Creato da Piero_Calzona il 14/03/2007

Verità...

Alla ricerca di soluzioni comuni per la pace e la libertà nel mondo

 

 

« CelibatoOLOCAUSTO AMERICANO »

La fabbrica dei santi

Post n°112 pubblicato il 02 Marzo 2009 da Piero_Calzona
 

 

La fabbrica dei Santi

Qual è il significato dell’adorazione dei Santi?

santi

 

Gesù nei suoi Vangeli non ha mai parlato né di Chiesa, né di sacerdozio, né di celibato, né di papato, né, tantomeno, di venerazione ai Santi. Tutto ciò che si sta verificando nel Vaticano, sotto la guida spirituale di alcuni Papi, è frutto di una manipolazione spietata dei Vangeli, attraverso i vari Concili che si sono avuti nella storia del Cristianesimo. Gesù nei suoi Vangeli ha parlato di Dio, come unica Entità Suprema a cui dobbiamo la nostra esistenza. La venerazione dei santi fa parte dell’idolatria e risale ad antichi riti pagani, ciò è in completa contraddizione  con i dogmi della religione cristiana, (Nuovo Testamento). Il Vaticano è diventato una “fabbrica di santi”. Troppe beatificazioni a San Pietro sotto il pontificato di Wojtyla. Giovanni Paolo II ha proclamato nel suo pontificato ben 1338 beati e 482 santi: cioè, da solo, più dei 1319 beati e 296 santi di tutti i suoi predecessori dal 1588, anno in cui Sisto V istituì la Congregazione dei Riti e fissò le procedure moderne.

 

 

 

 
Rispondi al commento:
insorgente
insorgente il 13/03/09 alle 12:59 via WEB
Concordo con l’Autore del blog.
Non ci si può limitare a dire “siete troppo ignoranti; la decenza ha un limite. Questo è solo becero anticlericalismo……”.
Lei non è entrato minimamente nel merito delle argomentazioni enunciate nel post.
Piero Calzona non obbliga nessuno a leggere o commentare il blog per cui, l’atteggiamento più corretto mi sembra sia quello di “esporre il pensiero in modo dettagliato, indicando i punti chiari del dissenso”.
Altrimenti diventa uno sterile scambio di invettive.
Detto questo, è innegabile che nel blog si “respiri” il risentimento anti-cattolico dell’Autore.
La frase di presentazione (molto bella)recita: “ALLA RICERCA DI SOLUZIONI COMUNI PER LA PACE E LA LIBERTÀ NEL MONDO”.
Dopo aver letto con attenzione gli ultimi post con i relativi commenti sembra che la ricerca di soluzioni comuni per la pace e la libertà del mondo debbano passare dalla personale guerra santa dell’Autore nei confonti della Chiesa.
Ma è una sua scelta, che non sta al sottoscritto di giudicare.
Come dicevo, nessuno è obbligato a leggere il blog, tantomeno a commentarlo.
Se si decide di commentare, occorre farlo con rispetto.

Nel merito del post, l’argomento è: la venerazione dei santi.
Si afferma che questa è “una manipolazione spietata dei Vangeli, attraverso i vari Concili che si sono avuti nella storia del Cristianesimo” e che “fa parte dell’idolatria”.
Con il suo permesso vorrei replicare su questi punti.
La contestazione della venerazione dei santi appartiene al mondo protestante ed ai Testimoni di Geova, i quali contestano questa venerazione.
I riformatori protestanti Zwingli e Calvino già nel XVI secolo consideravano il culto dei santi una invenzione umana, senza basi bibliche.
Cominciamo con il dire che nella Bibbia sono chiamati “santi” tutti quelliche hanno fatto la scelta cristiana, i membri della comunità di Cristo.
Ma noi restringiamo il discorso ai santi che sono già in Cielo: uomini e donne che si sono distinti per la pratica eroica delle virtù cristiane.
E' lecito - chiediamo - venerare questi santi? Oppure ciò è contro la volontà di Dio?
La Venerazione dei santi è confermata dalla Sacra Scrittura e dalla tradizione bi-millenaria della Chiesa, fin dalle Chiesa “primitiva”.
Venerare i Santi è in sintonia con quello che i cristiani hanno sempre fatto, fin dai tempi della Chiesa primitiva.
Infatti, cercando nella storia della Chiesa primitiva è possibile riscontrare come già i primi cristiani si comportassero al riguardo.
Premettiamo che fin dai primissimi tempi il martirio, il dono della vita per Cristo, era considerato la massima espressione dell'amore a Dio e della fede.
Il martire era un eroe cristiano e la comunità circondava di venerazione - come facciamo oggi noi cattolici - il suo corpo e la tomba.
Gli Atti degli Apostoli narrano, al capitolo 8, che dopo il martirio di Santo Stefano, “Persone pie seppellirono Stefano e fecero grande lutto per lui”.
Nella Chiesa primitiva, come facciamo noi cattolici, veniva ricordato l'anniversario della morte del martire e lo si pregava perché intercedesse presso Dio in favore dei vivi.
Non mancano i documenti.
Il primo che la storia ci ha tramandato ricorda il “giorno del martirio” di San Policarpo, morto il 23 febbraio 155 a Smirne, nell'odierna Turchia.
Questo documento è stato scritto nell'anno 177 dalla Comunità di Smirne e si intitola “Martirio di san Policarpo”.
Vi si legge la distinzione tra la adorazione da tributare a Cristo, perché è Dio e la venerazione da tributare ai martiri, perché sono stati discepoli e imitatori di Cristo. Leggiamo: “Noi adoriamo Lui (il Cristo) perché è Figlio di Dio; i martiri invece li amiamo come discepoli e imitatori del Signore (...). Pertanto il centurione, visto l'accanimento dei Giudei nella contesa, fece portare in mezzo il corpo e lo fece bruciare secondo il costume pagano. Così noi, solo più tardi, potemmo raccogliere le sue ossa, più preziose delle gemme più insigni e più stimabili dell'oro, e le collocammo in luogo conveniente. Quivi, per quanto ci sarà possibile, ci raduneremo con gioia e allegrezza, per celebrare, con l'aiuto del Signore, il giorno natalizio del suo martirio, per rievocare la memoria di coloro che hanno combattuto prima di noi, e per tenere esercitati e pronti quelli che dovranno affrontare la lotta”
(Dal martirio di san Policarpo, cc. 17 e 18).
In questo prezioso e antichissimo documento appare come nei primissimi tempi - siamo poco dopo la metà del II secolo - i cristiani veneravano i martiri, i santi, raccoglievano e custodivano le loro reliquie: proprio come facciamo oggi noi cattolici.
I cristiani dei primi tempi raccoglievano, con religiosa pietà, quando era possibile, le sacre spoglie dei martiri per seppellirle onoratamente, e poi celebravano il dies natalis, cioè il giorno del martirio, con la Messa.
La storia ci trasmette altri dati.
Lo storico Eusebio di Cesarea ci racconta che il senatore romano Astirio, presente al martirio del soldato Marino, “si pose sopra le spalle il cadavere, lo avvolse in scintillante e preziosa veste e con magnifica pompa lo collocò in una tomba conveniente” (Hist. Eccl., VII, 16).
A Cartagine i cristiani, dopo la morte di san Cipriano, presero di notte il corpo del martire e lo accompagnarono fra ceri e fiaccole con preghiere in solenne corteo fino al sepolcro.
I cristiani si radunavano sulla tomba, se questo non era impossibile per via della persecuzione, per commemorare i martiri con la celebrazione eucaristica e con altri riti liturgici.
San Cipriano voleva che si tenesse conto del giorno della morte dei confessori della fede per celebrare la loro memoria.
Sono solo alcuni esempi, molti altri esempi se ne potrebbero portare.
Aggiungo che la venerazione dei Santi non è in contrasto con l'insegnamento della Bibbia
La Bibbia afferma che è legittimo venerare i santi, pregarli, chiedere la loro intercessione.
In 1 Tm, 2,5 troviamo esplicitamente: "uno solo è il mediatore tra Dio e gli uomini.
E' facile comprendere che la mediazione unica, necessaria di Gesù, non esclude una mediazione secondaria, subordinata all'unica di Cristo dal quale e per il quale ci viene tutto.
Uguali intercessioni subordinate e secondarie le troviamo anche in Gv 2,3: “La Madre di Gesù gli disse. ‘Non hanno più vino’ "ed ottenne dal figlio il vino ricavato dall'acqua.
Anche negli Atti (12,5) troviamo che tutta “la Chiesa pregava per Pietro", e Pietro fu liberato dalla prigione per l'intervento di un angelo.
In Lc 7,2-10 viene raccontato l'episodio del centurione che manda a Gesù alcuni anziani dei Giudei a pregare di venire a casa sua per salvare un suo servo ammalato.
"Costoro giunti da Gesù lo pregavano con insistenza: 'Egli merita che Tu gli faccia questa grazia, dicevano, perchè ama il nostro popolo..."' "Io vi dico che neanche in Israele ho trovato una fede così grande..." "E gli inviati quando tornarono a casa, trovarono il servo guarito".
In 1 Tm 2,1-6, dice: "... la preghiera infatti, è cosa buona e accetta al Salvatore nostro Dio, il quale vuole che tutti gli uomini si salvino e giungano alla cognizione della verità”.
S. Giacomo insiste: “... molto può la preghiera intensa del giusto" (Gc: 5,16).
Questa intercessione o mediazione dei Santi non intacca minimamente la posizione di Gesù Cristo quale unico mediatore fra Dio e gli uomini (1 Tm 2,5).
Infatti tutte le preghiere che sono rivolte a Dio - comprese quelle della intercessione dei Santi - sono tutte rivolte a Lui per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo.
Così ha sempre pregato e continua a pregare la Chiesa.
Queste precisazioni restano sempre vere, anche quando un fedele, per ignoranza o per semplicità, dovesse intendere o fare diversamente.
La Chiesa interviene ed è sempre intervenuta per correggere qualunque deviazione al riguardo.
Anche Paolo scrive: "... sono lieto delle sofferenze che sopporto per voi e completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo a favore del Suo Corpo che è la Chiesa" (cf Col 1,24).
Gesù non è l'unico mediatore?
E cosa può apportare di bene Paolo al Corpo di Cristo che è la Chiesa?
E' presuntuoso Paolo?
Non dimentichiamo mai che qualunque intercessione-mediazione è sempre secondaria e subordinata a quella, di Cristo.

Spero di aver contribuito a rasserenare la discussione e prego Dio affinché l’Autore del blog possa imparare ad apprezzare il buono che si può trovare in ogni persona onesta, compresi i cattolici.
Ringrazio per l’attenzione.
Con i migliori saluti, Gianpiero.
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

INFO

 

Un blog di: Piero_Calzona

Data di creazione il 14/03/2007

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 147
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marialuisatomasrosa.ferrecchiaassholebreakersolo_nei_tuoi_occhidaloi1954nadiacappapippoclementegraziano.bonfrancescninojan1lucia.cpcmontallegro.anagrafedelaurisromanovincenzo37ilcoloreametistapinaciciretti
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

LE MIE FOTO

"...Se nel mondo si potesse comunicare solo con le immagini, forse vivremmo in un mondo magico, costituito prevalentemente da sensazioni bellissime. Forse l'umanità avrebbe una dimensione diversa, una dimensione dove prevarrebbe di più l'amore, la comunicazione espressiva, le emozioni, il senso dell'estetica, forse anche un pizzico di buon senso, cosa che attraverso la comunicazione verbale a volte manca...".

immagine 

immagine

immagine

immagine

immagine

 

OFFICIAL SITE PIERO CALZONA

GALLERIA FOTO

REPORTAGE PONENTE LIGURE

REPORTAGE LEVANTE LIGURE

LE MIE FOTO 2

 

LE MIE FOTO 3

 

LE MIE FOTO 4