Creato da pino.bullara il 24/04/2011
Poesie di Pino Bullara

Benvenuti

 

 

Ognuno può esprimere

il proprio parere liberamente.

Le persone fanatiche,

bigotte e volgari

 non sono gradite.

 ------------------

 L’autore delle poesie
di questo blog è
Pino Bullara.
Ai sensi del D.L.196/2003,
il materiale qui contenuto
NON può essere copiato
o utilizzato da altri,
senza il permesso dell’autore.

 

blowing in the wind

 

 

Omino

La disubbidienza civile ( Gandhi)

  «La disobbedienza civile diviene un dovere sacro quando lo Stato diviene dispotico o, il che è la stessa cosa, corrotto. E un cittadino che scende a patti con un simile Stato è partecipe della sua corruzione e del suo dispotismo» (Gandhi).

 

Ultime visite al Blog

capbat1p.desimone2008pino.bullaragioia58_rxxxl_tuttasuifianchisabbia_nel_ventoansa007abisperiellyslssuperferrarirussoimmobiliaresrllubopoSky_Eaglemakavelikarobi19700
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

http://blog.libero.it

Agrigento: la valle dei templi.

 

L'agnello pasquale di Favara

 

Il mio sito

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

« FrancaUna Matita »

Arpalice

Post n°126 pubblicato il 29 Maggio 2012 da pino.bullara

Arpalice

“L’Italia unita quindici anni compiva,

a Marostica la vita mia al mondo si apriva,

il dodicesimo giorno del mese infiorato,

Arpalice fu il nome che mi venne dato.

 

Io fui una maestra, e lo fui per passione:

l’insegnamento per me era una missione.

Scrissi libri di scuola, poesie educative;

col mio Cristiano* ebbi tante iniziative.

 

Libertà e fratellanza, a coronamento,

furono i princìpi del mio insegnamento.

Per la grande guerra ero non-interventista,

mi dichiarai apertamente neutralista.

 

Per la mia adesione a tale movimento,

da Vicenza ci imposero il trasferimento.

Finita, poi, la prima guerra mondiale,

la situazione sembrò ritornar normale.

 

Inseguito, non aderendo al fascismo,

io e i miei libri subimmo l’ostracismo.

Ma continuai ad insegnare ugualmente,

dando lezioni a maestri, privatamente.

 

Cantai: “O cari monti del mio Paese.”

Amai Marostica e la sua gente cortese.

Da qui “Io vi saluto con tutto il cuore,

e della Patria (ancor) sento l'amore”.

(Pino Bullara)

*Cristiano Pertile, sposo inseparabile di Arpalice Cuman.

********

Dedico questa poesia ad un’altra insegnante

che ho conosciuto qui nel web: Flavia.

*****

Donne
 
Home

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog