Creato da pioneerp200 il 07/05/2013

Chi è in prima base

della meta ce ne fottiamo

 

 

Storie di ordinaria brutalità

Post n°3 pubblicato il 07 Maggio 2013 da pioneerp200

da un forum:

utente A

"mi chiama la mia amica per dirmi che avrebbe piacere a presentarmi il suo ragazzo che soffre di disturbo bipolare, dice che saremmo potuti diventare amici, essendo io borderline.."

utente B, pure simpatico

"ora sto in ansia perchè temo lo squillo del telefono... - hei jonny, conosco una eroinomane cosi' caruccia! per te che sei un alcolizzato potrebbe andare bene?"

Le atrocità dette in assoluta buona fede sono sempre cosi' disarmanti...Noè non aveva capito un cazzo, non ci si deve accoppiare in base alla specie, ma alla specialità.

 
 
 

Storiella zen

Post n°2 pubblicato il 07 Maggio 2013 da pioneerp200

Storiella zen:

C'era una storia che racconta di un discepolo, il quale disse al suo guru che sarebbe andato in un luogo lontano per meditare e che sperava di tornare illuminato.
Cosi', ogni sei mesi, il discepolo spediva al guru una lettera per riferirgli dei progressi che stava compiendo.
La prima lettera diceva: - Ora capisco cosa significa perdere il sè. - Il guru stracciò il foglio e lo buttò nel cestino.
Dopo sei mesi ricevette un'altra lettera, che diceva: - Ora ho raggiunto la sensibilità nei confronti di tutti gli esseri viventi. - Il guru la strappò.
Una terza lettera diceva: - Ora capisco il segreto dell'unità e della molteplicità. -
Anche questa fu stracciata.

La cosa andò avanti per quattro anni e poi non arrivarono più missive. Dopo un po' il guru cominciò a incuriosirsi e, dato che un viaggiatore si stava dirigendo verso quel luogo lontano, il guru gli chiese: - Perchè non vai a scoprire cosa ne è stato di quel discepolo? -

Finalmente ricevette una lettera dal giovane. C'era scritto: - Cosa importa? -
E quando il guru l'ebbe letta esclamò - Ce l'ha fatta! Ce l'ha fatta! Finalmente ha capito! Ha capito! -

 
 
 

Il mio più grande desiderio

Post n°1 pubblicato il 07 Maggio 2013 da pioneerp200

Oh beh dunque, storia vera: una decina di anni fa guardavo in TV miss italia, ed io credo che l'inferno potrebbe somigliare a una cosa del genere. 
Tutto era patinato, dalla dentatura delle miss, alla capigliatura impeccabile del fabrizio frizzi, anche l'abito calzava a pennello, le luci perfette, gli ospiti elegantissimi..

Ora si dà il caso che la sig.ra prassi volesse passare una a una tutte le miss col microfono in mano, chiedendo loro: - qual è il tuo sogno nel cassetto? - chi diceva quello, chi diceva questo... La casa per mammà, la pensione per pappà, la dentiera oro-platino per nonnà, ogni miss diceva la sua stronzata.
Mentre procedeva il carosello del disgusto, per puro caso si sono imbattuti in una sequela di miss che si erano preparate la stessa identica frasettina, non so se è stato un errore dell'organizzazione o cosa altro, fatto sta che la faccenda è andata più o meno cosi':

- E tu, numero 22, qual è il tuo più grande desiderio?- La pace nel 
mondo!! - risponde quella! 

- Ecco ora la numero 23 dalla campania, qual è il tuo sogno nel 
cassetto? La.. pace nel mondo! - risponde questa! 

- Ok, numero 24, qual è il tuo più grande desiderio? - la... la... cioè... sarebbe la pace nel mondo...- 

... la numero 25 era fottuta peggio di Moana in una gang bang, e lo sapeva.
Il suo cervello in un gesto estremo di misericordia le aveva fatto omaggio di questa mirabolante intuizione: non doveva assolutamente dire "la pace nel mondo".
Qualunque cosa sarebbe stata meglio della pace nel mondo, poteva pure dire che il suo sogno era quello di mettersi in culo un baobab comprese le radici, e sarebbe stato comunque meglio della pace nel mondo.

Ma il suo cervello ormai aveva già dato.. poverina, l'aveste veduta in quei tre secondi, era atterrita, disperata, alzava gli occhi al cielo come a dire "aiutami tu". 
Niente. non le è venuto niente. e con gli occhi bassi, con un filo di voce, quasi a chiedere scusa, anche lei: - la pace nel mondo-

(brusio tra il pubblico, sghignazzate, frizzi in imbarazzo)

La numero 26, incredibilmente, è stata la più spavalda. forse era sotto xanax e non aveva idea di che cazzo stesse succedendo, forse quel sorriso da stronza che teneva stampato da un'ora e mezza era figlio di una invalidità precedente, non lo sapremo mai.
Quel che ricordo è che disse - La pace nel mondo!! - con una baldanza, con una boria, come a dire - Ebbè anche per me la pace nel mondo è la cosa più importante, che cazzo ve ne frega a voi?-

Ecco, il mio più grande desiderio sarebbe stato quello di vedere li' tra il pubblico un uomo che dopo la quinta -pace nel mondo- consecutiva fosse saltato tra i sedili, e raggiunto il palco, e sfilata dal taschino una motosega per sequoie, avesse iniziato la mattanza in diretta tv. 
Volevo laghi di sangue, volevo oceani di sangue, volevo vedere pezzi di muscoli e tendini e ossa spezzate in un unico turbinio dantesco, volevo urla, grida e disperazione, sognavo di tranci di carne maciullati che planano di qua e di là e di su e di giù come quando i bambini giocano coi gavettoni.
Volevo l'aria saporosa di morte, avrei voluto sentire da casa l'odore di miscela al 2% e di olio bruciato, quell'inconfondibile odore di metallo fuso caratteristico di una motosega che lavora per mezz'ora a piena potenza.

Ma non è successo.

 
 
 
« Precedenti
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fatadeglistraccizephiro2016pappa.cacchioBLUSPECIALElolilolinaamicadelleapiXXGRANLUPONEROXXpioneerp200cristian.hulkamnesia_lroby74_7primaessenzadglgiostradivitaMieleselvatica
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom