Il mondo dei libri

Ogni lettore, quando legge, legge sé stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che è offerto al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in sé stesso. [Il tempo ritrovato-Proust Marcel ]

 

LETTURA IN CORSO

ATTENZIONE

LETTURA IN CORSO

periodo di vacanza!

 

AREA PERSONALE

 

PROSSIME LETTURE

Prossime letture

vacanza!!

 

LIBRI

 

NUOVE PROPOSTE

La 5°vittima

di Antonio Invernici

Proposta da Green100

"Mal di pietre"

di Milena Agus

Proposta da Rossobarricato

"L'Amico ritrovato"
Fred Uhlmann"
proposta da Gifree70

 

NUOVE PROPOSTE PARTE 2A

"Il condominio"
di James Graham Ballard
Proposta da
MarcoRm0

"Terrore dopo la festa"
di Roberto Calcagnile
Proposta da
Bobthewriter
"Racconti bastardi"
di Antonio Giugliano
Proposta da
Wo_land

 

APOLOGIZE

 

TAG

 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

ENZO BIAGI

Le verità che contano, i grandi principi, alla fine, restano sempre due o tre, quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

VEDI BENE

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.

 

ULTIMI COMMENTI

Car games have been around for a long time and over the...
Inviato da: adrian
il 14/12/2011 alle 16:04
 
Car games have been around for a long time and over the...
Inviato da: adrian
il 14/12/2011 alle 16:04
 
Car games have been around for a long time and over the...
Inviato da: adrian
il 14/12/2011 alle 16:04
 
Car games have been around for a long time and over the...
Inviato da: adrian
il 14/12/2011 alle 16:03
 
Car games have been around for a long time and over the...
Inviato da: adrian
il 14/12/2011 alle 16:03
 
 

ANTI TROLL!!!!

immagine

 

DACIA MARAINI

Se amando troppo
si finisce per non amare affatto

io dico che l’amore è una amara finzione

quegli occhi a vela che vanno e vanno su onde di latte

cosa si nasconde mio dio

dietro quelle palpebre azzurre

un pensiero di fuga

un progetto di sfida

una decisione di possesso?

la nave dalle vele nere

gira ora verso occidente

corre su onde di inchiostro

fra ricci di vento

e gabbiani affamati

so già che su quel ponte

lascerò una scarpa, un dente e buona parte di me

 

LIBRI

 

NAZIM HIKMET

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

PUBBLICITÀ

immagine

 

 

« GOMORRA - ROBERTO SAVIANOBREVI INTERVISTE CON UOM... »

SALONE LIBRO 2008 - BOICOTTARE O NO?

Post n°18 pubblicato il 26 Marzo 2008 da Roxy_rox
 

Ogni anno a Torino si svolge la 'Fiera internazionale del libro'.
Quest’anno, già dal 20 febbraio è iniziato un dibattito all’interno del salone dove è stato scelto Israele come ospite d’onore. Non tutti hanno apprezzato la scelta e così si è creato un vera e propria divisione. Di seguito la scena rappresentativa della divisione tra chi vuole boicottare la fiera e chi la difende. Segue un’intervista a Tarqui Ali che spiega le motivazioni della scelta di non partecipare come ospite alla Fiera.

Ugo Volli e Daniela Santus manifestano con una stella gialla  sul petto e una bandiera di Israele  TORINO.
Docenti vestiti con la bandiera israeliana per «non boicottare la Fiera del libro»: è l’ iniziativa di Daniela Santus e Ugo Volli ieri mattina nell’ atrio di Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche dell’ Università di Torino.
«In questi giorni - spiegano i due docenti - si stanno alzando voci che chiedono il boicottaggio della Fiera del libro di Torino che avrà Israele come paese ospite perchè, dicono, nel 2008 ricorre l’ anniversario di quando 850 mila profughi palestinesi dovettero abbandonare le loro case sotto l’ attacco dell’esercito israeliano. È falso. La verità è che a poche ore dalla nascita dello Stato di Israele, regolarmente sancita dall’ Onu, gli eserciti di sette paesi arabi attaccarono il neonato stato al solo scopo di distruggerlo».
Ribattono gli studenti : «Questi professori rappresentano soltanto se stessi. Volli e Santus si devono mettere in testa che da qui alla Fiera del libro gli studenti faranno una miriade di iniziative contro la scelta della Fiera».
Quando era terminato il volantinaggio dei professori Santus e Volli pro Israele si è presentato nell’atrio di Palazzo Nuovo il docente di Filosofia Gianni Vattimo, indossando una bandiera palestinese. «Essere contro il governo di Israele non significa essere antisemiti - ha spiegato - ma invitare Israele come paese ospite alla Fiera del libro è stato un atto provocatorio». Secondo Vattimo il presidente della Fiera, Rolando Picchioni, e il direttore Ernesto Ferrero, «si sono presi il ’pacchetto’ dall’ ambasciata israeliana. Israele è un paese in guerra, invitarlo vuol dire stare dalla sua parte».
LA STAMPA 20-02-2008

Tariq Ali - Perché non parteciperò alla fiera del libro di Torino 2008

 “Una cosa è sostenere il diritto di esistenza di Israele, cosa che ho sempre fatto. Ma da questo estrapolare che tale diritto a esistere significhi che Israele ha un assegno in bianco per fare ciò che vuole a coloro che ha espulso e a coloro che tratta come Untermenschen (termine nazista utilizzato per descrivere "persone inferiori") è inaccettabile”. Quando ho acconsentito a partecipare alla Fiera del Libro di Torino, alla quale ho già partecipato in passato, non avevo idea del fatto che "l'ospite d'onore" sarebbe stato Israele ed il suo sessantesimo aniversario Ma questo è anche il sessantesimo aniversario di quella che i palestinesi definiscono "nakba", il disastro che li ha colpiti quell'anno, quando vennero espulsi dai loro villaggi, uccisi in molti e alcune donne stuprate dai coloni. Questi fatti non sono più in discussione. Dunque perchè il  Libro di Torino non ha invitato in numero uguale i palestinesi? 30 scrittori israeliani e 30 scrittori palestinesi (e vi prometto che esistono e sono ottimi poeti e scrittori) sarebbero potuti essere visti come elemento positivo e pacifico che avrebbe prodotto un significativo dibattito. Una versione letteraria dell'orchestra Diwan di Daniel Bareboim composta per metà da palestinesi e per metà da israeliani. Una simile scelta avrebbe unito molte persone ma non è stata fatta. Gli organizzatori avranno i loro motivi. In passato ho discusso animatamente con alcuni degli scrittori israeliani che hanno visitato il fiera e sarei stato felice di fare altrettanto se le condizioni fossero state diverse. Quanto hanno deciso di fare è una sgradevole provocazione.
“Sembrerebbe che la cultura si stia progressivamente legando alle priorità politiche statunitensi ed europee. L'occidente è cieco alla sofferenza palestinese. La guerra israeliana in Libano, i resoconti quotidiani dal ghetto di Gaza non smuovono le politiche ufficiali dell'Europa. In Francia, lo sappiamo, è virtualmente impossibile criticare Israele. Anche in Germania, per ovvi motivi. Sarebbe triste scoprire che l'Italia stia seguendo lo stesso percorso. Quanto volte devo ribadire che le critiche alla politica coloniale israeliana non devono essere scambiate per antisemitismo? Accettare una simile situazione vuole dire divenire volontarie vittime di un ricatto che l'estabilshment israeliano utilizza per soffocare le critiche. Ci sono alcuni coraggiosi critici israeliani come Shabtai, Amira Hass, Yitzhak Laor i quali non permetteranno che le loro opinioni vengano nascoste. Shabtai si è rifiutato di partecipare. Come potrei altrimenti?
Una cosa è sostenere il diritto di esistenza di Israele, cosa che ho sempre fatto. Ma da questo estrapolare che tale diritto a esistere significhi che Israele ha un assegno in bianco per fare ciò che vuole a coloro che ha espulso e a coloro che tratta come Untermenschen (termine nazista utilizzato per descrivere "persone inferiori") è inaccettabile.
Personalmente auspico un solo stato israelo-palestinese. Mi è stato detto che è utopico. Forse lo è ma è anche l'unica soluzione a lungo termine. A causa dei temi affrontati nelle mie storie spesso mi viene chiesto (l'ultimo caso a Madison nel Wisconsin) se non sarebbe possibile riproporre un periodo aureo come quello andaluso e siculo quando tre culture convissero per lungo tempo. La mia risposta è la stessa: oggi il solo posto dove questo possa verificarsi è Israele/Palestina.
Viviamo in un mondo dove si applicano standard doppi ma non siamo obbligati ad accettarli. Qualche volta capita che individui o gruppi a cui è stato fatto un torto a loro volta infliggano dolore ad altri. Ma la prima parte di questo assunto non giustifica la seconda. E' stato l'antisemitismo europeo che ha tollerato il genocidio ebraico della seconda guerra mondiale e questo ha reso i palestinesi vittime indirette. Molti israeliani ne sono consapevoli ma preferiscono non pensarci. Molti europei considerano adesso i palestinesi ed i mussulmani come una volta consideravano gli ebrei. Questa è l'ironia percepibile nei commenti della stampa e della televisione presenti in quasi tutta Europa. E' un peccato che la burocrazia della Fiera del libro di Torino abbia deciso di fare da mezzano ai nuovi pregiudizi che spazzano il continente. Speriamo un tale esempio non venga seguito altrove. “

Tariq Ali è uno dei direttori della rivista «New Left Review», noto e brillante esponente degli Studi Culturali, è anche storico, analista politico culturale, romanziere e regista cinematografico. Ha pubblicato alcuni celebri studi sull’islamismo e sui suoi rapporti con le culture occidentali. I suoi romanzi storici, raggruppati sotto l’etichetta di «Islam Quintet», comprendono anche Un Sultano a Palermo, The Book of Saladin, The Stone Woman e All’ombra del melograno, che è stato insignito del premio Archibishop San Clemente dell’Istituto Rosalia de Castro come «Miglior romanzo in lingua straniera» pubblicato in Spagna nel 1994. Attualmente sta lavorando all’atto finale del quintetto che verrà pubblicato come gli altri per BCDe.)

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: Roxy_rox
Data di creazione: 09/07/2007
 

BRODSKY

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri. Uno di questi è non leggerli.

 

CLICK HERE

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
 

PUBBLICIZZA IL NOSTRO BLOG: COPIA QUESTO POST!

Vai al blog dei libri:

(immagine di Luca Guglielmo)


IL  MONDO   DEI  
LIBRI
(clicca)

 

JOSEPH ADDISON

La lettura è per la mente quel che l'esercizio è per il corpo.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

gilles81onjimmivillotticiambellinocrisviba94Filo77dglrosariobresciac.byblosnovakkina93nicolaloverresimonemenchettiveronica86dgl1Aco9gianmascalasacconciatureflairgretayash
 

LIBRI COMMENTATI

"Gomorra"
di Roberto Saviano

"La cattedrale del mare"
di Ildefonso Falcones

 “Il piccolo principe”

di Antoine de Saint Exupérie

“La ragazza delle arance”

di Jostein Gaarder

 

Tolleranza zero

di Irvine Welsh 

"Il quaderno nero dell'amore"
di Marilù S: Mancini
Dolores Claiborne
Stephen King
Non ti muovere
di Margaret Mazzantini
 

FACEBOOK

 
 

LIBRI

 

A PROPOSITO DI FRANCIA..

Tu regarderas, la nuit, les étoiles. C'est trop petit chez moi pour que je te montre où se trouve la mienne. C'est mieux comme ça. Mon étoile, ce sera pour toi une des étoiles. Alors, toutes les étoiles, tu aimeras les regarder... Elles seront toutes tes amies.

 

CICERONE

 

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima

 

LIBRI

 

E COSÌ VORRESTI FARE LO SCRITTORE


Se non ti esplode dentro
a dispetto di tutto,
non farlo.
a meno che non ti venga dritto dal
cuore e dalla mente e dalla bocca
e dalle viscere,
non farlo.
se devi startene seduto per ore
a fissare lo schermo del computer
o curvo sulla
macchina da scrivere
alla ricerca delle parole,
non farlo.
se lo fai solo per soldi o per
fama,
non farlo.
se lo fai perché vuoi
delle donne nel letto,
non farlo.
se devi startene lì a
scrivere e riscrivere,
non farlo.
se è già una fatica il solo pensiero di farlo,
non farlo.
se stai cercando di scrivere come qualcun altro,
lascia perdere.
se devi aspettare che ti esca come un
ruggito,
allora aspetta pazientemente.
se non ti esce mai come un ruggito,
fai qualcos'altro.
se prima devi leggerlo a tua moglie
o alla tua ragazza o al tuo ragazzo
o ai tuoi genitori o comunque a qualcuno,
non sei pronto.
non essere come tanti scrittori,
non essere come tutte quelle migliaia di
persone che si definiscono scrittori,
non essere monotono o noioso e pretenzioso, non farti consumare dall'auto-compiacimento.
le biblioteche del mondo hanno
sbadigliato
fino ad addormentarsi
per tipi come te.
non aggiungerti a loro.
non farlo.
a meno che non ti esca
dall'anima come un razzo,
a meno che lo star fermo
non ti porti alla follia o
al suicidio o all'omicidio,
non farlo.
a meno che il sole dentro di te stia
bruciandoti le viscere,
non farlo.
quando sarà veramente il momento,
e se sei predestinato,
si farà da
sé e continuerà
finché tu morirai o morirà in
te.
non c'è altro modo.
e non c'è mai stato.

Charles Bukowski

 

UNA STORIA DI AMORE E DI TENEBRA – AMOS OZ

Capivo il suo dolore: papà aveva un rapporto quasi carnale con i libri. Amava toccarli, frugarli, accarezzarli, annusarli. Era infoiato per i libri, incapace di trattenersi, allungava subito le mani, fossero anche stati libri altrui. In effetti, i libri di allora erano molto più sexy di quelli di adesso: c’era di che annusare, accarezzare, tastare. C’erano libri con le scritte dorate sulla copertina che ancora profumavano, un po’ ruvide al tatto, così che dalle mani passava tutto un brivido sulla pelle, come quando si tocca qualcosa di intimo e inaccessibile, qualcosa che un po’ freme e trema, sotto le tue dita. C’erano poi libri con la copertina in cartone rivestita di stoffa, appiccicata con una colla dall’odore incredibilmente sensuale. Ogni libro aveva il suo odore segreto ed eccitante. A volte la copertina di stoffa si staccava un poco dal cartone, si scompigliava come una gonna sfacciata e che fatica non gettare l’occhio verso l’interstizio buio fra il corpo e il tessuto, non attingervi sentori da vertigine.

gentilmente offerto da Vaniapocket