Pensieri in Cucina

"Nella ricetta c'è tutto ....tranne l'essenziale" - (G.Marchesi)

 
 

ON LINE

 

ISTRUZIONI PER L'USO

Fate CLICK sulle foto per ingrandirle !!

 

ULTIME VISITE AL BLOG

claudiomirandamarcobaldinellinadiamattavelli.52alboaspanoantoAdeleSimioliagriflorsncpasqualetomaiuolo1macfelixlucio.colizziclabag70geniola.danieletorregiulia2004stefanosalvi1verdidgl8
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

ho apprezzato moltissimo questo articolo. Complimenti da...
Inviato da: diletta.castelli
il 07/10/2016 alle 17:24
 
Davvero molto interessante il mondo delle salse, bel post....
Inviato da: Mr.Loto
il 28/06/2016 alle 18:18
 
Grazzie!
Inviato da: Blog tendresse
il 31/07/2013 alle 09:25
 
Grazie Giorgia!! Mi impegneró a farlo, promesso!!
Inviato da: lucio.colizzi
il 10/03/2013 alle 15:01
 
Ciao Lucio! č da un pó che t seguo su ABC e volevo farti...
Inviato da: Giorgia
il 08/03/2013 alle 18:28
 
 

SECONDI 1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Questo blog fa parte del gruppo i migliori blog! (ricette di cucina)

 

 

« Involtini di sgombro con...Linguine all’astice »

Peperone ripieno con farro perlato, melanzane e patate al sentore di grappa barricata

Post n°58 pubblicato il 22 Maggio 2009 da lucio.colizzi
 
Foto di lucio.colizzi

 

Il concetto di peperone ripieno non l’ho inventato sicuramente io. Diciamo che nella mente di tutti è un classico della cucina italiana e forse internazionale. Quando tagli in due un bel peperone, non c’è storia…..ti scappa subito di riempirlo con qualcosa e cuocerlo in forno. Nel Salento un ripieno classico è quello con il riso mischiato con tutto ciò che trovi in frigo!

Io vi propongo un ripieno inconsueto il cui ingrediente base è il farro perlato.

 

Il farro è una graminacea, proveniente dal medio oriente (Siria, Palestina, Mesopotamia). Veniva utilizzato tantissimo dai romani per i quali aveva un tale valore che veniva impiegato anche come moneta.

In Italia si coltiva maggiormente nel centro-nord ma il prodotto migliore è sicuramente quello della Garfagnana (Toscana) dove addirittura è stato assegnato il riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta). La perlatura è un processo che elimina gli strati esterni del chicco. In generale il farro cuoce in circa 45 minti e non sarebbe necessario tenerlo a bagno prima della cottura ma io consiglio di farlo per almeno un paio di ore.

Il farro è ricchissimo di fibre, ed è una pianta resistentissima ai parassiti, pertanto le colture di farro non richiedo pesticidi e ciò è meglio per noi che lo mangiamo.

 

Domanda: Il farro contiene glutine?? Risposta: Assolutamente SI. Pertanto questa ricetta non va bene per chi è intollerante o allergico al glutine.

 

La ricetta

 

  1. Tenete a bagno il farro per almeno 3 ore
  2. Prendete due bei peperoni, tagliateli a metà ed eliminate i semi interni
  3. Prendete una bella melanzana grande, eliminate la buccia e tagliatela a cubetti piccolissimi.
  4. Friggete i cubetti il olio extra, facendo poi assorbire l’olio di troppo tamponandoli con carta assorbente;
  5. In una pentola imbiondite della cipolla bianca con  un paio di cucchiai di olio extra
  6. Aggiungete il farro (50 gr per ogni metà peperone da riempire), tostatelo per un minuto e sfumate con mezzo bicchierino di grappa barricata
  7. Aggiungete la stessa quantità di patate tagliate piccolissimi cubetti.
  8. Coprite con brodo vegetale (sedano, carota, cipolla) e fate cuocere per 45 minuti aggiungendo brodo bollente al bisogno
  9. A fine cottura, togliete dal fuoco e mantecate con olio extra, aggiungete del pecorino grattugiato non eccessivamente stagionato ed i cubetti di melanzane che avevate fritto, salate e pepate qb.
  10. Fate raffreddare infine aggiungete due uova intere sbattute e delle foglie di menta tritate
  11. Bene ora prendete due patate medie, e tagliete a fettine con la mandolina. Disponete le sfolgie di patate intorno al bordo delle falde di peperone, dopo di che riempite ognuna di esse con cil composto di farro.
  12. Spolverate infine ogni peperone con pecorino e pane grattugiato
  13. Infornate a 180 gradi per circa 30 minuti

 

 

Quando saranno cotti vedrete che la superficie del peperone sarà bella dorata e le patate intorno saranno diventate belle croccanti

Impiattate con qualche cubettino di melanzana nel piatto e delle foglie i menta

 Alla prossima…………….

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: lucio.colizzi
Data di creazione: 27/12/2008
 

FOTOGRAFIA GASTRONOMICA

Il mio piatto dal titolo "Il Porcino di Mare" ha vinto il concorso nazionale fotografia gastronomica "anche l'occhio" 2007.

Il Porcino di Mare

 






 





 

 





 





 





 
 




 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31