

« Calamari ripieni, con ma...Biscoccetti alle mandorl... »

Filetto di maiale con porro, sedano e carciofi, su salsa al vino rosso

Post n°33 pubblicato il 07 Marzo 2009 da lucio.colizzi
 
Foto di lucio.colizzi

In realtà in questo piatto ci sono due salse. Una è ottenuta gratis dal fondo di cottura dell’arrosto (e questo è un classico), per l’altra vi dovete impegnare un pochino. Ma la salsa finale vera è quella che ottengo quando sto per assaggiare e con la forchetta le unisco entrambe. Miiii che goduria !! Ma di come assaggiare sto piatto ne parliamo più tardi perché è ora di andare in cucina.

  1.  Fate un brodo vegetale con sedano, carota e cipolla
  2.  Procuratevi un bel pezzo di filetto di maiale, eliminate il grasso che dovesse trovarsi in superfice ed apritelo in due ottenendo una fetta larga ed alta circa un centimetro. Strofinateci sopra mezzo spicchio d’aglio giusto per insaporirlo, salate, pepate, cospargete un trito di salvia, porro, foglie di sedano e qualche scaglia di parmigiano. Disponete infine delle fette di prosciutto cotto.
  3. Arrotolate il filetto su se stesso e bardatelo con dello speck. Infine legatelo con dello spago da cucina.
  4.  Mettete in un pentolino mezzo litro di vino rosso (io ho utilizzato il nostro grande Negroamaro), con un cucchiaino di miele millefiori ed una foglia di alloro. Fate ridurre sul fuoco finchè non diventerà denso e sciropposo.
  5.  Pulite dei carciofi, eliminate la barbetta interna e tagliateli a fettine. Saltateli in una padella con dell’olio extra e con un spicchio d’aglio. Se dovessero seccarsi troppo, bagnate con qualche goccio di brodo vegetale. Cuocete 10 minuti e spolverate in fine con delle foglie di sedano tritate (scegliete quelle interne più bianche e dolci).
  6.  Rosolate il filetto su  tutti i lati, poi mettetelo da parte e aggiungete nella stessa pentola: sedano. Carota, cipolla, porro tutti tritati ed una patata piccola tagliata cubettini. Fate soffriggere un po’ poi aggiungete un bicchiere di vino biano. Fate evaporare e poi rimette in pentola il filetto. Bagnate con un paio di mestolate di brodi vegetale, coprite e fate cuocere almeno quaranta minuti.
  7. Fate riposare l’arrosto fuori dal fuoco cinque minuti, eliminate lo spago da cucina e tagliatelo a fette spesse a piacere( io ho ricavato delle belle fette alte tre dita).
  8. Frullate il fondo di cottura.
  9.  Impiattate qualche cucchiaio di fondo, disponete sopra una fetta di arrosto ed i carciofi. Finite con qualche goccia di salsa al vino (io ho utilizzato un biberon per fare un cerchio nero intorno alla salsa di cottura).


 A questo punto lascio a voi il gioco dell’assaggio. Se provate ad assaporare l’arrosto con i carciofi e con la salsa ottenuta dal fondo, in gusto è molto classico. Se poi inzuppate un boccone anche nella riduzione di vino noterete un aumento della parte acidula che è ben bilanciata dal miele. Così sembra quasi un piatto medievale.

Sapete che vi dico? Io ci bevo su un bel Negroamaro del Salento in purezza, magari anche affinato un tantino in botte o barrique.

 alla prossima….

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lucio.colizzi
Data di creazione: 27/12/2008
 

FOTOGRAFIA GASTRONOMICA

Il mio piatto dal titolo "Il Porcino di Mare" ha vinto il concorso nazionale fotografia gastronomica "anche l'occhio" 2007.

Il Porcino di Mare

 






 





 

 





 





 





 
 




 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31